Dettagli Recensione

 
La breve seconda vita di Bree Tanner
 
La breve seconda vita di Bree Tanner 2011-08-18 10:24:42 Rowan
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Rowan Opinione inserita da Rowan    18 Agosto, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Povera, povera Meyer..

Da dove iniziare a commentare questo, ehm.. libro? No, per l’amor del cielo!
Racconto? No..
Storiella? Nahhh.. potrebbe essere paragonato alle scritte che si trovano sull’etichetta dei barattoli di sugo, al massimo.
Vediamo.. non ho mai pensato che la Meyer scrivesse bene, ma ecco che con questo racconto da barattolo del sugo me ne ha dato la certezza. Già dalle prime pagine non è difficile capire che è un brutto libro, e come sempre la Meyer non manca di infilare tra una riga e l’altra assurde situazioni. Un esempio? Oltre ai Vampiri-Lampadina, ormai famosi, ecco a voi i vampiri con il Super Sputo Velenoso! No no, non avete capito male! La Meyer dichiara esplicitamente che:
-“Diego alzò gli occhi al cielo e sputò veleno oltre il tetto del palazzo.”
Altro che i supereroi, qui i vampiri hanno tutto: Superforza, si arrampicano, sono provvisti di zanne e ora hanno anche il Super Sputo Velenoso! Senza dimenticare poi la pelle luminosa, cosa faremmo senza? Ora.. se la Meyer avesse regalato a questi vampiri una mantellina colorata e una mascherina alla Zorro, tutti i supereroi sarebbero potuti andare tranquillamente in pensione. Ovviamente tralasciando il piccolo dettaglio che gli Eroi Vampiri si sarebbero mangiati tutti i cittadini, invece che salvarli xD
Altra cosa che mi ha lasciata perplessa: Ecco a voi Diego che dice:
-«E questo è positivo, è qualcosa che lei cerca. Vampiri con delle capacità: specializ-z-zati».

SPECIALIZ-Z-ZATI? Ma cosa sono, affetti pure da balbuzie? E non ho finito! Ecco a voi un micro pezzetto del “libro”:

-“Era questa la differenza? Era questo il motivo che lo legava ai ricordi che noialtri fuggivamo?
Continuavo a non capire cosa c'entrasse Riley. Riley e il cheeseburger del dolore. Quella era
la parte della storia che volevo sentire, ma non mi andava di forzarlo.”

“ ai ricordi che noialtri fuggivamo?” COSA? O_O e cosa accidenti c'entra il cheeseburger? Che la Meyer fosse a dieta, e ci abbia infilato tra una riga e l’altra l’oggetto del suo desiderio, senza nemmeno accorgersene? Della serie “non ci vedo più dalla fame”.
Vogliamo parlare anche della storia d’amore tra Bree e Diego? Ops, ma quale storia? Dopo qualche ora passata insieme in una grotta, automaticamente sono fidanzati. Niente innamoramento, niente sentimenti.. solo.. “Ehi, siamo stati chiusi insieme in una grotta per qualche ora a parlare di Ninja, ci fidanziamo?” – “Ma sì, perché no?”
Ecco la bella storia. Stop.
Impossibile affezionarsi a Bree.
Evitatelo, non vi perdete niente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Povera Meyer davvero! Neanche io ho capito cosa centri il cheeseburger.....
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Un'amicizia
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri