Saggistica Arte e Spettacolo Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca
 

Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca

Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca

Saggistica

Editore

Casa editrice

La sfida col Minotauro nel labirinto, la testa tagliata di Medusa, l’impresa degli Argonauti, Orfeo che scende nell'Aldilà per salvare la donna amata: i miti eroici dell’antica Grecia sono un caleidoscopio di racconti infiniti e stupefacenti. Ma anche un repertorio di favole orrende e bizzarre. Medea che uccide i suoi stessi figli. Edipo che ammazza il padre e poi si unisce con la madre. Eracle che abbandona le sue fatiche per ingozzarsi di arrosti e di dolci. Teseo che, invece di salvare le fanciulle, le stupra. L’eroe greco aveva molti lati oscuri. Era una creatura smisurata, un essere prodigioso, eccessivo nel suo furore e nelle sue passioni. E non sempre era arruolato al servizio del Bene: stava piuttosto oltre il Bene e il Male, oltre tutte le regole e le leggi dell’umano. Era venerato come lo sono oggi i nostri santi patroni. Si raccoglievano le sue reliquie, si portavano offerte sulla sua tomba. Ma soprattutto ci si divertiva a narrare le sue imprese in forme sempre diverse e sempre nuove. Nei miti eroici si trova la matrice di tutte le narrazioni future. Ci sono amori, avventure, intrighi, prodigi, mostri. Ci sono viaggi fino alla fine del mondo e love stories che sfidano anche la morte. Tutto quello che ancora oggi ci appassiona e ci commuove quando leggiamo un romanzo o guardiamo un film, i greci lo avevano già narrato nei loro miti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca 2020-07-27 09:34:40 Liv
Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Liv Opinione inserita da Liv    27 Luglio, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il fil rouge va e viene

Credo che i miti greci facciano parte del bagaglio culturale di tutti i lettori, e allora perché leggere un altro libro su un argomento così noto? Io sono stata incuriosita dalla quarta di copertina di questo saggio “Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca” di Giorgio Ieranò (ed. Universale economica Feltrinelli).

L’autore, che non conoscevo, viene presentato come docente universitario di Letteratura greca, saggista ma anche traduttore teatrale, pertanto mi sono fatta l’idea che avesse capacità divulgative, precisione di riferimenti e cadenze nei tempi narrativi che non avrebbero annoiato, quindi ho pensato “questo libro si farà leggere”.

Ma la vera calamita è stata la frase “L’eroe greco aveva molti lati oscuri”: l’idea di attenuare la luce della gloria e della fama di questi personaggi per poterne vedere anche meschinità e piccolezze mi è sembrata originale.
Il rovesciamento di prospettiva viene ribadito nel prologo (“Scordatevi gli eroi buoni e gentili. Stiamo per entrare in un mondo dove […] eroismo è sinonimo di violenza e di eccesso, di furori implacabili e di astuzie omicide.”) e questo ha accresciuto la mia aspettativa su quanto sarei andata a scoprire nel prosieguo della lettura.

Purtroppo, il primo eroe presentato è Giasone e, a parte qualche cenno alla sua ingenuità, di lati oscuri non se ne vedono proprio, niente eccessi, furie, ire. Anzi, quasi non si vedono nemmeno i lati luminosi: sì è bello e forte ma compie le sue imprese sempre grazie agli interventi risolutivi delle divinità cui lui è caro, a tutte e indistintamente ma senza essere il paladino di nessuna in particolare. Le azioni cruente che si svolgono nella storia degli Argonauti sono della sua sposa, Medea, quasi che a Giasone non fosse permesso sporcarsi le mani. Se l’autore voleva segnalarci come lato negativo di questo eroe la sua vacuità, non mi è piaciuto, i patti che avevamo stretto erano altri. Insomma, una delusione che mi ha maldisposto verso i capitoli successivi.

Ho arrancato nel riprendere il libro, l’unico modo che avevo per finirlo era abbandonare la chiave di lettura “Batman” (l’eroe/antieroe per eccellenza dei fumetti) e godermi un ripasso della sempre affascinante mitologia greca. Così hanno iniziato a sfilare sotto ai miei occhi gli altri personaggi scelti da Ieranò per questa antologia e devo dire che le cose sono andate migliorando.

Alcuni ritratti, costruiti a partire dalle tragedie di Eschilo, Sofocle ed Euripide, sono così vividi da far venire voglia di andare subito a recuperare i testi dei drammi che li hanno ispirati e questo è, secondo me, un grande merito di questo libro: solleticare la curiosità del conoscitore medio di mitologia verso i testi classici. Un’ottima guida alle edizioni consigliate dall’autore per l’approfondimento è presente nell’ultimo capitolo “Per saperne di più”.

L’altra nota positiva di questa lettura è stato scoprire come molti autori moderni abbiamo realizzato i loro capolavori con soggetti tratti dai miti, perfino Giulietta e Romeo hanno antenati mitologici! (sempre dalla quarta di copertina “Tutto quello che ancora oggi ci appassiona e ci commuove quando leggiamo un romanzo o guardiamo un film, i greci lo avevano già narrato nei loro miti.”)

In definitiva, il saggio di Ieranò mi è piaciuto a metà, credo che abbia ben tratteggiato le figure di Eracle, Achille e Ulisse nel senso promesso dal prologo e ha dato un bel risalto a tanti personaggi femminili riscattandoli dall’ombra degli “eroi” (sfilano nel libro tante donne che agiscono e non subiscono: Atalanta, Ippolita, Antigone, Medea, Arianna), però a mio avviso il fil rouge che avrebbe dovuto percorrere tutto il libro è stato impiegato a mo’ di imbastitura: alle volte si vede, altre no.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Olympos" dello stesso autore, cui questo saggio rimanda spesso e che l’autore dichiara complementare.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri