Narrativa straniera Fantasy La repubblica del drago
 

La repubblica del drago La repubblica del drago

La repubblica del drago

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Già tre volte nella sua storia il Nikan ha dovuto combattere per sopravvivere alle sanguinarie Guerre dei papaveri. Il terzo conflitto si è appena spento, ma Rin, guerriera e sciamana, non può dimenticare le atrocità che ha dovuto commettere per salvare il suo popolo. E ora sta scappando, nel tentativo di sfuggire alla dipendenza dall'oppio e agli ordini omicidi della spietata Fenice, la divinità che le ha donato i suoi straordinari poteri. Solo un desiderio la spinge a vivere: non vuole morire prima di essersi vendicata dell'Imperatrice, che ha tradito la sua patria vendendola ai nemici. E l'unico modo per farlo è allearsi con il signore di Lóng, discendente dell'ultimo Imperatore Drago, che vuole conquistare il Nikan, deporre l'Imperatrice e instaurare una repubblica. Né l'Imperatrice, né il signore di Lóng, però, sono ciò che sembrano. E più Rin va avanti, più si rende conto che per amore del Nikan dovrà usare ancora una volta il potere letale della Fenice. Non c'è niente che Rin non sia disposta a sacrificare per salvare il suo paese, e ottenere la sua vendetta. Così si getta di nuovo nella lotta. Perché in fondo lottare è ciò che sa fare meglio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La repubblica del drago 2023-09-19 12:19:04 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    19 Settembre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra risate e noia

Nonostante alcuni difetti imputabili in gran parte alla giovane età dell'autrice, "La guerra dei papaveri" è un romanzo che mi ha divertito ed intrattenuto, specialmente per merito di un world building molto affascinante e di una protagonista per nulla scontata. E direi che questi due fattori si riconfermano in pieno nel seguito "La repubblica del drago", in particolare l'imprevedibilità della nostra Fang "Runin" Rin, sempre più scatenata e (auto)distruttiva.

La trama parte tre mesi dopo la conclusione del primo capitolo; ritroviamo i cike alle dipendenze della regina dei pirati Moag, che sfrutta i loro talenti per eliminare scomodi avversari, promettendo in cambio armi e finanziamenti per orchestrare l'assassinio dell'Imperatrice Su Daji. La narrazione si allontana ben presto da questo spunto per portare in scena i protagonisti di un conflitto di tutt'altra portata: capitanate dal signore della guerra Yin Vaisra, le province del sud danno il via ad una secessione che mira a sostituire l'impero Nikan con una repubblica. Ovviamente Rin e i suoi alleati vengono trascinati in questa ribellione, e con loro gli esperiani, appena giunti dal continente occidentale per portare al popolo nikariano la vera fede e anche qualche fucile.

Ben consapevole che questo viene considerato da molti il volume migliore della trilogia, parlo subito degli aspetti più riusciti, così volendo potete saltare a piè pari il resto della recensione, dove cercherò di spiegare cosa mi porta a ritenere invece più valido il primo romanzo. Tra i punti a favore posso includere senza dubbio le nuove ambientazioni: finalmente possiamo esplorare meglio l'impero Nikan, ricco di luoghi affascinanti descritti con attenzione sia nelle location sia nei personaggi che le popolano. Il world building si amplia anche per merito di alcuni approfondimenti sul passato di questo mondo fantastico, che arricchiscono la narrazione e rispondono a più di un interrogativo.

Sul fronte dei personaggi, ho apprezzato molto la caratterizzazione di Yin Vaisra (una figura estremamente sfaccettata, che spero avrà spazio anche nell'ultimo capitolo) e lo sviluppo del rapporto tra Rin e Kitay. Il cambiamento che più ho gradito però è la maggiore omogeneità nel tono adottato perché, pur non lesinando sui momenti più divertenti, questi si amalgamano molto meglio ai temi pesanti, sempre presenti e rilevanti: in particolare, viene posta maggior attenzione sul tema del colonialismo, e l'autrice ci spinge a riflettere parecchio sul dramma dell'assimilazione culturale forzata.

Ma passiamo all'altro piatto della bilancia. Alcuni difetti del primo libro ricompaiono, e penso soprattutto ai dialoghi incredibilmente informali a prescindere da quanto siano importanti le figure nobili o politiche coinvolte, ma altri sono del tutto nuovi, e anche inaspettati. Partiamo dai personaggi: ne vengono introdotti molti inediti, ma la maggior parte sono poco più di macchiette; per contro, parecchi di quelli rimasti da "La guerra dei papaveri" vengono ridimensionati o resi sciapi dal punto di vista caratteriale.

La narrazione poi soffre di una terribile lentezza, con degli schemi che si ripetono per più scene. Questo è dato sia dal tentativo della cara Rebecca di rendere verosimile la parte dedicata alla campagna militare, sia dalla mancanza di uno scopo che sproni la protagonista a portare avanti la storia: quello di uccidere l'Imperatrice diventa ben presto un pensiero secondario, mentre Rin si annulla nelle azioni belliche. Tutto questo è credibile? sicuramente sì, ma è anche molto noioso da leggere in una storia fantastica dalla quale mi aspettavo battaglie epiche tra sciamani ultrapotenti.

Ultima nota amara, la parentesi dedicata ai ketreyani. Trattandosi di personaggi mai visti prima, non scenderò nel dettaglio per evitare spoiler, ma ho trovato la loro comparsa molto conveniente nel migliore dei casi ed in netta contraddizione con quanto detto in precedenza sul gruppo dei cike nel peggiore. Spero in maggiori chiarimenti nell'ultimo volume.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Fable
La lama dell'assassina
Tredici lame
La moglie del califfo
Redemptor
Il regno delle ceneri. I libri di Ambha
Arianna
La dea in fiamme
Shorefall
Se Mefistofele sbaglia Faust
Half Lost
The witch's heart. La leggenda di Angrboda
La repubblica del drago
L'ultima missione di Gwendy
La piuma magica di Gwendy
Raybearer