Dettagli Recensione

 
Lo Hobbit
 
Lo Hobbit 2020-08-20 10:51:02 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    20 Agosto, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un gran bel pezzo del puzzle

La lettura de “Lo Hobbit” non ha fatto che confermare in me l'idea che il maggior merito di Tolkien sia quello di aver creato un mondo vastissimo, destinato a restare eternamente nel nostro immaginario (anche grazie, bisogna ammetterlo, ai film di Peter Jackson).
Il lavoro fatto dall’autore ha dell'incredibile: la sua terra di Mezzo è infatti un mondo con una sua Storia, le sue lingue (ci sono addirittura scuole che insegnano l’elfico, da lui inventato) e una sua conformazione territoriale. È tutto talmente preciso che, delle volte, si finisce per chiedersi se Tolkien non sia effettivamente finito in una dimensione in cui la sua creatura è realtà, ne avesse studiato tutti i dettagli e avesse fornito a noi, tramite le sue storie, quel che lì aveva appreso. Tolkien non tralascia mai nulla: i rapporti tra i personaggi e le vicende sono influenzate da eventi passati che, seppur non narrati, influenzano nettamente la storia e non osiamo mettere in discussione, così come non metteremmo in discussione un qualsiasi evento storico. In questo senso, lo stesso “Lo Hobbit" è una storia che influenzerà enormemente gli eventi narrati ne “Il signore degli anelli”.
Insomma, non so se lo avete capito ma stiamo parlando di un lavoro pazzesco.
Tornando al libro in sé, c'è da dire che il tenore del racconto è molto diverso da quello del suo successore, per diversi motivi. In primis, per lunghi tratti “Lo Hobbit" è più simile a una favoletta molto lontana dai toni epici peculiari della trilogia dell'Anello, e seppur questo gli dia qualche punto in più riguardo alla scorrevolezza del racconto (che nel Signore degli Anelli, soprattutto nei momenti di pellegrinaggio, è un po' frustrante) ne intacca tuttavia la profondità e la bellezza epica dei racconti della Terra di Mezzo. Oltre questo si sente un po’ la mancanza di alcuni personaggi. ma soprattutto di un vero e proprio “villain”: Sauron viene soltanto citato, Gollum fa una breve apparizione (sebbene in un momento cruciale) e Smaug stesso appare brevemente; il suo ruolo e la sua dipartita, oltretutto, lasciano un po’ a desiderare, sebbene l’incontro con Bilbo sia una delle parti più belle e interessanti di tutto il libro.
Nonostante questi difettucci, “il viaggio inaspettato” intrapreso da Bilbo Baggins, Gandalf, Thorin Scudodiquercia e la sua compagnia di Nanu vale la pena di essere seguito, anche solo per la soddisfazione che si prova nell'aggiungere pezzi all'immenso puzzle creato da quel pazzo visionario di J.R.R. Tolkien.

“Smaug era in preda a una collera impossibile da descrivere: il tipo di collera che si può vedere solo quando i ricchi che possiedono più di quanto possano godere perdono all’improvviso qualcosa che hanno posseduto a lungo ma non hanno mai usato o voluto prima di quel momento.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Peccato che nella trilogia cinematografica de Lo Hobbit abbiano sfibrato la storia volendo ricavare 3 film tutti abbastanza lunghi, che appesantiscono una storia in origine più scorrevole e leggera. Concordo con la tua valutazione.
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
24 Agosto, 2020
Ultimo aggiornamento:
24 Agosto, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho visto tutti e tre i film (che non avevo mai visto prima) proprio durante la lettura del romanzo. Concordo con te: se avessero fatto un solo film, ne sarebbe probabilmente uscito un capolavoro assoluto. Ma si sa, nel cinema la prima cosa che conta sono i soldi, e dopo il successo abnorme del Signore degli anelli hanno voluto lucrare sull'unica altra risorsa "tolkeniana" rimasta. Inutile dire che Il signore degli anelli è di tutt'altro livello...
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri