Lo Hobbit Lo Hobbit

Lo Hobbit

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


"Lo hobbit" è il libro con cui Tolkien ha presentato per la prima volta, nel 1937, il foltissimo mondo mitologico del Signore degli Anelli, che ormai milioni di persone di ogni età, sparse ovunque, conoscono in tutti i suoi minuti particolari. Tra i protagonisti di tale mondo sono gli hobbit, minuscoli esseri "dolci come il miele e resistenti come le radici di alberi secolari", timidi, capaci di "sparire veloci e silenziosi al sopraggiungere di persone indesiderate", con un'arte che sembra magica ma è "unicamente dovuta a un'abilità professionale che l'eredità, la pratica e un'amicizia molto intima con la terra hanno reso inimitabile da parte di razze più grandi e goffe" quali gli uomini.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 22

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.2  (22)
Contenuto 
 
3.8  (22)
Piacevolezza 
 
4.2  (22)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lo Hobbit 2015-09-27 09:22:53 evakant
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
evakant Opinione inserita da evakant    27 Settembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'anti-eroe Bilbo

Da qui inizia la storia dei Baggins che attraverserà migliaia di pagine in un capolavoro della letteratura fantasy e che ha confermato il genio di Tolkien, che non era certo uno sprovveduto, ma un uomo che ha fatto della letteratura la sua vita, e ha reso le nostre più piacevoli facendoci perdere nelle sue pagine evocative, affascinanti e spesso anche divertenti.

Bilbo Baggins è uno hobbit: gli hobbit sono esseri pacifici, tranquilli, che trovano la loro pura realizzazione nella tranquillità della loro caverna hobbit, a fumare la pipa e fare anelli di fumo, a rilassarsi a fianco ad una cuccuma fumante, a consumare svariate colazioni a base di torte, focacce e altre delizie in quantità.
Gli hobbit non sono avventurosi, le avventure procurano solo guai e portano lontani dalle loro comode e calde caverne. Non garantiscono cibo e sonno a sufficienza, non garantiscono la loro comoda routine che tanto adorano.
Così quando il vecchio stregone Gandalf, con un sottile inganno convoca una riunione inaspettata proprio a casa Baggins, con ben 13 nani affamati e assetati, proponendo Bilbo come il quattordicesimo (13 porta sfortuna...) e lo “scassinatore” il povero hobbit è disperato.

Dopo una serata faticosissima a servire te e torte ai suoi ospiti, la mattina si sveglia crede di aver sognato tutto, ma Gandalf lo riporta alla realtà e Bilbo è suo malgaro costretto (ma anche un po' curioso...) a partire all'avventura in fretta e fuoria, dimenticandosi addirittura di prendere anche qualche fazzoletto.
Qui inizia l'avventura di Bilbo che aiuterà il manipolo di nani alla riconquista del loro tesoro sotto la montagna, tesoro depredato dal malvagio drago Smog.
Bilbo in definitiva sarà fondamentale, una sorta di eroe che è però un anti-eroe. Bilbo è un essere pacifico, mite e niente è più lontano dalla sua indole.

È piccolo, più piccolo ancora dei nani, e la sua pochezza fisica in realtà è una grandezza d'animo, di onestà, di ragionevolezza. Sarà sempre lui, volente o nolente (più spesso nolente...) a tirare fuori i nani da situazioni pressochè disperate, e sarà lui a mettere pace tra l'avido Thorin, re dei nani, gli Elfi Silvani e gli umani del fiume allorchè il tesoro, liberato da Smog, farà gola a tanti...
L'unico rammarico sarà tornare a casa e scoprire che gli altri hobbit lo considereranno sempre stravagante, bizzarro e da evitare.

Ma poco importa, Bilbo alla fine sarà sicuramente soddisfatto della sua avventura...anche perchè prima di riuscire ad uscire dalle spaventose caverne degli orchi ha trovato un misterioso anello che lo rende invisibile...ha dovuto contenderlo a uno strano e spaventoso essere di nome Gollum a suo di indovinelli...ma questo anello lo tirerà fuori dai guai molte volte... e porterà...come ben sapete, ad altre favolose avventure.

Questo romanzo fantasy scritto negli trenta da Tolkien è come tutti ben sapranno una pietra miliare della letteratura del genere: destinato ad un pubblico di ragazzi è in realtà un romanzo vivace, scorrevole, veloce adatto a tutti, tutti potranno amare le sue pagine scorrevoli, le avventure ed i mondi fantastici, terrificanti e meravigliosi al tempo stesso, i suoi personaggi fuori dagli schemi e anche la sua sottile ironia.
Personaggi umani, molto vicini a noi, con forze e debolezze, in un'esaltazione della natura che ci regala pagine davvero suggestive.

Io l'ho letto tardi...ma sono convinta che questo romanzo debba essere letto dai ragazzi il prima possibile: è un romanzo senza tempo, sufficientemente lungo per affascinare ed avvincere, ma non troppo lungo da annoiare, la dose di mistero e di magia giustamente calibrata nel complesso. Personaggi ben tratteggiati, quel tanto che basta per capirli senza perdersi in descrizioni inutili.
Un lavoro a mio avviso perfetto.

L'unica pecca (pecca...se vogliamo chiamarla così) ma che mi ha fatto un po' dispiacere : non c'è traccia di personaggi femminili. Nemmeno uno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Lo Hobbit 2015-08-27 23:12:18 Gavriuscia
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Gavriuscia Opinione inserita da Gavriuscia    28 Agosto, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Far Over The Misty Mountain Cold...

** Contiene Spoilers**

Lo Hobbit è l'opera con cui Tolkien ha per la prima volta presentato al pubblico il suo fantastico mondo, nel lontano 1937. Ed è anche stata la lettura da cui ho iniziato per avventurarmi in questo meraviglioso universo.
Lo Hobbit vuole essere una favola, adatta a tutte le età. Non vi sono le atmosfere epiche della trilogia del Signore Degli Anelli, ne tantomeno descrizioni dettagliate per quanto riguarda molti elementi. L'opera, perciò, va presa per quello che è.
Ho apprezzato moltissimo questo libro. Innanzitutto lo stile è davvero molto particolare e, spesso, anche parecchio divertente. Mi è capitato di ridere in alcune scene, grazie anche all'ironia di alcune descrizioni, scene e alcuni commenti da parte della voce narrante. La scrittura è davvero molto scorrevole e si fa leggere senza difficoltà. La traduzione delle canzoni e delle filastrocche è precisa e curata, dotata di una struttura metrica ben ricostruita in italiano. È stato fatto un ottimo lavoro anche nella formazione delle rime.
Durante la lettura mi sentivo assieme ai protagonisti. Insieme a loro ho riso, sofferto, cantato e ho persino avuto fame. Mi sono emozionata all'apparizione della Montagna Solitaria e la tensione è salita alle stelle mentre Bilbo si avventurava nelle viscere del giaciglio di Smaug. Ed è proprio questo il punto forte del racconto: il senso dell'avventura, del mistero, il fascino della leggenda e l'asprezza della realtà.
I personaggi dell'opera sono abbastanza numerosi, specie fra quelli principali. Alcuni dei compagni di Bilbo sono meglio caratterizzati e particolari di altri, mentre i cattivi sono davvero originali e sorprendenti, capaci di suscitare emozioni contrastanti. Se da una parte non si può non rimanere disgustati da Gollum, dall'altra è impossibile non provare tristezza e pena.
Il libro termina con il raggiungimento dello scopo dei protagonisti: la riconquista della Montagna. Finale intuibile, ma colmo di colpi di scena e svolte imprevedibili. La morte del Drago, la distruzione della Città sul Lago e, soprattutto, la battaglia delle cinque armate, sono aventi che rendono questo finale coinvolgente. Lo scontro fra i cinque eserciti, che mette a dura prova Bilbo e i suoi amici nani, specialmente Thorin, rivelerà la vera natura dei personaggi.
La battaglia non è stata descritta in modo esaudente come ci si potrebbe aspettare, difatti Bilbo sviene quasi all'inizio. Quello che si può sapere sull'esito della battaglia non è altro che un resoconto. Ma questa decisine dell'autore rispetta sicuramente il genere scelto, ovvero quello della favola.
Lo Hobbit è sicuramente il libro da cui iniziare per avventurarsi nel mondo mitologico creato da Tolkien, e dà sicuramente una buona infarinatura per godersi al meglio la trilogia che lo succede.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2015-08-11 23:44:17 Erox Curry
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Erox Curry Opinione inserita da Erox Curry    12 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il coraggio di partire

Dopo aver letto il Silmarillion, sono passato a quest'opera che risulterà decisiva per gettare le basi alla trilogia che consegnerà Tolkien alla storia.
Si parte con la presentazione di colui che alla fine sarà l'inaspettato protagonista, ritrovandosi coinvolto in un avventuroso viaggio con il quale un hobbit non avrebbe nulla a che fare: in mezzo a elfi, nani, orchi, stregoni, uomini e persino draghi chi l'avrebbe mai detto che il protagonista sia un hobbit?
All'inizio, però, Bilbo dovrà superare una battaglia interiore: andare o non andare? Questa è un'occasione da non perdere o è meglio tenersi chiusi nella tranquilla vita della Contea?
A dargli quest'occasione e a spingerlo a partire è stato Gandalf. Ma dopotutto tutti noi, ogni tanto, abbiamo bisogno di una spinta, un incoraggiamento o una necessità, che ci faccia uscire dalla nostra comoda e monotona vita, o sbaglio?
Dopo la partenza, la compagnia dovrà affrontare molteplici avventure e, spesso, sarà proprio Bilbo a dover badare ai dodici nani, che, inizialmente un po' diffidenti, acquisteranno via via più fiducia nel buon vecchio Bilbo.
Arrivati alla Montagna Solitaria non mi possono sorgere dei dubbi.
Il primo è il fatto che fin da quando partirono, tredici mesi prima, i nani non hanno mai pensato a come sconfiggere il drago. Com'è possibile? Insomma, un viaggio di tredici mesi per cosa?Se fosse stato per loro il drago sarebbe rimasto lì ancora per chissà quanto, e a loro non rimaneva che tornare indietro.
Per ucciderlo si arriverà a dover sacrificare la città di Pontelagolungo, dove Smaug vi troverà la morte.
Qui mi sorge il secondo dubbio...una freccia? Muore per una freccia lanciata in una vecchia ferita? Un po' delicato per essere un drago...
Poi arriva la guerra. Si sa che dove ci sono troppe ricchezze nello stesso posto, ci vogliono migliaia di morti per cercare di distribuirle in modo equo. Cosa che alla fine non succede mai, parlando di eventi e battaglie successe veramente. E anche di recente: infatti la battaglia delle cinque armate mi ha un po' ricordato le varie guerre per accaparrarsi i giacimenti di petrolio...
In questa battaglia in particolare nani, elfi e uomini si dovranno unire per fronteggiare le miriadi di orchi che sono giunte lì. C'è da dire che, se non fossero arrivati gli orchi, ci sarebbe stato uno sterminio vergognoso tra elfi, nani e uomini. Tutto per un "piccolo" tesoro...
Infine inutile dire che questo romanzo, pur pieno di avventure, serve più che altro a dare una motivazione al ritrovamento di quell'anello che causerà ancora più morti del tesoro dei nani.
Ultima riflessione personale: spesso ci si lamenta delle differenze tra libro e film, con i produttori di quest'ultimo che non rispettano fedelmente la trama originale. Ma bisogna ammettere che tirare fuori una trilogia da questo libro è senza dubbio un grande lavoro. Poi può piacere o meno, a seconda dei gusti, però tanto di cappello a tutti coloro che ci hanno lavorato.
Inoltre nei film, ho apprezzato di più i ruoli di Azog e Bolg, i due "generali" orchi, che nel libro vengono solo accennati. Poi, nei film, c'è una motivazione più logica che giustifica il grande viaggio dei tredici: l'Arkengemma. Sì nel libro se ne parla, ma solo dopo che sono arrivati al tesoro. Mentre nei film è proprio la causa della loro partenza.Anche la morte di Smaug è giustificata sicuramente meglio con la freccia nera, al posto di una qualunque freccia da arco (nel film Bard usa una balestra).
Comunque un'opera piacevole e scorrevole, l'introduzione di una storia che troverà l'apice nel Signore degli Anelli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2014-09-04 19:27:15 Sam93
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sam93 Opinione inserita da Sam93    04 Settembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In cerca di un'avventura!

Quando ho cominciato questo libro non ero in cerca di un'avventura e avevo molti pregiudizi su Tolkien: questo è il suo primo romanzo che ho letto e sono rimasta sorpresa fin da subito. Mi aspettavo un mattone gigantesco, difficile da leggere, complesso sia a livello di trama che di personaggi. Mi sono ricreduta presto. Fin dall'inizio, il romanzo si è rivelato essere qualcosa di completamente diverso: i toni fiabeschi con cui viene descritto il buco hobbit risultano sin da subito divertenti e affascinano il lettore, che si ritrova catapultato in un mondo che fa sognare. Fin dalle prime pagine ci si immerge totalmente e si entra, nemmeno troppo di soppiatto, nella vita di uno hobbit molto speciale: Bilbo Baggins, una piccola creatura che vive una vita tranquilla, in una valle tranquilla, in una zona tranquilla del mondo. Insieme a lui, permettiamo al nostro lato Tuc (non sapete cos'è il lato Tuc? Beh, scopritelo!) di uscire allo scoperto e di vivere giornate indimenticabili in compagnia di nani, stregoni, aquile, elfi e ogni altro genere di creatura conosciuta nella Terra di Mezzo.
L'avventura in sè si svolge come una fiaba: vediamo e viviamo le tante tappe di un grande viaggio alla ricerca di un tesoro, durante il quale tutti i personaggi hanno una crescita. Questo si nota soprattutto in Bilbo, che da hobbit piccolo ed impaurito diventa la pietra che regge tutta la compagnia dei nani, senza cui la spedizione non sarebbe mai arrivata al termine. E come si può non amare il drago Smog? Ha poco spazio nel corso del romanzo, eppure la sua vena ironica, la furbizia e la sua intelligenza rimangono impresse nella mente del lettore (peccato solo per la sua sorte!). Ogni tappa è essa stessa un'avventura: divertente, tragica, drammatica o esilarante, non si perde mai la voglia di continuare a leggere per scoprire come va a finire.
Il romanzo risulta semplice, nulla a che vedere con la complessità del Signore degli Anelli (almeno per quel poco che ho letto finora), ma non per questo si perde qualcosa: la facilità di comprensione qui va a favore della trama, dei personaggi e dei loro rapporti.
In conclusione, romanzo divertente e godibile, consigliatissimo a tutti!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a tutti!
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2014-06-16 16:12:14 Mr. A
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mr. A Opinione inserita da Mr. A    16 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il prequel del signore degli anelli

Dopo aver letto e riletto Lo Hobbit numerose volte, voglio scrivere la mia opinione dopo lo straziante bombardamento mediatico a cui questo libro è stato sottoposto dopo l'uscita dei film.

Premessa: so che molti hanno preso in mano il libro solo sopo aver visto il film, vi do uno spassionato consiglio DIMENTICATE IL FILM !

Ne "Lo Hobbit" viene narrata la storia della terra di mezzo prima degli avvenimenti descritti nel signore degli anelli. E' una limpida sera quando il signor Bilbo Baggins (un hobbit che odia le avventure) di casa Baggins si appresta a godersi in tutta tranquillità la sua cena, quando d'improvviso gli si presentano ben 13 nani affamati, con lunghe barbe e uno stregone con l'abito grigio e un vecchio bastone, e gli dicono che deve prepararsi ad un'avventura per la terra di mezzo. La loro missione è di recuperare un immenso tesoro posto nel cuore della Montagna Solitaria sorvegliato dal vecchio e feroce drago Smaug, distante molte e molte miglia dalla sua Casa Hobbit. Mille pericoli lo attendono, Troll, orchi,draghi ed elfi ma anche una creatura nascosta nella montagna, una creatura che un tempo non era molto diversa da un hobbit e che nasconde con lei un inestimabile tesoro. E' destino di Bilbo quello di trovarlo, colui che possiede l'anello ha il potere di cambiare le sorti del mondo intero...

con questo tono va letto "Lo Hobbit", con un tono fiabesco perché è appunto una fiaba pensata per scatenare la fantasia dei bambini e di catapultarli in un mondo tutto loro. Scritto nel 1937 venne annunciato come ""la più piacevole storia del suo genere dai tempi di The Crock of Gold" e ben presto il grande genio di Tolkien venne notato anche dagli adulti. Ma è soltanto una favola ? nient'altro ? certo che no... non dimentichiamo che il libro è stato scritto nel dopo guerra, e lo stile tolkeniano è stato profondamente influenzato dalle due grandi guerre mondiali che lui stesso ha combattuto.

Ecco fatta questa premessa a me piange veramente il cuore vedere il bombardamento mediatico in cui è stato sottoposto questo povero libro, se da un lato sono contento (parlo da fan di Tolkien) perché ha permesso alle nuove generazioni di conoscere questo Immenso autore, dall'altro quando vedo in libreria scritte del tipo "il libro che ha ispirato il capolavoro di P. Jackson" o decine di gadget il peluche di Bilbo, la tazza, il portachiavi, le sagome, i calendari.... non posso che trattenere la rabbia e stringere i pugni. Basta ! è veramente troppo ! Sarà che a me i film non sono piaciti per niente, hanno poco in comune con la storia originale manipolata e stra manipolata dagli sceneggiatori per farla piacere a più persone possibile, allungata con scene inesistenti per farne tre film da un solo libro. Credo che tolkien si sia rivoltato nella tomba.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri fantasy, e libri di Tolkien (signore degli anelli, Silmarillion, Roverandom...)
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2014-06-06 08:23:31 Stefanocarrera
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Stefanocarrera Opinione inserita da Stefanocarrera    06 Giugno, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Premessa: io del film non ne voglio sapere.

Rivedere testi destinati all'infanzia con l'attenzione di un lettore adulto conduce spesso a esperienze di lettura profonde ed inaspettate.
E' questo il caso dello splendido romanzo "The Hobbit" dello scrittore culto J.R.R. Tolkien, nel quale la potenza comunicativa della fiaba è permeata dalla profondità del pensiero; pensiero che riaffiora, lieve e spietato, nelle parole dei protagonisti, componendo una narrazione "multistrato" che si colora di significati differenti sotto gli occhi di lettori differenti.
Le avventure dello Hobbit Bilbo Baggins, coinvolto in una rocambolesca caccia al tesoro, si svolgono in un mondo lontano dalle sofferenze del vivere, dove la morte è presenza costante, ma viene demonizzata alla luce di un codice di giustizia quasi trascendentale, basato sulla saggezza ancestrale di leggende, canzoni e detti popolari.
Nata come via di fuga dalle atrocità della Prima Guerra Mondiale, la Terra di Mezzo ammalia anche il lettore più smaliziato e diffidente, che non può non riscoprire nella fantasiosa semplicità di questa piccola perla un'ombra della preziosa emozione che anima il bambino nelle sue prime esperienze di lettura.
La magia, costante razionale nella narrazione, si compie solo alla fine, nel momento in cui chiudendo il volumetto ci si riscopre a desiderare ancora foreste incantate, cunicoli misteriosi perduti tra le montagne rocciose, verdi pianure assolate, piccole astuzie, grandi battaglie, sconfinate avventure.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2013-11-18 11:41:12 Donatello92
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Donatello92 Opinione inserita da Donatello92    18 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tuc Tuc! Chi è?

La mia premessa è volta a sottolineare quanto io abbia apprezzato questo volume più dei successivi e, di rimando, credo che la sua fama abbia risentito molto del fatto che non sia una trilogia. Mi chiedo soprattutto quanti di coloro che hanno dato il massimo delle stelline a qualsiasi cosa che rechi scritto sopra "Tolkien" abbiano letto questo prequel prima della saga canonica. Ma non voglio dilungarmi in critiche più o meno costruttive, quindi proseguirò subito con la mia recensione, specificando che "la compagnia dell'anello" l'ho trovato di una noia mortale.
Stilisticamente il romanzo di Tolkien è, come sempre, impeccabile. Le descrizioni non sono lunghe o particolarmente dettagliate, nè ci troviamo di fronte ad un'opera dai grandi contenuti etici (tuttavia il conflitto interiore che anima ora Bilbo, la sua famiglia dopo, è una delle tematiche che più ho apprezzato all'intero di tutta la saga), ma l'autore riesce perfettamente nell'intento di coinvolgerci ed immergerci in un graduale passaggio di visioni, dalla piccola contea al mondo di draghi ed elfi, con un'epifania di vicende e colori viste dietro il velo dell'inconsapevolezza. Quest'opera è, per quanto la trama non sia ricca di intrecci o tempestata da colpi di scena, come uno di quei videogiochi di vecchia data che non riesce ad elaborare tutti i pixel allo stesso momento e aspetta i movimenti del giocatore per trasformarsi piano piano da nero a montagne.
Nonostante gli elementi del romanzo di fondo siano pochi, vengono tutti sfruttati alla perfezione. La trama avrà risvolti interessanti nel susseguirsi delle vicende dei Baggins e, poiché non mi piace farlo in quanto ritengo che ognuno possa esprimere liberamente le sue opinioni, avrei voluto mettere tanti pollici all'ingiù alle persone che hanno scritto che il romanzo si perde a vuoto senza alcuna ripercussione sulle vicende future, domandandomi quanti lettori in realtà prendano in mano certi libri leggendoli senza attenzione così, giusto per dire di aver provato.
Le canzoncine che accompagnano le missioni fiabesche sono divertenti e ben congegnate e in quest'opera, più che nei tre volumi successivi, Tolkien si concentra a sottolineare quei particolari divertenti come un banchetto, una filastrocca o un paio di cappelli colorati rendendo vive le immagini e i riferimenti lungo il viaggio.
Molto interessante è anche l'interazione fra le varie razze e fra i personaggi e sarà impossibile non affezionarsi a ciascuno di essi, perfino al drago malvagio che fa da perno alla vicenda.
Intelligente è la conclusione, che svolge bene ogni conseguenza e non rende immortale i personaggi, evitando i preconcetti più scadenti tipici del fantasy, dove ogni cavaliere deve sopravvivere, nessuno invecchia e le creature vengono sterminate esattamente da chi viene scelto per farlo. Bilbo, invece, oltre a veder sparire molte delle cose che aveva dato per scontato, che si tratti di compagni o di nemici, dovrà combattere perfino con la sua lunga assenza e con quel che rimane dei suoi beni terrieri.
In definitiva consiglio questo romanzo a tutti perchè saprà stupirvi, farvi affezionare, coinvolgervi e spesso farvi storcere il naso, ma mai stancare della lettura, e sprizzerà la superiorità letteraria di cui vanta da tutti i pori.
Lo sconsiglio invece a chi cerca un romanzo che sia simile ai tre successivi. Questo può essere un bene per chi, come me, nè è rimasto un pò deluso, o un male per chi ha saputo amarli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2013-08-12 17:43:39 Sue
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Sue    12 Agosto, 2013

Lo hobbit o la Riscoperta del Tesoro

Personalmente non ho molto apprezzato questo libro, soprattutto perché mi sarei aspettata qualcosa di più elaborato ricordando “il Signore degli Anelli”.
Non vi erano descrizioni molto particolareggiate, ma solo volte alla comprensione delle vicende.
La storia era piuttosto elementare, benché lo sfondo fantastico e le creature che popolavano il racconto mi abbiano sorpresa.
Gli intralci incontrati dai personaggi si risolvevano quasi totalmente privi di ripercussioni e perfino i fatti sono risultati inconcludenti, dato che tutto il racconto sembra solo una parentesi della vita di uno hobbit.
Lo consiglierei solo a bambini fino ai 12 anni che amano le avventure eroiche.
A me lo hanno fatto leggere per scuola in secondo superiore ed infatti ne sono rimasta parecchio delusa, specialmente perché avevo appena terminato "il nome della rosa".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2013-07-25 19:37:48 dani79
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
dani79 Opinione inserita da dani79    25 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi legge "Lo Hobbit" trova un tesssoro....

Sono appena scoccate le otto della sera. Un bambino ha cenato, ha indossato il suo pigiamino preferito, e adesso è a letto, coperto sino alla testa da un leggero lenzuolo a quadretti. Ben nascosto dalla sua tenda improvvisata tiene Lo Hobbit nella mano destra e con la sinistra brandisce una torcia. È così che immagino il piccolo lettore di questa favola meravigliosa, epica, mitologica. È in quel bambino che mi sono trasformata per qualche sera e per qualche ora. Tolkien è un narratore eccezionale, con la sua scrittura semplice e accessibile porta il lettore dentro l'avventura, lo fa marciare coi nani, sentire odore di elfi e volare con le aquile, gli fa avvertire la paura, il sollievo e il senso della vittoria, e infine gli fa dono del regalo più bello di tutte le favole, vale a dire la morale perfetta che non si impone e non terrorizza.
Tolkien, con maestria espressiva e abilità stilistiche senza eguali, ci dice che un uomo normale può essere chiamato a fare scelte eccezionali, e non è destinato sempre alla sconfitta perché seguire l'avventura, che tu sia uomo, elfo, nano, o una qualunque altra straordinaria creatura, può rivelarsi meraviglioso e farti scoprire ciò che non credevi di essere, migliore di quanto credevi perché sei stato leale e hai scelto il bene sempre, anche quando gli altri non potevano vederti.
Buona avventura a tutti!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo Hobbit 2013-04-21 21:41:25 silvia t
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia t Opinione inserita da silvia t    21 Aprile, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo Hobbit

Una fiaba per bambini, dolce e tenera come solo un padre potrebbe ideare ed è proprio Tolkien che utilizza il meraviglioso mondo che ha in mente per addormentare i propri bimbi e popolare i loro sogni con nani, elfi, hobbit e draghi. Lo stile utilizzato è molto semplice e diretto, Tolkien spesso si rivolge al lettore anticipando vicende che avverranno nel futuro e nei momenti più difficili rassicurandolo sulle sorti di Bilbo, il protagonista; è proprio questo fluire di parole che accarezzano e coccolano, che accompagnano e rassicurano in tutte le vicende che il piccolo hobbit in compagnia di alcuni nani affronta, a rendere delizioso il cammino. Si entra in punta di piedi in un mondo fantastico e pieno di esseri fantasiosi, ma non per questo incomprensibili; ci sono momenti in cui tale è l'empatia con Bilbo che i morsi della fame sembra di sentirli e i piedi inziano a far male, così si spera che tutto vada bene, che la dea bendata passi da quelle parti e che con la sua cornucopia sparga un po' di fortuna intorno alla piccola compagnia e spesso questo desiderio si avvera.
Pur essendo scritto con uno stile così semplice racchiude in sé una potenza che a una lettura superficiale non si coglie, il bene e il male non sono rappresentati in maniera manichea, ma vengono raffigurate molte sfumature, che sono umane e che meritano una più approfondita riflessione. Le due anime, quella coraggiosa e quella più paurosa di Bilbo ne sono un esempio, il prevalere dell'una e dell'altra è calibrato in modo perfetto, oscillando da una parte e dall'altra senza che nessuna delle sue sia soffocata, quasi a rappresentare il passaggio da un' infanzia protetta tra le mura domestiche e l'età adulta in cui malgrado tutto prima o poi si dovrà accedere, portandosi dietro tutte le paure di un salto nel buio, ma che alla fine ci renderà diversi e orgogliosi di aver affrontato questa inevitabile prova. Il male è rappresentato da Gollum e da Smog, un essere triste e malinconico il primo, un drago cattivo il secondo, se senza dubbio entrambi sono esseri malvagi, le loro vicende sono narrate in modo così dolce, così soffuso che si prova pena quando la giusta punizione li colpisce; è questo l'aspetto più particolare di tutto il romanzo, la capacità di far emergere il buono che c'è in ogni persona, è impossibile essere felici per la sconfitta di Smog, perché anche nella sua perfidia e avidità quello che traspare è un'infinita solitudine e tutte le sue ricchezze sono l'unica consolazione che ha, gli unici amici di cui godere la compagnia, così come la disperazione di Gollum nell'aver perso il suo anello diviene quasi insopportabile, il suo urlo di dolore lacera il cuore e ci fa empatizzare con quell'essere malvagio che si sente perso senza il suo tesoro e allora quasi speriamo che in qualche modo Bilbo possa restituirglielo. La rappresentazione dicotomica del bene e del male è un elemento tipico delle fiabe, ma qui non è netta, ma sfumata come è davvero nella vita reale, ciò che ad una visione superficiale appare in un modo se posto sotto una luce diversa appare in altro per poi, come in un caleidoscopio, mutare la propria forma in qualcos'altro in un eterno gioco di sfumature. Il lieto fine è obbligatorio, ma una nota di tristezza accompagna il viaggio di ritorno di Bilbo con lo stregone saggio, ma lo hobbit non sarà mai più lo stesso, è diventato adulto e la vita non apparirà più ai suoi occhi come prima ed egli sarà più orgoglioso di se stesso di come non avrebbe mai potuto sognare di essere.
Una favola da leggere a tutti i bambini, perché possano internalizzare dei concetti che poi da grandi ad una seconda lettura potranno comprendere fino in fondo cogliendo sfumature che avevano solo intuito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri