Dettagli Recensione

 
La strada che scende nell'ombra
 
La strada che scende nell'ombra 2013-12-11 14:26:32 Lorenzo
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Lorenzo    11 Dicembre, 2013

Potenziale enorme, quasi tutto sprecato

ATTENZIONE CONTIENE SPOILER (sulla trama ma non sul finale)!
Un bel mattoncino, niente da dire, colmo di brani epici e descrizioni molto poetiche ed evocative e anche alcuni interessantissimi colpi di scena.
Ma -c'è sempre un ma- la trama in sè è un enorme plagio del caro Signore degli Anelli: Nella Terra Sarcra (Granburrone), il Magus (Gandalf) compone la Compagnia dei Peggiori (la Compagnia dell'Anello) per andare fin nel cuore del territorio nemico, alla Fortezza Impenetrabile (Monte Fato) per distruggere un potente oggetto malefico, la Gemma Bianca (l'Unico Anello). Senza contare la totale irragionevolezza della situazione: se il Male sta invadendo ogni luogo sfuggente e irraggiungibile, che senso ha chiamare a raccolta l'esercito e tentare di dare battaglia contro un nemico che potrebbe benissimo decidere di non farsi mai coinvolgere in uno scontro aperto? E ancora, se le Otto Terre sono in pace da millenni (e già questo in sè è estremamente probabile...), perchè ogni Gente ha le sue proprie forze armate, e perchè si fa un continuo costante riferimento a cicatrici, battaglie passate e esperienza sul campo di incalliti veterani che in teoria non dovrebbero esistere? Un altro dettaglio su cui mi sento di brontolare è anche la mappa delle Otto Terre: un'enorme isola ovale con confini squadrati come quelli imposti in Africa alla fine del colonialismo europeo... e assolutamente poco curata.
Insomma, a parte queste enormi crepe nell'affresco, l'abilità "tecnica" dell'autrice è comunque sufficiente per mettere insieme una storia che risulta tutto sommato coerente (ripeto, a parte le falle alla base) e avvincente. Questa storia aveva un potenziale veramente enorme, ma è mancato un solido pensiero di "cosmogonia" (quella del prologo, invece, è abbastanza interessante): il mondo manca di senso logico, di spessore, di ragionamento... Un gran bel passatempo, ma poco più. Utile però a chi scrive romanzi dello stesso genere e crede che il suo mondo sia poco realistico: aumenta l'autostima.

Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri