Dettagli Recensione

 
1984 di George Orwell
 
1984 di George Orwell 2018-05-09 18:48:16 Clangi89
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Clangi89 Opinione inserita da Clangi89    09 Mag, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA SOMMA DI 2+2..

Come rimanere in un certo senso destabilizzati, arricchiti di riflessioni e perplessità su molti temi attualissimi, ecco la prima impressione a conclusione di 1984. La trama di uno dei romanzi distopici per eccellenza è risaputa. il Grande Fratello incombe e sorveglia una società angosciante sotto tutti i punti di vista. L'assenza di libertà, unitamente ad una prospettiva orrenda che caratterizza cittadini, famiglie e valori spingono il protagonista (e trascinano il lettore) a pensare, sperare, sognare oltre alla realtà asettica...ma nulla è lasciato al caso. Orwell ci descrive infatti i dogmi ed i tre cardini del Partito, il susseguirsi degli eventi storici che hanno condotto a tutto ciò e motiva le ragioni per le quaili il Grande Fratello non cesserà.
I collegamenti con l'attualità sono innumerevoli, tra le righe sorgono dubbi, domande e pensieri. Quanto possiamo essere controllati, si pensi alla geolocalizzazione, alle innumerevoli telecamere di videosorveglianza, ai nostri pagamenti con carte e bancomat, alla pubblicità mirata grazie ai nostri dati in rete etc. Dove finiscono e dove iniziano le nostre libertà? Il passato e gli insegnamenti che se ne possono trarre sono una ricchezza preziosa e questo emerge costantemente dalla lettura.
Un altro tema riguarda il vocabolario della "neolingua" che viene costantemente ridotto per evitare di interpretare le parole, per escludere così "lo psicoreato", cittadini che eseguono e si esprimono senza dover pensare. Ciò non può non far riflettere sulla comunicazione massiccia mediante slogan e frasi fatte in cui conta di più la forma del contenuto.
La lungimiranza dell'autore spazia anche su concetti quali il consumismo, la produzione di beni e la relativa distruzione nonchè la guerrra costante e la manipolazione di dati e fatti da propinare ai cittadini. Il "bipensiero" diventa una regola pacifica e nessuno sembra porsi problemi..
Infiniti collegamenti da un romanzo che personalmente ho apprezzato moltissimo. A mio avviso la conclusione non poteva essere diversa, a chiusura del ragionamento che Orwell con lungimiranza e precisione intende esprimere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Letto secoli fa, dovrei rispolverarlo.
Non ne rimarrai delusa da rileggerlo!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri