Dettagli Recensione

 
La mia patria era un seme di mela
 
La mia patria era un seme di mela 2015-11-07 11:40:40 Anna_Reads
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    07 Novembre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non pensare dove non devi.

Dice la nonna dell’autrice alla nipotina.
Devo ammettere che mi sono approcciata a questo libro non per “amore”, ma per mancanza di alternative per me appetibili. Massì, conosciamo un premio Nobel di cui (tanto per cambiare) so poco o nulla. Quando ho avuto il libro tra le mani e mi sono accorta che non era propriamente un romanzo, ma un’intervista, ho arricciato ulteriormente il naso.
Motivo per il quale l’ho lasciato qualche giorno sul comodino, in attesa dell’ispirazione.
Be’, ho fatto male.
Perché una volta cominciata la lettura, la narrazione “prende”. Eccome se prende.
Certo, in più di un’occasione, sarei stata disponibile ad offrire la cena all’intervistatore affinché si levasse dai piedi e lasciasse parlare “a ruota libera” l’autrice, ma devo anche ammettere che non è stato molesto quanto avrebbe potuto essere.

L’autrice, rispondendo alle domande, traccia lunghe campate narrative, nelle quali racconta la sua vita, quella della famiglia, degli amici. Racconta dell’infanzia tutt’altro che bucolica, passata nella sua sperduta e verde valle, della prigionia della madre prima della sua nascita. Di un “potere” esterno, ostile, violento di cui – da bambina – non ha ancora consapevolezza, ma sente opprimente.
Siamo in Romania, dall’immediato dopo guerra fino alla lunga dittatura di Ceausescu.
All’infanzia dell’autrice, seguono adolescenza e la giovinezza, il trasferimento in città, il rifiuto a diventare una spia, le vessazioni, lo straniamento, la “scoperta” della scrittura, la pubblicazione dei libri, i viaggi all’estero, fino all’espatrio.
Ritorna, non poco, Hannah Arendt, in queste pagine con la sua “banalità” del male. Nella stupidità arrogante dei funzionari, nelle tecniche di intimidazione e controllo, nella manipolazione del reale, nello schiacciamento dell’individuo attraverso le estenuanti procedure burocratiche, le file per i generi alimentari più comuni, i “timbri” sui documenti, il tempo perso, il freddo, la fame.
E c’è anche un “non detto” prepotente. Negli interrogatori, nelle false accuse e nelle false risposte alle false accuse. Una realtà fittizia, che tutti riconoscono come tale, ma a cui tutti devono far finta di credere. I funzionari per “prosperare” e perversamente crogiolarsi nel loro potere e i cittadini per provare a strappare un po’ di tempo.
In tutto questo (che non è poco, ma non è neppure molto diverso da altri autori che si sono misurati con queste laceranti realtà), Herta Müller insinua il tema della scrittura e della riflessione linguistica.
L’autrice è nata e vissuta a lungo in Romania, ma è di lingua Tedesca. Quindi pensa (e scrive) in una lingua germanica e si muove in una realtà linguistica di matrice romanza, impastata profondamente con quella slava. Da qui la riflessione, potente, sulle parole, sul lessico e – di conseguenza – sulla scrittura e sulla memoria.
Parole scomposte ed analizzate, parole ritagliate e rese vivide, parole e frasi che costringono a dare una forma e preservano – un poco – dalla paura.
«Scrivere parole nella paura era forse come mangiare le piante, era una fame di parole. Reinventare la vita in una maniera non vera, che non la rifletteva identica, ma molto più esatta. Ed era l’idea che protetti dalle frasi si sapesse un po’ meglio come vivere. Le frasi non mi risparmiavano affatto, ma il lavoro che mi procuravano era per me un sostegno.»
Nel penultimo capitolo (Il mio amico Oskar), la riflessione dolorosa sulle parole è quasi continua, e si tratta (ça va sans dire) del capitolo che ho amato di più; sarà per l’essere linguista o per la scarsa simpatia che ho per i testi che si spacciano per romanzi e sono invece documentari, ma qui non abbiamo “soltanto” la narrazione di un’esperienza straziante, ma la riflessione di uno scrittore sulla medesima e della sua responsabilità nel comunicarla.
Potente ed indimenticabile, davvero.
Inutile dire che mi sono procurata la restante produzione della Müller e l’affronterò quanto prima!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Ciao Anna.
Molto bella la tua recensione.
Anch'io non conosco l'autrice, se non per fama. C'è qualcosa che non mi attrae verso la sua letteratura, una lieve sensazione apparentemente immotivata. Non voglio comunque precludermi la fruizione dei suoi libri prima di sperimentarne l'eventuale incompatibilità. Però ci sono tanti autori i cui libri sono lì in attesa di lettura...
In risposta ad un precedente commento
Anna_Reads
07 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Emilio,
sei sempre molto gentile!
Come non concordare? Anch'io cerco di non farmi condizionare (troppo) da sensazioni, e presentimenti (che qualche volta devo confessare che son proprio pregiudizi), ma alla fine ci casco eccome...
Cerco di seguire uno schema, e poi mi diverto a romperlo. Devo ammettere che far parte di un gruppo di lettura mi è prezioso; mi ha permesso di leggere libri a cui probabilmente non mi sarei mai accostata.
Infine la cosa buona è che difficilmente si resterà senza qualcosa da leggere :)
Commento per me interessante, Anna.
sto cercando la spinta giusta per provare la lettura della Muller pure io....
siti
08 Novembre, 2015
Ultimo aggiornamento:
08 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bel commento Anna, metti in evidenza proprio l'aspetto più importante, presumo, dell'opera di questo Nobel. Sono curiosa di leggere il tuo commento alla produzione, io al momento rimando, ho poca testa al momento per opere complesse. Ciao
In risposta ad un precedente commento
Anna_Reads
08 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Meno male che i libri ci aspettano :)
Ti ringrazio e... ad maiora!
In risposta ad un precedente commento
Anna_Reads
08 Novembre, 2015
Ultimo aggiornamento:
08 Novembre, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti ringrazio :) Io al momento ho in programma di tornare al "mio" Elmore Leonard western che ho troppo trascurato.
Però penso proprio che alla Muller tornerò tra non molto... e comunque meno male che i libri ci aspettano sempre...
Buone letture e a presto!
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri