Poesia Poesia straniera Altre spiegazioni
 

Altre spiegazioni Altre spiegazioni

Altre spiegazioni

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Altre spiegazioni (Otras explicaciones), raccolta di poesie di Gabriel Impaglione edita da AER Club - Edizioni Il Melograno. Edizione bilingue.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Altre spiegazioni 2008-02-25 23:02:10 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    26 Febbraio, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Impegno politico ed estro poetico

Il percorso poetico di Gabriel Impaglione, dopo Spiegazioni con mare ed altri elementi, si arricchisce di questa silloge che si riallaccia in fondo alla precedente.

L’autore argentino ha una naturale propensione a esaminare le storture del mondo, soprattutto quelle diseguaglianze marcate che opprimono i più, e nell’ambito di una filosofia di stampo marxista, ma interpretata in modo umanistico personale, trasla nei versi il suo messaggio politico di libertador, quasi una sorta di poetica epico-popolare, dove l’epico ha una funzione di solennità del verbo, volta a rafforzare il concetto esposto, e il popolare, invece, è la forma usata, la più semplice possibile perché possa essere di immediata comprensione ai maggiori destinatari, cioè a tutti quegli uomini meno uguali degli altri.

La sua, però, non è una forma stilistica ed espressiva che possa eventualmente far rientrare la silloge fra le opere esclusivamente politiche, ma trae forza dalla base per espandersi in un crescendo di preziosità artistiche che la rendono poesia a tutti gli effetti. In questo noto una certa somiglianza con il famoso Ernesto Guevara, più conosciuto come combattente per la libertà, ma che è riuscito a trasfondere i suoi ideali in poesie, indubbiamente di carattere politico, ma di notevole bellezza.

La poesia che segue è un chiaro esempio di ciò che ho inteso dire. Qui, forse più che in altre, Gabriel Impaglione è riuscito a fondere mirabilmente il suo naturale impegno politico con il suo altrettanto naturale estro poetico.

Giustizia



Della morte s’imbandierano i boia.

I funebri bronzi che abbondano, gravi,

in piazze e musei e caserme.



(lì fanno giustizia le colombe)



per la morte ci sono oratori

brillanti, sbirri che si rovesciano

in seme nero col soltanto nominarla.



(lì fanno giustizia uditi sordi)



della morte si vantano i sicari

del serramanico, del zig zag dell’acciaio.

Loro si mettono medaglie tra loro

si spalleggiano con rivendicazioni

che danno schifo.



(lì fa giustizia la memoria)



io preferisco tentare mestieri con la vita,

colorare d’utopia la canzone imperfetta.

Mancare di rispetto alle sue Signorie

con l’amore esplodendo loro in faccia.



(lì fa giustizia la poesia)







Justicia



De la muerte se embanderan los verdugos.

Los fúnebres bronces que abundan, graves,

en plazas y museos y cuarteles.



(Allí hacen justicia las palomas)



Para la muerte hay oradores

brillantes, esbirros que se derraman

en semen negro con sólo nombrarla.



(Allí hacen justicia oídos sordos)



De la muerte se vanaglorian los sicarios

de la daga, del zigzag de acero.

Ellos se cuelgan medallas entre ellos

se palmean con reinvindicaciones

que dan asco.



(Allí hace justicia la memoria)



Yo prefiero intentar oficios con la vida,

teñir de utopía la canción imperfecta.

Faltar el respeto a sus señorías

con el amor reventándoles en la cara.



(Allí hace justicia la poesía)



E’ una bella silloge ed è un peccato che la traduzione nella nostra lingua non sia a livello delle migliori. Per fortuna, però, c’è il testo originale a fronte, che consente di apprezzare la cadenza, il ritmo, la forza di versi che consiglio senz’altro di leggere, indipendentemente dal proprio credo politico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Poeta nero
L'angelo e altre poesie
Sono fluito e altre poesie
Un'ombra fuggitiva di piacere
L'amore è un cane che viene dall'inferno
Iside ha segnato il mio tempo
Il poeta è un fingitore
Il Corvo e altre poesie
Concerto per Gerusalemme
Undici pianeti
Preghiera del mare
Dimentica chi sono
Ogni parola un essere
Cammino orgogliosa per la mia strada
Le mie poesie più belle
Il violinista pazzo