Dettagli Recensione

 
Giustizia bendata
 
Giustizia bendata 2019-08-20 08:23:31 DanySanny
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    20 Agosto, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giustizia ovvero Dio ovvero la politica

Per una volta, comincio la recensione con un aneddoto personale. Sono sempre stato un tipo da filosofia e molto poco da storia, nel senso che potrei parlarvi un’ora dell’Essere in Heidegger e forse cinque minuti della Rivoluzione Francese. Questo per dire che questo libro è molto lontano dalle mie corde e non l’avrei mai letto se non me lo avesse chiesto un mio amico, a corto di tempo, che lo doveva leggere per un esame universitario. (Okay, nella realtà mi ha regalato un libro e così mi ha comprato. Sono debole.)

Comunque: il libro ripercorre la storia della Giustizia, un tema imponente e di stringente attualità se si considera il complesso rapporto tra diritto e morale nel tempo della tecnica (e con essa eutanasia, aborto, ecc.) e il difficile rapporto tra potere giudiziario ed esecutivo: la storia italiana recente ha dimostrato con forza quanto la spettacolarizzazione dei processi, l’occhio del pubblico e il controllo delle reti mediatiche possa impattare sul concetto di giustizia. L’autore sceglie di ripercorrere il tema attraverso un ricco apparato iconografico, oltre 100 immagini prese da manoscritti medievali, opere a stampa, ma anche dipinti e sculture dal medioevo all’ottocento, cosicché tutto il libro appare come un lungo commento alle immagini. Questo da un lato rende l’opera più agile e fruibile, anche da un pubblico non addetto ai lavori, dall’altro rischia di frammentare il discorso e far perdere il filo.

Un problema generale dei libri scritti da accademici è proprio la difficoltà che essi trovano di uscire dall’ambito universitario e di scrivere opere chiare, che colgano le linee di continuità della storia senza soffermarsi troppo su digressioni ultraspecialistiche che hanno effetti deleteri sull’attenzione. In questo, il libro tentenna: scegliendo di seguire percorsi tematici (la spada della giustizia, la benda, la bilancia), frammenta lo stesso secolo in più capitoli cosicché la prospettiva diacronica appare distorta in una ricostruzione cubista che rende talora difficile seguire il discorso. Specialmente il periodo che va dalla fine del Medioevo alla Controriforma viene descritto in maniera alquanto complessa e con una certa ridondanza. Sicuramente l’autore è competente e il libro non manca di spunti.

In particolar modo è curioso il complesso passaggio di significati dall’ambito religioso a quello giuridico e cioè come il processo per eccellenza, quello di Gesù, il processo che ha condannato il più giusto tra gli uomini, abbia plasmato non solo il linguaggio del diritto (pena, confessione, giudizio…), ma anche il contesto in cui la pena si realizza (le grandi manifestazioni collettive del medioevo, in cui l’imputato è invitato a pentirsi pubblicamente prima e poi dinnanzi al confessore per chiedere il perdono). La storia della giustizia è anche la storia di un potere che la distorce, la sfrutta e della ricerca inesausta di una equità di giudizio che sembra impossibile. Ed emblematicamente apre e chiude l’opera l’immagine della benda, simbolo da un lato di una giustizia imparziale, che non distingue il ricco dal povero, dall’altro di una cecità della prassi che sacrifica l’imparzialità al denaro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Daniele, mi hai fatto morire dal ridere sul perché hai letto questo libro! Io invece sono il contrario: tipo da storia e poco da filosofia. Capisco quello che vuoi dire sui testi scritti da accademici, ne sto leggendo uno proprio in questi giorni: molto interessante ma per seguirlo ci vuole calma e moooolta concentrazione. In realtà questo saggio sulla storia della giustizia potrebbe essere nelle mie corde. Intanto lo segno.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
20 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Chiara! Avendolo dovuto anche riassumere per lui, forse mi ha influenzato negativamente! Per una lettura più piana e meno letterale, magari non è male. Aveva anche vinto il premio Viareggio mi sembra come esempio di divulgazione. Io l’ho trovato un po’ caotico da “studiare”, ma da leggere chissà...
Ciao Daniele, sai quanti libri con " prospettiva diacronica" che " appare distorta in una ricostruzione cubista che rende talora difficile seguire il discorso" mi sono spalmata, vezzo accademico? Mi associo a Chiara , anche io tipa più da storia che da filosofia. Quanto ti stima il tuo amico? Mai studiato dai riassunti, orrore! La mia amica sempre, andava velocissima, Io giù sui libri, nota per nota, tempi più lunghi.
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
22 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Sarà Laura che oramai ho la deformazione da testo scientifico, in inglese generalmente, è sopporto sempre sempre meno le divagazioni confuse. Comunque ci consociamo da 10 anni, lui a scuola mi aiutava in storia e io in filosofia e insomma, c’e fiducia.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri