Surrender Surrender

Surrender

Saggistica

Autore

Editore

Casa editrice

Un libro di un artista combattivo, che scopre di essere al suo meglio quando impara ad arrendersi. Episodico e irriverente, introspettivo e illuminante, "Surrender" è la storia della vita di Bono, strutturata – senza troppo rigore – intorno a quaranta canzoni degli U2. Bono è nato nel Northside di Dublino da padre cattolico e madre protestante in un periodo di crescente violenza settaria in Irlanda. La perdita della madre a quattordici anni ha aperto in lui un vuoto che lo avrebbe portato a cercarsi una famiglia. Da piccolo si sentiva mediocre, ma la sua vita avrebbe dimostrato che nessuno è davvero mediocre. Ha una creatività caotica ma onnipresente... in studio di registrazione, sul palco, durante una manifestazione, nei corridoi del Congresso degli Stati Uniti o nell’angolo di un bar. Scopriamo le sue difficoltà a gestire la rabbia, un sentimento che traspare dalle sue canzoni sull’amore e sulla nonviolenza, e lo sentiamo ammettere di avere un ego “ben più grande della mia autostima”. In quarant’anni di carriera gli U2 si trasformano da ambiziosi teenager al più grande gruppo del mondo, e Bono da attivista part-time a forza motrice a tempo pieno della lotta per cancellare il debito dei paesi poveri e convincere i governi, in particolare quello degli Stati Uniti, ad affrontare l’emergenza globale dell’AIDS. Ma più di ogni altra cosa "Surrender" è una storia d’amore dedicata alla moglie Ali, che Bono invitò a uscire per la prima volta la stessa settimana in cui gli U2 avevano suonato insieme per la prima volta. Alison Stewart è la regista delle scene fondamentali di quest’opera, compreso il terzo atto in cui la coppia sta entrando oggi, alle prese con tante domande e poche risposte su quando vale la pena di combattere e quando è il caso di arrendersi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Surrender 2023-04-11 04:38:39 enricocaramuscio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    11 Aprile, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla fine un nuovo inizio

“Batterista cerca musicisti per formare una band”. A volte basta una piccola frase, fatta di poche e semplici parole, esposta in una bacheca di annunci, per dare vita ad una leggenda. È tramite questo appello che Larry si porta in casa Paul, David e Adam, è in quella piccola cucina della periferia di Dublino che i quattro ragazzi irlandesi formano uno dei sodalizi musicali più famosi, longevi, performanti della storia: gli U2. Paul David Hewson, in arte Bono, ripercorre attraverso quaranta tra le loro più celebri canzoni, la vita della rock band di cui è front man e leader, raccontandola dal proprio punto di vista, in una bellissima biografia personale dove però la storia del singolo non può che procedere parallelamente a quella del gruppo. Per farlo parte da un passato abbastanza recente, il natale del 2016 che stava per diventare fatale, al Mount Sinai Hospital di New York. Un cuore eccentrico che fa le bizze, un'operazione troppo delicata per non creare paura, un corpo e una coscienza che si scindono in una sorta di visione che permette alla rock star di vedersi dall'alto. Un'operazione che per fortuna andrà a buon fine. Solo ora, dopo aver raccontato di essere stato ad un passo dalla morte, Bono Vox può dedicarsi al racconto di una vita. Allora si torna indietro nel tempo, ad un pomeriggio del 1978, il giorno del suo diciottesimo compleanno, in cui il giovane Paul ascolta i Ramones dopo aver finito la lettura di Delitto e castigo di Dostoevskij, facendo un po' di bilanci di quello che è stato il suo percorso fino ad allora, di quelle che sono le sue doti, i suoi talenti, i suoi difetti e i suoi limiti, per capire dove potrà portarlo l'esistenza. Il giorno in cui "imparerò a fare uno spettacolare trucco alla Houdini. Meglio del trucco della corda indiana, farò sparire la mia vita in bianco e nero per farla riapparire a colori. È il giorno in cui scriverò la mia prima vera canzone rock e il primo singolo degli U2. Devo ringraziare il miracolo di Joey Ramone. E dei suoi miracolosi fratelli. Ma senza Edge, Adam e Larry – i miei miracolosi fratelli – nessuno l’avrebbe mai sentita.
Monday morning
Eighteen years of dawning
I said how long
Said how long
It was one dull morning
I woke the world with bawling
I was so sad
They were so glad
I had the feeling it was out of control
I was of the opinion it was out of control. L’avevo intitolata Out of Control perché mi ero reso conto – e potrebbe esserci sotto lo zampino di Fëdor Dostoevskij – che noi umani non abbiamo praticamente alcun potere sui due momenti più importanti della nostra vita. La nascita e la morte. Mi sembrava il genere di “fanculo all’universo” adatto a un grande pezzo punk." Stabilita un'altra tappa fondamentale del suo cammino, l'autore si lascia andare ad un racconto intimo, delicato, sincero, spaziando in un continuo su e giù temporale che lo porta ora sui palchi più famosi e prestigiosi della Terra, ora nella sua cameretta al 10 di Cedarwood Road, un attimo prima nelle stanze del potere dove svolge la sua impegnativa vita sociopolitica, un attimo dopo torna quattordicenne davanti al corpo senza vita di Iris, sua madre, cui non può che dedicare una struggente canzone:
"The star
That gives us light
Has been gone a while
But it’s not an illusion
The ache
In my heart
Is so much a part of who I am
Something in your eyes
Took a thousand years to get there Something in your eyes
Took a thousand years, a thousand years."
Un'infanzia difficile in un'Irlanda in cui "parti del nostro paese sono in guerra con altre parti del nostro paese", l'assenza prematura della madre, il tormentato rapporto con il padre e il fratello, la nascita del gruppo, il numero incalcolabile di concerti, le prestigiose collaborazioni, l'attivismo, aspetti di una vita straordinaria che hanno un unico comune denominatore: Ali. Moglie, amica, amante, complice, figura fondamentale sia nella vita di Paul Hewson, sia in quella di Bono Vox, cui lo straordinario artista non può che dedicare quest'opera che con stile, sentimento, profondità e quel tocco di ironia tipicamente anglosassone, ripercorre il cammino di un uomo che è già nella storia, di una band che resterà per sempre leggenda, di un mondo in cui c'è sempre bisogno di buona musica, di belle parole, di impegno civile, di amore. "Prendo il telefono, acceso ma sempre in modalità silenziosa, e uso la luce per guardarti, e quando ti giri nel sonno per sfuggire al fascio luminoso, per quanto debole, i miei occhi si soffermano su di te, godendosi ogni tua identità, quelle finite e quelle infinite. Sei stesa su un fianco. Vedo il tuo ciuffo ribelle, la tua fronte. Vedo sotto quegli occhi chiusi che mi parlano, intuisco che c’è ancora così tanto in serbo per noi, e ringrazio te, ringrazio il nostro Creatore, ringrazio l’universo intero…
che la ragione per cui ho intrapreso questa avventura
la ragione per cui vivo in meravigliosa compagnia da oltre quarant’anni
la ragione del lungo girovagare in quello che perlopiù è stato un deserto selvaggio e sconfinato, disegnando cerchi sulla sabbia
la ragione per cui ho riempito il vuoto nel mio cuore con la musica, facendo l’amore con l’ignoto
quella ragione ora non c’è più la ferita adolescenziale che si era aperta in uno squarcio ora si è chiusa
finalmente ho trovato una casa
sei tu
io sono a casa
non più in esilio
anche qui
e
devo imparare
a
stare a casa
stare fermo
e arrendermi
alla fine un nuovo inizio…"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre sorelle
Surrender
La donna vendicativa
Gli spettri
Mozart. Il teatro dal mondo
Dizionario del bibliomane
Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232