Dettagli Recensione

 
1984 di George Orwell
 
1984 di George Orwell 2011-04-20 08:02:53 darkala92
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    20 Aprile, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A dystopian reality

Il comandamento dei dispotismi di una volta era: "Tu non devi!".
Il comandamento dei totalitarismi era: "Tu devi!".
Il nostro è: "TU SEI!"

Distruzione dell'individuo, spogliarlo di tutte le sue capacità, da quelle fisiche a quelle psichiche. Derubargli la sua memoria, i suoi sentimenti, la sua personalità. Questo è “1984”.
1984 rappresenta la morte. La morte dell'anima, la morte della libertà.
“Big Brother is watching you”: questa, invece, è la fine.

Orwell ci dice: “nei momenti di crisi non ci si trova mai in lotta con un nemico esterno, ma sempre contro il proprio corpo”; mai affermazione fu tanto vera. Chi ti pone contro te stesso però è il Partito, il Grande Fratello, immortale e crudele in tutte le sue forme.
1984 è l'esaltazione della dittatura, del dispotismo, dell'oppressione massima. 1984 è l'esaltazione del paradosso stesso.

La realtà non è mai stata così tanto capovolta, perchè due più due non fa quattro, ma cinque. Il Partito vuole così, e così sarà.
Lo stesso Winston scriverà nel suo diario: “la libertà sta proprio nella libertà di dire che 2 più 2 fa quattro, e non cinque”. Lui però questa libertà non l'ha avuta, perchè la società nel quale egli vive è spietata, struggente e rigorosamente controllata 24 h su 24. Non si può sfuggire dal Partito, devi imparare a condividerci, a rassegnarti della sua presenza, ad amarlo con tutto te stesso.
A lungo andare impari a controllare i tuoi movimenti, i tuoi pensieri, i tuoi sguardi, i tuoi sogni.. se non lo fai la stanza 101 è là che ti aspetta, con tutti i suoi traumi e le sue spaventose sofferenze.
1984 è anche il luogo da quale non puoi scappare, perchè qualsiasi parte tu vada, il Grande Fratello è là che ti aspetta, in agguato, pronto a distruggere la tua mente, a cancellare e a confondere i tuoi ricordi. Perchè tu devi pensare come e cosa il Partito vuole. Anche il suicidio è tanto lontano: in una realtà dove pure un goccio di veleno è introvabile; devi vivere perchè il Partito DEVE necessariamente plagiarti, deve controllarti, deve batterti, sradicando tutte le tue certezze, le tue sicurezze, eliminando la consapevolezza della tua stessa esistenza. Tu non esisti. Quando morirai nessuno si ricorderà mai di te, perchè non ci sarà più nulla di te: né una foto, né un foglio di carta che riporta il tuo nome, nulla. Ci sarà solo il tuo corpo vaporizzato che immetterà nel cielo quello che avresti potuto essere e che non sarai mai.
Questa è l'unica realtà, perchè la società dell'Oceania non ne conosce delle altre. Tutti abitano sotto lo stesso cielo, ma questo non significa che l'uomo è uguale a tutti gli altri. In una realtà in cui il confronto è severamente proibito, la libertà di ridere, di pensare, di sognare, di chiudere gli occhi anche per un attimo, di provare emozioni e di provare impulsi sessuali sono cose del tutto inimmaginabili, l'unico modo per essere lasciati in pace è essere 'prolet'.
Prolet significa avere la possibilità di pensare, pur sapendo che ti manca il cervello.

Tutto questo è 1984 (o 2011?).
Quello di Orwell è un semplice punto di vista (in parte fittizio), oppure è la predizione di quello che sarà il mondo tra qualche anno?
Orwell, grande genio o presumibile 'sciamano'?
Spero di non conoscere mai la risposta. Non voglio saperlo. Non voglio nemmeno pensarci, perchè già la realtà attuale mi fa paura, e un 1984 sarebbe... la fine di tutto.

Prima di concludere, vorrei trascrivere soltanto un piccolo sfogo, che purtroppo non riesco a tenermi dentro; dovete perdonarmi anche la volgarità..
Odio la televisione, odio i talk shows, odio quell'inutile programma del ca**o che viene chiamato Grande Fratello, che ha distrutto un concetto, un'idea. Odio tutto questo. Il termine “Grande Fratello” fa paura, ma preferisco conoscerlo e in futuro ricordarlo per quello che è, pensando a “1984” e non ad uno stupido ed insulso 'tv programm' in cui quello che viene mostrato è il culo di un'amica omnium (come avrebbe detto un 'certo' Cicerone) insieme ad altri falliti della sua specie che fanno tanto divertire questa società di merda (e passatemi il termine, questa volta).

Darkala, incazzata come non mai, passa e chiude.

Ps. Ho intenzione di portare “1984” in sede d'esame, perchè oltre alla storia che è in sé per sè qualcosa di sorprendente, ho apprezzato in un modo sbalorditivo le argomentazioni di Orwell nella parte 'storica', con cui ha giustificato il Gf e tutto ciò che ha determinato poi “1984”.
Che Orwell mi porti fortuna!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

18 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Recensione da applausi...
Intensa e motivata..
Brava!!
Concordo su tutto!
In risposta ad un precedente commento
darkala92
20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie. Questo libro è al primo posto nella mia top 5. :)
Se la batte con Pirandello, devo dire!!
Ma 1984 è stato per me una rivelazione!



20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Buon dì, cara!

;) Ottimo lavoro, mi piace l'idea che sia discusso in sede d'esame...
In risposta ad un precedente commento
darkala92
20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Buongiorno anche a te! :))

Sto un pò mettendo insieme i pezzi del puzzle. Il tema comunque è la 'realtà' esaminata da più punti di vista.
Un discorso abbastanza ampio, perchè collego Pirandello, Orwell, Kafka (che ho tanto odiato ma si sta rivelando quello più adatto) e via discorrendo.. :)
Grazie Darkala, per farci leggere ancora qualcosa di sensato e culturalmente valido sulle pagine di questo sito!
Recensione ottima dalla prima all'ultima riga!
Complimenti
In risposta ad un precedente commento
gio gio 2
20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
mi associo,
finsalmente unsa recensione degna di questo capolavoro!!!!
in bocca al lupo Darkala!ottima scelta!
un bacio,
Giò;)))
In risposta ad un precedente commento
darkala92
20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Silvia. Troppo gentile.
Ho letto delle splendide recensioni su 1984; sarà proprio il libro che ispira un pò tutti! :))
In risposta ad un precedente commento
darkala92
20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Crepi, crepi Gio! :)
Incrociamo le dita! :)
In risposta ad un precedente commento
kobe
20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Trovo semplicemente fantastico che questo capolavoro possa essere discusso in sede di esame!! Mi riconcilia con i "giovani" di oggi! Complimenti ed un super in bocca al lupo...per come la vedo io hai già superato l'esame a pieni voti! Mi ha fatto davero piacere leggere la tua recensione. Grazie
ciao

20 Aprile, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Concordo con i complimenti precedentemente espressi.
18 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri