Dettagli Recensione

 
Shadowhunters. Le origini. La principessa
 
Shadowhunters. Le origini. La principessa 2014-01-23 15:32:19 Queen D
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Queen D Opinione inserita da Queen D    23 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bella conclusione della serie su Tessa

Ed eccoci alla fine della trilogia "Shadowhunters.Le origini" che ci ha raccontato le vicende di Tessa Gray, speciale mutaforma dagli straordinari poteri e dei suoi amati nephilim. In quest'ultimo volume finalmente tutti i nodi verranno al pettine: le origini di Tessa, i piani di Mortmain, lo svelamento dei traditori, e, ultimo ma non ultimo, la chiusura del triangolo amoroso Will-Tessa-Jem. Direi che il modo in cui l'autrice ha trattato questo nodo centrale della storia mi è piaciuto molto: di certo non risulta granché originale contrapporre un personaggio femminile a due maschili, tra cui lei deve scegliere, e difatto non lo è neanche in questo libro, ma è come questo si risolve che è sicuramente non convenzionale. Se da una parte possiamo immaginare da che parte perderà l'ago della bilancia di Tessa, non date tutto per scontato, perché le ultimissime pagine del libro vi riserveranno una bella sorpresa.
La trama si arricchisce, non solo per merito della storia che va avanti, ma soprattutto per lo spessore che acquisiscono i personaggi: Gideon e Gabriel Lightwood ad esempio, che si riveleranno alleati inaspettati; Cecily, sorella di Will, forte e determinata a mostrare le sue capacità; Sophie, domestica dell'Istituto che emergerà dall'anonimato; nonché Charlotte ed Henry, protettori dei Cacciatori di Londra. Non aspettatevi niente di meno che un intreccio tra tutti loro, che potrà sembrare banale e forzato, ma se siete gli unici Cacciatori della città diventa quasi inevitabile ai fini dell'economia della trama.
Jem rimane il mio personaggio preferito, così come lo è stato nei libri precedenti, in questo più che negli altri, perché se ormai ho imparato ad amare la gentilezza e la tenacia di Tessa e il cupo fascino di Will, non mi stancherò mai della galanteria e dello spirito di sacrificio di Jem, disposto ad un atto estremo di cui non vi svelo nulla, che non solo dona una bella sferzata alla trama, ma la accende con un poco di originalità.
Belli anche i personaggi "malvagi" perché sono ben strutturati e credibili: Mortmain infatti risulta certamente odioso, ma dotato anche lui di un certo charme.
Lettura piacevole, scorrevole e molto tenera, specialmente nelle ultime pagine, che piacerà non solo agli amanti dell'hurban fantasy, ma anche ai nostalgici della Londra vittoriana, come me.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"The mortal instruments" serie
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri