Dettagli Recensione

 
Ai bordi dell'infinito
 
Ai bordi dell'infinito 2013-01-24 04:18:54 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    24 Gennaio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ai bordi dell’infinito – Commento di Bruno Elpis

Il sottotitolo dell’opera è “Saggi e testimonianze intorno al pensiero di Fabrizio De André”.
Fabrizio De André ha composto ballate indimenticabili che, nei testi, in molti casi sono autentici gioielli di poesia, in altri filastrocche dal contenuto provocatorio o satirico, in altri ancora spunti di impegno sociale e di denuncia.
“Ai bordi dell’infinito” è una raccolta di saggi su un artista che, con le sue composizioni, ha sempre stimolato il dibattito culturale .
Elena Valdini, curatore dell’opera, dichiara che “Questo libro è fatto … di frammenti e analisi, suggestioni e testimonianze, e progetti concreti” ... “Questo libro fa un po’ quello che fanno i diari, e … non distingue le firme illustri da quelle di sconosciuti illustri.”
Infatti le testimonianze di personaggi noti (Erri De Luca, Teresa De Sio, Sergio Cusani, Vladimir Luxuria, Marco Bellocchio e Stefano Benni) e meno celebri si susseguono. Tutte documentano iniziative ed esperimenti che – a partire dalla figura di Fabrizio De André e traendone ispirazione – dimostrano come le parole musicate del cantautore che ha infiammato molte generazioni sono ancora vive nel tessuto sociale.
Principalmente nella lotta contro i pregiudizi (così Vladimir Luxuria scrive un ‘pezzo’ sulle discriminazioni sessuali, Marco Revelli vive dall’interno i campi rom interpretando in prima persona le distruzioni delle kampine operate dall’intolleranza).
Il pensiero e gli ideali del cantastorie genovese hanno animato veri e propri progetti personali e sociali: nelle carceri, ma anche nelle scuole (ad esempio, un gruppo di insegnanti di Pavia utilizza in modo originale e creativo “La guerra di Piero” nell’ambito del progetto “Mille papaveri rossi” per sottoporre l’orrore della guerra ai bambini delle scuole elementari), nel difficile universo della malattia mentale e nei progetti d’integrazione interculturale. Per approdare, con Padre Alex Zanotelli, nell’inferno di Korogocho, la bidonville di Nairobi, ove è visibile la conclusione di “Via del Campo”:
“Dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior …”
E l’inferno della fame e dei rifiuti, delle bambine prostitute e dei malati di Aids diviene il paradiso doloroso ove si penetra il mistero di Dio e della sofferenza umana.
Durante la lettura, vien da riflettere sulla funzione dell’arte, intesa come forza che può smuovere il mondo. Attraverso comportamenti che incarnano la bellezza e la potenza degli ideali. Come ancora continua a fare Fabrizio De André, “Il pescatore”, vivo più che mai anche attraverso l’attività della Fondazione Onlus a lui intitolata. Mentre questa vitalità che oltrepassa la morte sembra riecheggiare in questi e altri versi:
“All’ombra dell’ultimo sole
si era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.”

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

questo testo sembra un ottimo spunto di riflessione, grazie della segnalazione Bruno!
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
24 Gennaio, 2013
Ultimo aggiornamento:
24 Gennaio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ohhh che finale emozionante...
Bravo Bruno, bella rece e begli accostamenti di strofe :-)
Bella recensione Bruno!! Complimenti!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mozart. Il teatro dal mondo
Dizionario del bibliomane
Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca
Il mestiere dello scrittore
Figli di un dio minore
Nuotando nell'aria
Caino