Pazza d'amore Pazza d'amore

Pazza d'amore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

A partire dal 1863, Adèle Hugo, secondogenita del grande scrittore, e che aveva allora trentatré anni, divenne nella sua famiglia quella di cui si parlava a bassa voce e di cui si evitata di pronunciare il nome davanti a chiunque. Era partita, furtivamente, per Halifax, in Nuova Scozia, per raggiungere il giovane tenente Albert Pinson che desiderava ardentemente sposare e che non ne voleva sapere di lei. Eppure, l’aveva sedotta, anni prima, nella terrazza a strapiombo sul mare e nelle sale buie della dimora paterna dall’isola di Guernsey dove Victor, in esilio e addolorato per la morte della sua primogenita Leopoldine organizzava abitualmente sedute spiritiche; eppure era stata la sua amante. Il bel tenente però non l’ama più e a nulla serve il consenso a sposarlo che Adèle ha finalmente strappato dal padre, così come si rivelano inutili, anzi dannosi, i sotterfugi e le menzogne cui la ragazza ricorre per riconquistare l’uomo che ama. Adèle annuncia ai suoi il matrimonio che non c’è mai stato e al quale gli Hugo avevano inizialmente creduto. Quando scoprono che Adèle ha mentito, la ferita è inguaribile e suo padre non riesce a dominare il risentimento: per quanto libero dai pregiudizi, restava in lui affilata, esigente, una certa idea di rispettabilità borghese e di “onore” familiare che Adèle aveva, ai suoi occhi, intaccato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
 
Pazza d'amore 2021-06-04 20:40:33 ALI77
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    04 Giugno, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ADELE HUGO

Questo libro è formato da una serie di lettere che Victor Hugo scambia con la moglie e i figli e la storia che emerge è a dir poco sconcertante.
Pochi la conoscono, nell'Ottocento questo scandalo è stato celato per non "sporcare" la reputazione della famiglia Hugo e in particolare di Adéle, l'ultima figlia del famoso scrittore.
Noi tutti conosciamo Victor Hugo come un grande scrittore e poeta francese, viene considerato come il padre del Romanticismo francese e autore di grandi romanzi.
La sua vita professionale e privata però non è stata sempre facile, ha avuto molti dolori, due in particolare, l'insuccesso della sua operata teatrale "I Burgravi" che lo allontanerà dal teatro e la morte accidentale della figlia Léopoldine annegata con il marito nella Senna, nel 1843.
Quest'ultimo evento probabilmente cambierà il corso della vita non solo di Victor ma anche dell'altra figlia Adéle.
Victor Hugo convito repubblicano fu costretto all'esilio dopo il ripristino della Monarchia nel 1851, ed è proprio in una delle isole inglesi dove soggiornò con la famiglia che successe qualcosa che porterà delle terribili conseguenze per Adéle. Nella villa degli Hugo, Adéle ebbe una relazione con Albert Pinson, un tenete che conosce per caso, la ragazza è convinta che lui la sposerà ma in realtà l'uomo non ne vuole sapere.
Adéle inizia così una serie di bugie e di stratagemmi per far credere alla famiglia che invece Pinson voglia sposarla, ma qui mi fermo per non rovinarvi la lettura.
"Quando è partito era triste, solo, e tra i singhiozzi l'unica idea che lo sosteneva era quella di diventare mio marito. Compito impegnativo, difficile, glorioso, sublime! Perché diventare mio marito significava diventare tuo genere!"
Adéle soffre di schizofrenia, probabilmente ereditata dallo zio, che la porta a immaginare che Pinton la ami e che la sposerà mentre l'uomo l'ha chiaramente rifiutata, soltanto che in lei scatta un meccanismo che la porta a compiere dei gesti che metteranno in pericolo tutta la sua famiglia.
"La fantasia non fa piangere e il capriccio non dura."
Non giudico la vita di Adéle ci mancherebbe ma credo che la sua malattia sia dovuta a qualcosa che le è successo.
All'inizio ci viene detto che la protagonista ha avuto un'infanzia serena e tranquilla, quello che sconvolse la famiglia Hugo è sicuramente la morte di Léopoldine, tanto che lo stesso Victor organizzerà delle sedute spiritiche per stabilire un contatto con la figlia.
La morta tragica della sorella Léopoldine può aver scatenato in Adéle la sua malattia? E quindi per lei credere in questo amore irreale e a un possibile matrimonio è stato un modo per combattere il dolore e per estraniarsi dalla realtà?
Prima di Pinson, Adéle ha molti corteggiatori, è lui a notarla e i due hanno una relazione, però poi per qualche motivo l'ufficiale si tira indietro, perchè? Cosa accadde tra di loro?
La malattia di Adéle e le scelte che compirà porteranno lo scompiglio in tutta la famiglia Hugo, lo scandalo è dietro l'angolo, pensiamo che siamo sempre nell'Ottocento e la reputazione di una donna è facile da sporcare.
Credo che non scopriremo mai la verità su questa storia, ma questo libro è sicuramente molto interessante e forse a suo modo ci vuol far capire quanto sia fragile la mente umana.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Infanzia
Il ragazzo
Gli anni
Le inseparabili
Abbandono
Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Voglio sappiate che ci siamo ancora
Niente paura
Greenlights
Ad occhi aperti
Un'autobiografia involontaria
La mia vita con i gatti
Sotto la falce