Poesia Poesia straniera Età di paura al freddo
 

Età di paura al freddo Età di paura al freddo

Età di paura al freddo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Nella poesia di Navarrete si incontrano molte influenze classiche che risentono di una contaminazione europea, moresca e mitologica. Navarrete è di sicuro allievo di José Lezama Lima, il più grande poeta cubano di tutti i tempi, e incontra nell'eredità ellenica e nei miti dell'Europa antica la fonte d'ispirazione del suo linguaggio immaginario. La forma ricercata delle liriche e il modo di esprimersi così pieno di sentimento rivelano la radice caraibica dell'autore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Età di paura al freddo 2008-06-05 21:14:13 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    05 Giugno, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il tormento dell'esule

In queste poesie di William Navarrete c’è l’anima malinconica di un esule che cerca in ogni luogo fuori dalla sua patria un legame, anche solo spirituale, con la terra che ha dovuto abbandonare e che resta indissolubilmente legata al suo peregrinare, una sorta di Itaca a cui, novello Ulisse, desidera fortemente ritornare, ma che pur così vicina assume, per colpa degli uomini, le caratteristiche di un vascello che sempre più si allontana.
La sua è una fatica di Sisifo, è uno strazio del cuore che nei versi trova l’indispensabile sfogo.

Bucintoro

Violasti il segreto del tuo mare, città perduta
vaghi nella densità della nebbia
che sparge i suoi presagi questa notte
in cui nessuna stella ti darà il benvenuto
………..

In questa immagine di una Venezia decadente, crepuscolare, è forte il richiamo all’Avana, altra città che sembra perdersi nelle dense nubi dei Caraibi.
Il poeta le unisce in un unico destino, in conflitto fra lo splendore di un tempo e la spettralità attuale.

Mercurio alato

Pendi, Mercurio alato,
su volti che ignorano la tua agonia,
in fragile equilibrio,
capriccio di artista perfido,
egoista, forse senza amori.
………..

Nella sua ars poetica appare anche notevole l’influenza del mondo classico, in particolare quello ellenico, evidentemente considerato un’epoca felice, di uomini liberi con dei a loro immagine e somiglianza.


Ingannevole profezia

Vita,
quanto ho aspettato per sapere
che in te non c’è altro che un canto!
…..

Benché si tratti di una raccolta non tematica di poesie resta sempre presente quella malinconia di cui prima accennavo, una sorta di dolore compassato, un rimpianto che non cessa mai.

Sorprende poi l’abilità di passare dal verso libero al sonetto con cui è realizzata una specie di mini silloge intitolata Divertimenti famosi. Questa intestazione non deve però trarre in inganno. Sì, William Navarrete è probabilmente uomo che sa anche ridere, ma l’amarezza di fondo lo porta a stemperare la vena umoristica che finisce con l’essere appena accennata, in una profusione di versi da cui emerge un’ironia sottile, quasi un gioco fra sé e sé per dimostrare che alla malinconia comunque non si sfugge e tutto ciò che è in contrasto a essa finisce con l’essere un semplice surrogato.


Quindi una raccolta quanto mai varia da cui è possibile avere un’idea abbastanza completa delle qualità di questo grande poeta, i cui testi non sono per niente incomprensibili, pur se sovente sospesi in una dimensione irreale che dona loro un tocco di arcana magia, come, per esempio, in Maree di San Michele:

Marea della rupe, incastro della luna
sei o onda che cavalca su una sella
di vongole, capesante, ostriche.

Sposa del pescatore, Excalibur del mare,
tu che lambisci i piedi dell’arcangelo
lambisci i miei, stanchi di aspettare.

…….

Apprezzabile, peraltro, è il fatto che a fronte ci sia la versione in lingua originale, il che rende possibile cogliere l’armonia e l’equilibrio dei versi.
Età di paura al freddo è una raccolta di gradevolissima lettura, ma anche di contenuti di tutto rilievo, pregi che mi inducono a raccomandarvelo caldamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri