Dettagli Recensione

 
Il giardino di Elizabeth
 
Il giardino di Elizabeth 2017-08-08 19:15:27 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    08 Agosto, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il giardino della vita e dei desideri

Un romanzo autobiografico segna l'ingresso nel mondo letterario di Elisabeth Von Arnim ( 1898 ) narrandoci la propria fuga, dopo cinque anni di matrimonio, dalla rumorosa noia cittadina alla perfetta solitudine silenziosa di una tenuta in Pomerania, segnata dalla duplice identità anglo-germanica, madre di tre bambine che chiama con i nomi del mese di concepimento ed un marito spesso assente che definisce " l' uomo della collera ".
Ma soprattutto vi è un giardino, teatro dei desideri e della speranza, che ne cullerà la quotidianità e diverrà il dolce e quieto riparo della propria esistenza. Elisabeth iniziera' un lungo apprendistato nei segreti del giardinaggio e trascorrerà lunghe ore solitarie immersa nella lettura e nella scrittura accarezzando i singoli momenti che si incamminano nelle stagioni cangianti mentre gli elementi a contorno assumeranno molteplici identità, sotto forma di figure vive, amici, gioie, affetti graditi.
In questo angolo di mondo si apre ai suoi sensi un paradiso di felicità, circondata da libri, bimbi, uccelli e fiori, e tutto il tempo necessario per goderseli. E' un luogo che si riempie di vita, un piccolo grande rifugio ed un dolce riparo. Ammiriamo la bellezza delle Esperidi, i rampicanti che si colorano di rosso, le more, e poi tulipani rosa, nasturzi, garofani, anemoni.
E' un giardino popolato di colori, di odori, di amici muti, uno spirito affine, così vivo e poetico, che trattiene il respiro in attesa.
È un luogo dei sogni al riparo da un mondo che sente non appartenerle e lontano da quella vita esterna, spesso estranea, che saltuariamente giunge a ricordarle, ahimè, la triste condizione della donna ai suoi tempi, esclusa dalla vita politica, ignorata, oggetto di violenze morali e fisiche maschili accettate come del tutto " normali ", a cui è vietato viaggiare ai piani superiori dei tram per non parlare della lettura, ritenuta un riprovevole spreco di tempo.
Ma Elisabeth e' una donna eccentrica, superiore alle comuni debolezze, che sa discernere, che osserva e giudica e soprattutto pensa e seleziona costruendosi un mondo operativo e contemplativo.
In quel giardino riversa tutta se stessa dedicandocisi amorevolmente, vivendolo interiormente, cogliendone intensamente ogni pur minimo cambiamento, proprio come il respiro della vita stessa.
Coloro che ama stanno sempre lontano da qualche altra parte, ma ... " se li vedessi non li amerei forse tanto "... Il giardino invece respira, pulsa, e ci sono giorni in cui ..." il vento ulula e tutta la natura è sopraffatta dal dolore "...
Lei sta seduta, aspetta, osserva, assapora, si gode il momento, in una perfetta solitudine colma di grazia, invisa ai più, spesso derisa, ignorata o semplicemente non capita, ma non le importa. La circondano tanti piccoli attimi di semplicità, i giuochi rumorosi e la soave ingenuità dei bambini, la saggezza indulgente del marito, qualche raro spirito affine.
Ci sono persone che vanno e vengono, con il passare delle stagioni, ma che, una volta partite, appartengono al passato, mentre un futuro è già cominciato, lì, in quel momento, nel suo giardino, la sua sola ed autentica dimora.

....." abbiamo preso il tè sul prato al sole, e quando ha incominciato a farsi tardi e le bambine erano a letto, e tutti i piccoli anemoni si erano richiusi per la notte, io passeggiavo ancora sui sentieri verdi, il cuore colmo della più felice gratitudine. Rende molto umili vedersi circondati da una tale profusione di bellezza e perfezione che ci e' elargita anonimamente, e pensare alla infinita piccineria delle nostre carità forzate... io confido che la benedizione che mi attende sempre nel mio giardino possa un po' per volta essere più meritata, e di potere crescere in grazia, e pazienza, e allegria, proprio come i fiori felici che amo tanto".....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Mi piace molto questa tua recensione, davvero ben scritta e molto evocativa!
Avevo già sentito parlar bene di questo libro, grazie della conferma!
In risposta ad un precedente commento
68
09 Agosto, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Laura e grazie. Sì, questo romanzo e' un piccolo gioiello, un condensato di grazia, di colori , di sapori, di odori, una commistione uomo-natura estetica ma anche empirica ed un ritratto soggettivato di uno spaccato di società, oltre che ben scritto Vivamente consigliato
Gran bella recensione, Gianni !
Pure a me il libro è piaciuto abbastanza, tanto che ho voluto leggere anche l'ideale seguito : "Un'estate da sola", ovviamente nel suo giardino : altro libro gradevole.
Trovo che l'autrice sia molto convincente quando ci trasmette le proprie emozioni al cospetto della natura, del paesaggio. Meno brava quando vuole inventarsi trame complesse, che rischiano di essere artefatte.
Ma i due libri , a cui ho fatto riferimento, non corrono questo rischio.
In risposta ad un precedente commento
68
11 Agosto, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, mi sono accostato alla lettura di questa autrice da poco e lentamente sto approfondendola: quella idea che hai manifestato mi sembra corretta, anche io ho avuto l' impressione di una dolce melodia che tratta emozioni, sentimenti e natura, tutto ciò che è intimità, meno nella costruzione di storie e vicende più complesse, che a volte paiono eccedere in costruzione narrativa, prolissità e credibilità, ma la mia è ancora una visione parziale. La bellezza di questo romanzo risiede tutta nelle caratteristiche definenti il se' più intimo.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Un'amicizia
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri