Dettagli Recensione

 
Nicolas Eymerich, inquisitore
 
Nicolas Eymerich, inquisitore 2017-07-01 18:17:31 Mane
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mane Opinione inserita da Mane    01 Luglio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'inquisitore, gli psitroni e i viaggi interspazia

Primo libro di una longeva saga che dal 1994 giunge fino a questo 2017, Nicolas Eymerich Inquisitore, come già anticipato dal titolo, ha per protagonista un personaggio liberamente ispirato alla figura storica dell’omonimo inquisitore spagnolo del XIV secolo. Si tratta di uno di quegli insoliti casi letterari in cui il protagonista è un autentico "bastardo", dotato di un corredo d’inappellabili attributi negativi, formidabile catalizzatore di subitanee antipatie da parte del lettore.

Quello dell’antica Aragona, teatro di un’oscura indagine capitanata dal protagonista è in realtà solo uno dei 3 piani dimensionali su cui si sviluppa il romanzo, che contro ogni previsione si mantiene comunque decisamente una lettura agile, mai intricata.
L’atmosfera di una università americana contemporanea abitata da un ambizioso giovane Frullifer colmo di idee rivoluzionarie per la fisica ortodossa, ed il mirabolante viaggio, in un futuro fantascientifico, di una astronave guidata da un misterioso abate e un comandante affetto da dispotismo cronico, completano il quadro.

Eymerich merita la palma di miglior interprete, per la splendida naturalezza con cui si muove nei panni del più tremendo e disumano degli inquisitori; innegabile in tal senso che in qualche modo ci si possa affezionare al maligno così ben costruito dall’autore.
Frullifer è invece una figura assimilabile al puerile anti-eroe di alcuni celebri fumetti americani, nella sua bidimensionalità fatta di difficoltà di socializzazione e doti straordinarie poco collaudate.

Benché dotata di una buona bordata di spannung, la trama non impressiona particolarmente per contenuti, mantenendosi piuttosto semplice, eppure, grazie ad una scrittura molto ben congegnata, dove brillano le descrizioni dei mutamenti espressivi sui volti, dei gesti e delle modulazioni vocali, la lettura risulta celere ed al contempo piacevole.

Mi riservo una proroga per il giudizio definitivo, dopo almeno un altro capitolo della lunga serie marchiata Eymerich.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri