Dettagli Recensione

 
La mia fotografia
 
La mia fotografia 2016-09-07 08:13:19 Riccardo76
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    07 Settembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia della fotografia italiana e non solo

Avere successo nel mondo della fotografia senza essere fotografa è a mio avviso la conferma che la fotografia, come le altre arti, non sta esclusivamente nel gesto tecnico, ma in qualcosa di più profondo, nella nostra anima. Grazia Neri racconta la sua storia e le vicende che la portarono a creare una delle più grandi agenzie fotografiche del mondo, sicuramente d’Italia.
Grazie a questa agenzia molti fotografi italiani e non hanno raggiunto il successo e ci hanno consegnato capolavori di reportage che rimarranno nella storia della fotografia. La signora Neri ci porta nella sua agenzia presentandoci: collaboratori, fotoreporter, e professionisti che hanno contribuito allo sviluppo di una agenzia, che nata come piccolissima realtà si è guadagnata una fama planetaria. Il libro affronta gli svariati aspetti della fotografia, le molte figure professionali ad essa collegate, ci spiega cosa fa un foto editor, con aneddoti e interviste ci immergere in un mondo favoloso, fornendo, ad appassionati e non, differenti stimoli e chiavi di lettura sul mondo della fotografia a trecentosessanta gradi.
Quello che chiaramente traspare è la Passione per questo mondo, la Passione per i libri, le belle letture e la bella letteratura, la passione per le notizie e la lettura dei quotidiani e periodici alla qualle ha dedicato tutta una vita. Fotografia e lettura, due mezzi espressivi differenti che in realtà convivono e vivono uno dell’altro e allo stesso tempo godono di una estrema autonomia. Interessante la considerazione sui fotografi studiosi di un tempo, quelli che studiavano per settimane o mesi i luoghi, e le persone che avrebbero fotografato. Bello il brevissimo capitolo su Steve McCurry, il fotografo della bambina afgana, un fotografo capace di studiare a tal punto luoghi e persone da riuscire a catturare perfettamente il momento giusto, quello decisivo, anticipare i movimenti e i comportamenti per essere pronto al momento opportuno.
Un libro sicuramente interessante per gli appassionati di fotografia, ma non solo, un racconto su come la passione possa condurre a creare realtà che diversamente non sarebbero possibili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri