Dettagli Recensione

 
Poesie di Francois Villon
 
Poesie di Francois Villon 2014-04-23 10:44:57 Cambè
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cambè Opinione inserita da Cambè    23 Aprile, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Maledetto e ilare, appeso ad una forca

Faccio premessa. Francois Villon è uno dei più controversi e sconosciuti autori della letteratura e poesia universale. Leggerlo in lingua originale è pressochè impossibile senza essere laureati in lingua francese e soprattutto aver compiuto degli studi sull'evoluzione della lingua francese. Dell'autore colpisce che da un certo anno in poi non si sa più nulla di lui. Ma anche per il prima è difficile capire quanto appartenga alla realtà e quanto alla leggenda. Ne fa menzione anche De Andrè che scrive l'introduzione a questo troppo piccolo libro dal titolo Poesie, edito da Feltrinelli, con testo a fronte e nota critica di Luigi de Nardis, testo che però ha il vantaggio di avere un prezzo contenutissimo e questo giova alla scoperta di un autore per chi volesse cimentarsi con la poesia di Villon.
Per chi invece volesse approfondire consiglio il Meridiano che Mondadori ha dedicato all'autore e la raccolta corposa ed economica che Bur pubblicò in Italia intitolata Lascito e Testamento, con testo a fronte.
Per chi invece volesse leggere la sua vita romanzata e inventata a volte di sana pianta, consiglio il volume, Io francois villon di t. jean edito da neri pozza.
Tornando a questo autore leggendario che cantò dei diseredati, di malavita, di sesso e turpitudine, di maledetti, ma pure di madonne che arrecano dolore e donano gioia, e beffeggiò nei suoi versi Clero e Potere, nel libro troverete la celebre ballata degli impiccati e basta questa a giustificare l'acquisto. Ad una timida riflessione nel 1400 era difficile che un poveretto potesse scrivere poemi di alto livello che andassero a scomodare e citare testi sacri, che conoscesse i testi di sommi poeti dell'epoca, ma ciò che conta è la poesia che si è conservata fino ai nostri giorni. Villon giocando a citarsi e a creare la leggenda di sè stesso tra amor cortese e scortese, cocquillard, coltelli, bastoni e vita grama ha inventato la poesia "volgare" in lingua francesce (non parlo di langue d'oc e oil già esistenti) e ci lascia la sua triste ironia in pegno, quel fardello terribile che è d'ogni uomo di fronte alla morte, un fardello troppo pesante per non lasciarsi scappare un sorriso e una pernacchia. Villon ne sarebbe felice. D'altra parte lo dice lui stesso, Villon nasconde una rima nella sua lingua.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Poesia Francese Sacra e Profana dal IX al XV secolo, Provenzali, Ginsberg e avanguardie, ma pure Bukowski, Sette, Charms, Nove
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri