Dettagli Recensione

 
Piccolo paese
 
Piccolo paese 2017-11-22 20:29:55 Bipian
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bipian Opinione inserita da Bipian    22 Novembre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una candela per ricordare il Ruanda

Ho deciso di comprare questo romanzo perché non avevo mai letto nulla a riguardo del genocidio ruandese del 1992, una delle pagine più sconvolgenti della storia dell'umanità recente.

La trama si concentra sulla tarda infanzia di Gabriel nel periodo immediatamente precedente alla guerra civile del Ruanda. Come l'autore, anche il protagonista ha madre ruandese di etnia tutsi e padre francese, vive nel vicino Burundi nella capitale Bujumbura in una casa signorile situata in un vicolo a fondo cieco. E' questo il suo regno, il territorio delle scorribande con i suoi amici, che giocano a diventare grandi tra gli alberi di mango e le siepi curate di bouganville. Finché arriva la guerra civile a scompigliare e a sfregiare per sempre la sua vita, costringendolo alla fuga in Francia.

L'uso quasi esclusivo dell'imperfetto per rendere la sensazione del passato perduto, lo stile essenziale, asciutto, e i fatti raccontati solamente se rientranti nel cono visuale o nell'orecchio di Gabriel, sono alcune caratteristiche del romanzo, nel complesso discretamente apprezzabile e di rapida lettura.

La strage tra hutu e tutsi viene descritta dal punto di vista di chi si trova alla periferia del vortice, ma che deve spostarsi per non esserne risucchiato. L'autore non indugia mai sugli aspetti truculenti della tragedia e non cade nella facile retorica del sensazionalismo. Piuttosto accende un'umile candela sulla desolante vicenda utilizzando una storia tra le tantissime per raccontare al mondo, ma soprattutto a se stesso, cos'è successo in quell'angolo di mondo ignorato dall'occidente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
E' raro trovare recensioni a libri di autori africani subsahariani, complimenti per questa tua lettura!
Dici bene: "angolo di mondo ignorato dall'occidente"... lo è il Ruanda, così come tanti altri luoghi poveri del continente africano. La stessa guerra civile ruandese e il massacro che ne è seguito sono stati purtroppo presto dimenticati... :(
In risposta ad un precedente commento
Bipian
23 Novembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Laura.
Avevo sentito per radio la recensione di questo primo romanzo del giovane autore G. Faye e mi aveva colpito. Sono d'accordo: dobbiamo condividere e parlare di queste tragedie per evitare che si ripetano.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Voglio sappiate che ci siamo ancora
Niente paura
Greenlights
Ad occhi aperti
Un'autobiografia involontaria
La mia vita con i gatti
Sotto la falce
L'isola in via degli uccelli
La famiglia grande
Il nipote di Wittgenstein
Dove le ragioni finiscono
Yoga