Saggistica Arte e Spettacolo Il Purgatorio di Dante
 

Il Purgatorio di Dante Il Purgatorio di Dante

Il Purgatorio di Dante

Saggistica

Editore

Casa editrice

Dante, con questa cantica seconda, conferisce sostanza, ubicazione e regime al nebuloso regno transitorio dell'oltretomba, che ha referenze assai vaghe nelle Scritture e che, dopo un millenario travaglio teologico, solo da una trentina d'anni era entrato a far parte dei dogmi della Chiesa romana. Nell'invenzione ‒ o nella scoperta ‒ dantesca, il Purgatorio è il monte che sorge al centro dell'emisfero australe, sotto stelle che nessun uomo ha mai visto tranne "la prima gente" (perché la sua cima è la sede del paradiso terrestre). Lo percorriamo insieme a Vittorio Sermonti, nella seconda puntata del suo "serial teologico". Torniamo con Dante e Virgilio a rivedere le stelle, il cielo ("dolce color d'orïental zaffiro"), "il tremolar de la marina", e ad ascoltare la musica dopo la muta tenebra della morte eterna, le grida, le lacrime, i cupi bagliori dell'Inferno e della sua commedia umana. "Ma qui la morta poesì resurga, / o sante Muse, poi che vostro sono": e grazie a Vittorio Sermonti, la poesia di Dante torna viva ai nostri orecchi (e agli occhi, e al cuore) e ci seduce con le "dolci note" della sua musica. Supervisione di Gianfranco Contini.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
1.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il Purgatorio di Dante 2022-04-04 12:48:00 C.U.B.
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
1.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    04 Aprile, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A riveder le stelle

Dopo la (mirifica, indimenticabile) voragine infernale, lunga è ancora la strada verso il Paradiso. La seconda cantica della Divina Commedia continua il percorso attraverso il Purgatorio, un monte posizionato al centro dell’emisfero australe, dove le anime salve durante la salita espiano colpe minori praticando penitenza.
Sette P luminose incise sulla fronte del pellegrino da un angelo, una per ogni peccato capitale.

Luogo di commiato e di memorabile incontro, Dante si congederà dalla guida di Virgilio e incontrerà l’amata Beatrice.

Il volume è organizzato in una struttura lineare: un capitolo in prosa, dettagliatamente argomentato da Vittorio Sermonti, a seguire il rispettivo canto.

A differenza della cantica precedente, ho trovato la parafrasi di Sermonti molto più macchinosa e decisamente accademica, arrivando ai versi tanto affaticata che il linguaggio di Dante mi pareva una mentina balsamica. Forse il Purgatorio è semplicemente più complesso dell’Inferno e quindi inevitabile l’inasprirsi dell’analisi. In ogni modo, i frequenti allegorismi mitologici, gli onnipresenti rimandi astronomici, i numerosi calcoli matematici e gli arzigogolati approfondimenti storici hanno rallentato impietosamente la lettura, opprimente fardello sul mio IO esanime per mesi e mesi.

Sebbene fossi certa che la fatica patita mi avrebbe dissuaso da ogni intento verso la terza cantica (che qui si legge per piacere, non per dovere), mi son ritrovata a contraddirmi constatando quanto questa lettura mi abbia infine arricchita.

Sarà il risveglio della mia italianità latente o sarà che quando si dilatano i tempi su di un libro si tende a fraternizzare, avverto un forte senso di appartenenza ripensando al lavoro di Alighieri. Il quale, purificato dalle acque del Lete e dell’Eunoè, ce lo comunica chiaramente in chiusura che tornare indietro non si può, ma solo guardare innanzi:

“Io ritornai da la santissima onda
rifatto sì come piante novelle
rinovellate di novella fronda,
puro e disposto a salire le stelle”.

A salire le stelle. Benvenuta in Paradiso.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il Purgatorio di Dante 2022-02-20 17:35:21 silvia71
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
2.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    20 Febbraio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In salita verso la luce

Il Purgatorio di Dante è concepito come speculare alla voragine infernale pertanto assume la conformazione di una montagnetta composta da sette cornici dedicate ciascuna all'espiazione dei peccati capitali. Le anime qua rappresentate sono ree di colpe più lievi rispetto a quelle a cui tocca una collocazione agli inferi senza appello, tuttavia il percorso cui devono sottostare prima di assurgere alla luce paradisiaca, è lungo e faticoso.
Il buon Dante intraprende la salita verso la vetta incontrando centinaia di volti e immergendosi nelle loro storie, ricche di aneddoti, di gioie e dolori, di errori pagati a caro prezzo e voglia di riscatto. Sono scomunicati, superbi, invidiosi, iracondi e golosi, pronti ad un lungo pellegrinaggio per guadagnarsi il paradiso.

Rispetto alla prima cantica, il Purgatorio raccontato e parafrasato da Vittorio Sermonti è un percorso arduo e accidentato, cavilloso su tematiche teologiche, filosofiche, linguistiche e socio-politiche, una vera selva intricata di approfondimenti dal sapore squisitamente accademico.
Ottimo testo per addetti ai lavori, meno per chi cerca il piacere di riscoprire la Commedia di Dante
in un testo raccontato con maestria e pertinenza di contenuti ma accessibile e godibile.

Lontano dall'impostazione dell'Inferno, vuoi perchè la cantica è più densa ed enigmatica concettualmente vuoi per volontà dell'autore, il Purgatorio strada facendo va assunto a piccole dosi perchè talvolta pesa come il macigno caricato sul dorso dei superbi.

La grandezza dell'autore resta ed è ampiamente certificata dalle redazione di un lavoro critico di tale spessore seppur si volga ad un lettore di nicchia o ad un dotto ricercatore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Inferno di Vittorio Sermonti
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Dizionario del bibliomane
Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca
Il mestiere dello scrittore
Figli di un dio minore
Nuotando nell'aria
Caino
Risvolti di copertina