Bestiario Bestiario

Bestiario

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Pubblicato nel 1911, il Bestiario, o Il corteggio d’Orfeo, prima raccolta di poesie di Guillaume Apollinaire, si colloca in un felice punto d’intersezione tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, momento di forte crescita della poesia europea. Tratto distintivo della raccolta è quell’aggancio realistico che equilibra la continua tentazione verso il nonsense, quell’intrattenibile e abbagliante pienezza del sentimento che genera una straordinaria congiunzione tra la «fatuità » del Mallarmé minore e la gustosa sapienzialità terrestre dei bestiari medievali.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bestiario 2014-10-22 03:20:16 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    22 Ottobre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poesie zoomorfe

Pubblicato nel 1911, il “Bestiario” di Guillaume Apollinaire rappresenta una riedizione dei bestiari medioevali che viene colta dall’inquieto autore come occasione per esprimere in pochi versi alcune intuizioni intellettuali e poetiche, o spunti di vita vissuta.
I singoli componimenti sono anche momento di sperimentazione di una musicalità che si coglie appieno nel testo originale in francese (riportato nell’edizione di Guanda).
L’aspetto più interessante? Dal mio punto di vista, valutare quale sia stato l’abbinamento animale-situazione: il cavallo e la poesia, il gatto e l’ambiente domestico, il delfino e il gioco, il pavone e l’apparenza. Ecco la mia breve selezione.

Il cavallo

Col duro sogno della forma ti cavalcherò,
sul carro d’oro del destino ti sarò cocchiere
e redini allo spasimo ti siano
i miei versi, modello d’ogni poesia.


Il gatto

Nella mia casa voglio che ci sia
Una donna senza follia,
un gatto a spasso per la libreria
e amici ogni tempo che fa,
senza i quali la vita non mi va.


Il delfino

Giocando, delfini, nel mare
non fate le onde meno amare.
Se scoppia di gioia il mio cuore
la vita non perde rigore.

Il pavone

Tocca terra con le piume
e sembra, se fa la ruota, più bello
ma in verità mostra implume
il sedere questo uccello.

Bruno Elpis

P.S.: naturalmente, riportando questo testo nella sezione recensioni di www.brunoeplis.it , ho abbinato foto Nat-Geo ai componimenti di Apollinaire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri