Poesia Poesia straniera Opere di Arthur Rimbaud
 

Opere di Arthur Rimbaud Opere di Arthur Rimbaud

Opere di Arthur Rimbaud

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Dalle prime poesie alle «illuminazioni» e ai poemi in prosa: la sconvolgente opera in versi prodotta tra i sedici e i diciannove anni dalla prodigiosa precocità di Arthur Rimbaud. Pochi lo piansero quando morí, dopo aver abbandonato la letteratura per l'avventura. Ma la sua poesia e la vita ribelli continuano ad avere un grande potere nella nostra cultura.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Opere di Arthur Rimbaud 2019-10-08 17:45:18 DanySanny
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    08 Ottobre, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rimbaud, la mia tenerezza

Mi limiterò, con questa recensione, al solo “Una stagione all’inferno”.
La scrittura di Rimbaud appare davvero come un miracolo, sospesa com’è fra una grazia apollinea e un fuoco che erompe e divampa dal mistero dionisiaco dei sensi. Nato in un piccolo paesino di provincia, troppo stretto, troppo asfittico per le sue ambizioni, Rimbaud troverà a Parigi una prima casa, quella del poeta Verlaine che lo ospita quando il ragazzo non ha ancora compiuto diciotto anni e che si ritroverà invischiato in una relazione tanto torbida quanto disfunzionale, stregato dagli occhi semiazzurri di un giovane che tiene nella penna la bellezza di un Dio che non conosce riposo. Da questa relazione nasceranno delle poesie, scritte a quattro mani, che riescono a rendere sublime anche quanto di più pornografico possa esistere, ma soprattuto una contaminazione letteraria che oltrepasserà non solo la pesante eredità baudeleariana, ma anche i confini del decadentismo e del simbolismo. Sarà quando Verlaine sparerà due colpi di pistola a Rimbaud, dopo una rocambolesca fuga a Londra, che le loro strade e le loro vite cambieranno per sempre: Verlaine, rinchiuso in carcere per tentato omicidio e omosessualità e Rimbaud, in fuga per l’Europa, fino ad arrivare in Africa dove deporrà la penna per sempre e morirà perso nel commercio degli schiavi.

La premessa biografica è indispensabile per capire la forza lucida e lacerante della scrittura di Rimbaud: non dimentichiamo che tutto quello che ha scritto, lo ha fatto tra i 18 e i 20 anni, dopo più nulla. “Una stagione all’inferno” è il frutto più compiuto, esasperato, doloroso, annientante di una sofferenza direi ontologica. L’abiezione, il disordine dei sensi, l’alterazione del proprio stato mentale con ogni droga possibile non è per Rimbaud fine ornamento edonistico, no, piuttosto è il tentativo di accedere a quel fondo inespresso del reale, alla pura consistenza delle cose che, nella loro pura datità, finiscono per essere trasparenti. Ma soprattuto Rimbaud vive con dolore l’assenza di Dio: l’inferno di cui parla è la terra degli dei fuggiti, la stagione della povertà estrema, quella in cui il peso di un destino soverchiante, metallico, minaccia di stritolare l’uomo. E allora, come è per Nietzsche, è l’uomo a doversi fare creatore, volontà di potenza, a dover mordere e rompere il ciclo dell’infinito. Eppure Rimbaud è troppo fragile per arrivare all’oltreuomo, in lui l’unica resistenza possibile è la carità, il pianto di chi non può aiutare barboni e prostitute, la cristica percezione della propria sconfortante, ineludibile, piccolezza. E allora questo ragazzo, che davvero ha posto lo sguardo su pensieri troppo complicati per i suoi anni, che prima di tutti conosce il laccio strangolatore dell’essere-che-ciecamente-accade, non può che tentare, con la sua lingua che è puro ritmo, di portare una scintilla di fuoco nel buio del mondo. Ma quale prezzo ha pagato, redivivo Prometeo, per tanta luminosa prescienza.

Quello che più ho amato di questo libro è tutto il silenzio che sta oltre le parole, l’infinita empatia che ho provato per Rimbaud e l’incommensurabile tenerezza che me lo rende tremendamente caro. Quaranta pagine che potreste leggere per capire la titanica, infantile e meravigliosa arroganza di voler stringere tutta la verità del mondo in un solo corpo e in una sola anima. E, curiosamente, una ricerca vicinissima a quella di una scrittrice come Clarice Lispector che, per una curiosa coincidenza letteraria, ho letto da poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Dostoevskij, L'idiota (mi pare che in Rimbaud ci sia molto del principe Myskin)
Clarice Lispector, Acqua Viva o Vicino al cuore selvaggio
Verlaine, Poesie
Baudelaire, I fiori del male
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Opere di Arthur Rimbaud 2011-06-01 10:31:08 Rosaliaa
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rosaliaa Opinione inserita da Rosaliaa    01 Giugno, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Saint Rimbaud

Su Rimbaud si è detto di tutto: dissacratore, maledetto, angioletto, fascista e bolscevico. La mitografia iniziò sul letto di morte, dalla distorsione memoriale del cerchio familiare del poeta (la sorellina Isabelle e il cognato postumo Dufour/Berrichon, la “mother” Vitalie Cuif e l'amico di lunga data Delahaye); poi ci si è messo il mistico selvaggio Claudel, il timido Rivière e il suo compagno di sventura (che fece però la sua fortuna) Paul Verlaine. In seguito a Rimbaud ci arrivò anche la letteratura di sinistra, fra cui Breton, e al mito cattolico se ne aggiunsero infiniti altri. Poi arrivò Etiemble e le sue frecciatine rimisero un po' le cose a posto: “per capire Rimbaud bisogna iniziare a leggerlo (magari)”. Le opere: abbiamo una primissima raccolta poetica Poésies, che arriva più o meno all'incontro con Verlaine (sottolineo la lettura di Mémoires, di Voyelles, di Les Strennes des Orphelins e non solo Le Bateaux Ivre, che fu solo un esercizio parnassiano). Poi abbiamo prose: Une Saison à l'Enfer e Illuminations. Ma per capirci davvero qualcosa della poetica rimbaldiana rimando a due lettere della corrispondenza (che, a mio parere, è migliore dell'opera): al professor Izambard (13 maggio 1871) e a Demeny (15 maggio 1971). Consiglio: non fatevi influenzare dal mito del poeta maledetto, leggete Rimbaud spassionatamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Rimando al saggio di René Etiemble, "Le Mythe de Rimbaud. Genèse du mythe", 1952.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri