Alabama song Alabama song

Alabama song

Letteratura straniera

Editore


La trama e le recensioni di Alabama song, romanzo di Gilles Leroy edito da Baldini Castoldi Dalai. Montgomery, Alabama, 1918. Quando Zelda, la "Bella del Sud", incontra il sottotenente Scott Fitzgerald, la sua vita subisce una svolta decisiva. Lui ha giurato a se stesso di diventare scrittore, e in effetti il suo primo romanzo è un successo strepitoso. La coppia diventa un'icona dell'alta società newyorkese e dei ruggenti anni Venti. Ma Scott e Zelda sono poco più che dei bambini e, gettati nel falò della vita mondana, non tardano a bruciarsi le ali. Costruito come un diario in cui si miscelano elementi biografici e fantastici, e inframmezzato da immaginari colloqui della protagonista con gli psichiatri che l'ebbero in cura, "Alabama song" è la cronaca di una corsa a perdifiato incontro alla follia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Alabama song 2013-09-20 02:50:40 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    20 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Champagne, ragtime e disperazione

Innanzitutto due parole sul titolo di quest’opera che io ho apprezzato anche perché ha per protagonista Francis Scott Fitzgerald, l’autore de “Il grande Gatsby”, tragico protagonista insieme alla moglie Zelda dei ruggenti anni venti.
Alabama Song (altrimenti nota come Moon of Alabama) è un brano scritto da Bertolt Brecht e musicato da Kurt Weill. Fu ripreso dai Doors di Jim Morrison in una cover del 1967 e successivamente da David Bowie nel 1980.

L’opera che ha vinto il premio Goncourt nel 2007 riproduce lo stile di vita della coppia Fitzgerald in un racconto interpolato dall’inventiva e arruffato nella sequenza logico-temporale dalla scrittura personale di Gilles Leroy.
La narrazione parte da quando – corre l’anno 1918 – a Montgomery, per l’appunto in Alabama, Zelda, "Bella del Sud" figlia di un giudice, conosce il sottotenente Scott Fitzgerald. Decide di sposarlo e la sua famiglia d’origine la rinnega. Segue la stagione newyorkese e poi quella francese, in Costa Azzurra.
Ne deriva una girandola di situazioni che hanno diversi ingredienti: la smania di successo di Fitzgerald, il rapporto altalenante con la moglie – fatto di passione, tradimenti, gelosie, rivalità, invidie, eccessi alcolici con conseguenti impatti sulle prestazioni amorose – e con la sua follia. Follia che poi diventa il filo conduttore di una vita consumata tra celebrità, successi alterni e perenne bisogno disperato di soldi.
Il profilo di Zelda è davvero centrale e preponderante, e alimenta il sospetto che il grande scrittore americano - chiamato Goofo - si sia appropriato della creatività della moglie, che dipinge e scrive diari. Scott sottrae o attinge agli scritti di Zelda per trarre spunti da trasfondere nelle sue opere, suggendo e trafugando ispirazione da destinare al successo economico.

Bellezza e dannazione, amore per la scrittura e appropriazione indebita di ingegno, follia e disperazione sono i binomi prevalenti in un testo scritto in modo originale, che non è una biografia classica perché scava nella profondità della disperazione e della dissoluzione, seguendone i circuiti non canonici e destrutturati. Magari su un immaginario sottofondo jazz o imitando mentalmente i passi del foxtrot e del ragtime…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... Tenera è la notte. Il grande Gatsby...
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
Alabama song 2008-10-23 09:20:20 ciarluat
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da ciarluat    23 Ottobre, 2008

alabama song

Lo stile è molto piacevole ma se vi aspettate di leggere una trama che abbia un unizio ed una fine non la troverete. Alla fine del libro se mettete insieme i pezzi capirete cosa è stata la vita della protagonista ma ci vuole un po' di pazienza perchè è come un diario delirante di una persona disturbata, non c'è un filo temporale ma salti e ritorni nei vari anni della vita della protagonista che parla senza mai prendere fiato. Personalmente sono riuscita,anche se non credevo, a finirlo ma non mi ha lasciato molto. Non lo consiglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sirene
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Mare di pietra
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La notte mento
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Sirene
Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
La notte mento
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno