Un uomo innamorato Un uomo innamorato

Un uomo innamorato

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Nell'arco di pochi giorni Karl Ove Knausgard decide di dare un taglio netto alla propria vita in Norvegia e lascia il paese e la moglie Tonje per trasferirsi a Stoccolma. Lì stringe profonda amicizia con un altro esiliato norvegese, un intellettuale appassionato di boxe di nome Geir, e va dietro a Linda, una bella poetessa che l'aveva incantato anni prima a un workshop per scrittori. "Un uomo innamorato", il secondo volume di sei del ciclo "La mia battaglia", vede Knausgard raccontare di relazioni tempestose, delle sfide della paternità e dell'urgenza di scrivere. Come ne "La morte del padre", noi leggiamo mentre la sua vita si svolge.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un uomo innamorato 2016-05-29 21:21:10 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    29 Mag, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tormento ed estasi

Karl Ove si e' trasferito in Svezia, a Stoccolma, lasciando lutti ed affetti famigliari, tra cui la moglie Tonje, si e' di nuovo innamorato, questa volta di una affascinante quanto misteriosa e caratteriale poetessa, Linda, dalla quale avra' tre figli, oltre ad un intenso quanto burrascoso rapporto di coppia. Nel frattempo, vive alla giornata, in un' altra terra, alle prese con i fantasmi del passato, con la propria creativita' sbiadita, la quotidianita' di padre, nuove conoscenze ed amicizie, si pensi alla figura di Geir, intellettuale norvegese con la passione della boxe.
Dopo " La morte del padre ", il secondo volume dell' autobiografico " La mia battaglia " e' un percorso a ritroso che tratteggia un nuovo capitolo del monologo interiore del protagonista.
Questa volta il tema dominante e' l' amore, nel primo volume era la morte.
E' un amore tormentato, che vive di attimi, sensazioni, instabilità', urlato e silente, inizialmente ancora intessuto dall' elaborazione del lutto, anche se il totale cambiamento di vita ne auspicava la rinascita.
Ci troviamo a Stoccolma prima ed a Malmoe poi, dalla Norvegia rurale e paesana alla Svezia urbana e classista, dallo spirito goliardico ed esuberante alla freddezza algida ed introspettiva.
Carl Ove passeggia, si ferma, osserva la vita altrui, si interroga sulla propria e su quell' essere cittadino del mondo e nel mondo, marito e padre, scrittore ed intellettuale, in una indagine antropologica, psico-sociale ed introspettiva.
Permane quell' inquetudine di fondo e si ha l' impressione di un duplice percorso, interiore ed esteriore, il proprio se' e la sua rappresentazione nel mondo. E' sempre presente un tormento quasi atavico e dai tratti molto scandinavi, quel velo melanconico che accompagna gesti e movimenti, anche nei momenti di gioia, rallentandoli, fissandoli nel presente, insieme ad un passato che ritorna ancora sospeso e non del tutto metabolizzato.
Nella prima parte il protagonista e' scisso tra il se' pensante, creativo, e l' altro se' spettatore della propria ed altrui vita e i due aspetti sembrano antitetici ed inconciliabili.
Poi, con il ritorno nell' amata terra natia, nel rivivere un passato doloroso ancora vibrante, si compie la definitiva elaborazione del lutto, il superamento di un dolore sfiancante per dare inizio ad una vita ex novo.
Allora ritorna lo spirito creativo che scorre nel fiume dell' esistenza, diventa quotidianita', creativita' e non inquietudine e separazione. Inizia il racconto autobiografico, e l' amore prende forma con la tenerezza del quotidiano, in semplici gesti ripetuti, sempre quelli, nel vivere con la piena cognizione di essere e sentirsi padre.
E' stupefacente la ricchezza e la fluidita' narrativa tra le pagine che attraversano quel fiume di parole che scorre inesorabile, trascina e raccoglie inglobando ogni elemento esperito.
Knausgard si conferma un grande narratore, di oggetti, immagini, sensazioni, odori, sapori, dialoghi, persone, descrivendoli con immediatezza e realismo quasi fossero tocchi pittorici ma estremamente vivi.
A volte, come nel primo volume, permane un eccesso di teoria estetica, un auto-compiacimento nel perdersi tra le parole, nel cedere al proprio io creativo e contemplativo.
Ma in lui predomina l' animo dello scrittore, e quella infinita ed indefinita incertezza : "La domanda verte su cosa scegliere, il movimento che e' vicino alla vita e all' amore, o il luogo esterno al movimento, che e' quello dove risiede l' arte, ma anche in un certo senso la morte?"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il primo volume " LA MORTE DEL PADRE"
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri