Dettagli Recensione

 
1984 di George Orwell
 
1984 di George Orwell 2012-03-22 19:43:50 peucezia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
peucezia Opinione inserita da peucezia    22 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Distopica profezia o traduzione della realtà

Tra i capolavori del genere distopico 1984 è un incubo senza fine che preconizza una realtà effettiva.
Quando Orwell scrisse il suo romanzo si era appena usciti da una seconda guerra mondiale disastrosa per il paese seppur vittoriosa e non erano trascorsi che trent'anni dalla fine del primo conflitto.
Immaginare un paese semi distrutto e eternamente in guerra non era quindi difficile.
Un controllo delle masse che giungeva addirittura a modificare quanto scritto in precedenza su libri e quotidiani era praticato con costanza sia dal regime nazista che da quello staliniano e la figura del misterioso Grande Fratello che domina i muri della città con fare minaccioso ricorda in parte Stalin e Hitler per i capelli scuri e i baffi e in parte i manifesti in cerca di reclutamento stampati negli Stati Uniti e raffiguranti un meno inquietante ma comunque autoritario e impositivo Zio Sam.
Il grido che Orwell lancia tra le pagine del romanzo è contro i totalitarismi di ogni forma e colore e contro la privazione delle libertà individuali.
Colpisce come il progressivo impadronimento delle altrui menti incoraggi la delazioni e agisca particolarmente sui bambini da sempre più sensibili a farsi plasmare ( i regimi totalitari dedicavano infatti molto tempo all'educazione di fanciulli ed adolescenti), ma colpisce soprattutto quella fantomatica Neolingua che a, causa di un vocabolario ridotto all'osso impedisce di esprimere concetti complessi e soprattutto di ribellarsi ( Orwell è stato senz'altro influenzato da Swift e le sue sarcastiche riflessioni sul linguaggio espresse in I viaggi di Gulliver).
1984 è distopico perché ambientato in un futuro, perché soprattutto immagina un peggioramento delle condizioni umane diversamente dalle teorie utopistiche che tendono a vedere la realizzazione di società ideali, ma si rivolge agli uomini del suo tempo.
Il protagonista Winston Smith è un antieroe dal nome altisonante del primo ministro Churchill e dal cognome più British che ci sia: mite, smunto, tenta di mantenere la sua integrità mentale fino alla resa finale.
Prosa scorrevole, periodi lineari, maestrìa nella tecnica narrativa. Romanzo inserito non a caso tra i migliori del panorama della letteratura mondiale contemporanea. Consigliatissimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fahreneit 451, Brave new world, Signore delle mosche
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri