Dettagli Recensione

 
La nostalgia felice
 
La nostalgia felice 2021-06-22 09:26:49 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    22 Giugno, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Viaggio, ricordo, emozione

«Fino a oggi il mio idillio con il Giappone è stato perfetto. Contiene gli ingredienti indispensabili agli amori mitici: incontro abbagliante nel corso della prima infanzia, sradicamento, lutto, nostalgia, nuovo incontro all’età di vent’anni, tresca, relazione appassionata, scoperte, peripezie, ambiguità, unione, fuga, perdono, strascichi.»

Con “La nostalgia felice” Amélie Nothomb torna in Giappone a distanza di sedici anni dal suo ultimo viaggio nipponico. Anche questa volta le pagine sono intrise di elementi autobiografici ma non mancano elementi del quotidiano e dello storico: ella, con grande precisione, rivive della tragedia di Fukushima, rivive l’incontro con l’anziana bambinaia adesso così fragile e delicata, rivive del disastro nucleare, rivive Rinri quel ragazzo di assoluta bontà conosciuto ventitré anni prima, rivive del terremoto che ha messo in ginocchio il paese.

«Un’ora fa pensavo che ritrovarsi dovesse essere proibito. Adesso penso che dovrebbero esserlo anche le separazioni. Sto trasgredendo questi due tabù complementari a un’ora di distanza. La mia unica scusa è che ne ignoravo la natura tragica.»

L’intero romanzo si snoda sui ricordi e assume una forma reportistica tanto da suscitare nel lettore dalle grandi aspettative un senso di confusione, perdita delle coordinate, mancanza di empatia. In realtà l’autrice ci conduce per mano in quello che è un vero e proprio viaggio sentimentale fatto di significati, consapevolezza della cultura giapponese questa volta con una prospettiva più matura rispetto che ai ventidue anni di cui al primo viaggio, emozione e intensità.
Un titolo che è dolcezza, intimità, profondità. Un elaborato che aggiunge un tassello in più al quadro delineato negli anni dalla scrittrice belga. Consigliato soprattutto a chi ama e ha amato gli scritti della Nothomb, consigliato a chi già ne conosce la produzione.

«Le persone solidamente centrate non capiscono di cosa si tratti. L’imbarazzo presuppone un’ipertrofia della percezione dell’altro, da cui deriva l’educazione delle persone imbarazzate, che vivono solo in funzione degli altri. Il paradosso dell’imbarazzo è che crea un malessere a partire dalla deferenza che l’altro ispira.»

«Il giorno in cui la gente si farà gli affari suoi sarà sempre troppo tardi.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Ciao Mary, hai divorato questa scrittrice, pur se assente ho seguito ogni tanto, ho visto che la apprezzi molto e non soltanto tu! La voglio conoscere, da dove posso cominciare?
In risposta ad un precedente commento
Mian88
24 Giugno, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Non la conoscevo e sono sincera, non tutti i libri mi sono piaciuti allo stesso modo. Un mio amico bibliotecario amava la sua produzione e più volte me l'aveva consigliata. Cominciai da "Riccardin dal ciuffo", quale errore. Non mi entusiasmò adeguatamente e da lì la accantonai. Quest'anno ho deciso di onorare la sua memoria prendendo spunto da una iniziativa che è in corso su alcuni social. Le ragazze di questo gruppo si sono prefisse di rileggere tutta la sua produzione in ordine cronologico e così ho fatto anch'io seguendo a distanza quelle che erano le tappe. Devo riconoscere che leggendola seguendo l'ordine cronologico si crea una maggiore empatia e anche comprendere il suo "disegno" e la sua produzione - molto filosofica, ironica e autobiografica - è più ""semplice"" o meglio, completa. Il mio consiglio è di partire dal primo e vedere se intanto può piacerti. Considera che lei pubblica un libro l'anno, generalmente ad agosto, che non supera mai le 100/120 pagine per titolo, che dietro le apparenze ci sono ragioni precise per le quali lo fa. Poi, se ti andrà, sono qui curiosa di conoscere le tue impressioni :-)
In risposta ad un precedente commento
archeomari
25 Giugno, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille per la risposta! Uhm, molto particolare da quello che mi hai detto, seguirò l’ordine di pubblicazione allora!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Chiamate la levatrice
Un pollastro a Hollywood
Fuga da Bisanzio
Operatori e cose
Voglio sappiate che ci siamo ancora
Niente paura
Greenlights
Ad occhi aperti
Un'autobiografia involontaria
La mia vita con i gatti
Sotto la falce
L'isola in via degli uccelli
La famiglia grande
Il nipote di Wittgenstein
Dove le ragioni finiscono
Yoga