Dettagli Recensione

 
Troppo amore
 
Troppo amore 2013-01-24 12:24:47 C l a r a
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C l a r a Opinione inserita da C l a r a    24 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il triangolo non è una figura piana.

Madrid 1984.
Il tre è un numero pari.
Vite precarie che trovano l’equazione perfetta nel numero tre; giovani studenti di Belle Arti: Josè, Jamie e Marcos. Una giovane donna, due giovani uomini.
A vent’anni, tutto il resto svanisce perché insieme sono una sola cosa, armonizzata da quei tre corpi dispari che rappresentano l’assoluta perfezione.
E allora li immaginiamo così, Josè nel mezzo, Jamie le cinge il collo dal lato sinistro, Marcos le bacia dolcemente la guancia destra.
Sesso e arte e amore. Soprattutto amore.
Un amore felice, perfetto, inossidabile.
"Io ero stata felicissima, allora, eravamo stati tutti e tre molto felici, e la vita era un letto grande, un balcone soleggiato, l’odore dell’acquaragia e di tre corpi sudati, il fumo, il rumore dei baci, delle risate. Vivere non è mai stato così facile come lo fu per noi allora, quando stavamo insieme, e insieme eravamo la gioia."

Madrid 1986.
Il tre è un numero dispari.
Come un castello di cartone viene sconfitto da una raffica di vento, allo stesso modo il numero tre tende a scomporsi e ricomporsi, assumendo forme nuove. Il tre non può diventar due senza perdere la perfezione di quei corpi dispari.
I corpi, uno alla volta, si dissolvono per essere sepolti dalla memoria. Tre vite separate, tre vite che avevano conosciuto la purezza della gioia e che scelgono, ognuno per un proprio motivo, di allontanarsi, inseguendo illusioni apparenti.
Ed è incompletezza. Ed è oblio.

Madrid 2004.
Il tre non è mai stato un numero perché è l'angoscia e la sua ombra.
Venti anni dopo, una telefonata, un suicidio, la cenere che si smuove e i ricordi. I ricordi di un amore che non poteva e non doveva essere tale. Troppo complicato troppo confuso, e azzardato e fecondo e doloroso. Troppo amore. Solo questo.

Almudena Grandes ci conduce nell'abisso del piacere, della perversione, dell'amore all'estremo, del peccato e poi ci costringe ad una dolorosa apnea.
A voi, il tentativo di riemergere.
Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Bella recensione Clara!! :)
Davvero molto "estetica": nei contenuti, oltre che nel tuo paragrafare. :)
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
24 Gennaio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
AHHHH CHE BRAVA...
In risposta ad un precedente commento
petra
25 Gennaio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grande Claretta....una recensione che è un invito ! Semplicemente stupenda, grazie.
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
25 Gennaio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Clara, ma sai che questo è stato uno dei miei libri preferiti? al tempo lo trovai veramente ben costruito e mai volgare... Secondo me non dovrebbe stare neppure tra i romanzi erotici...
Bellisima opinione!
Grazie, siete sempre taaanto buoni! :P

@ Fede: è assolutamente un invito, davvero merita di esser letto!

@ Eva: sono assolutamente d'accordo... Riesce ad esser appassionato ma mai troppo esplicito o sopra le righe... Non credo possa esser classificato come "erotico".

Un abbraccio a tutti!
SARY
25 Gennaio, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Mi piace, bella recensione, brava!
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri