Saggistica Arte e Spettacolo Donna Rosita nubile
 

Donna Rosita nubile Donna Rosita nubile

Donna Rosita nubile

Saggistica

Editore

Casa editrice

Di Federico García Lorca (1898-1936), Einaudi ha pubblicato Teatro, I capolavori, Nozze di sangue, Yerma, La casa di Bernarda Alba, Donna Rosita nubile, Il mio segreto. Poesie inedite (1917-1919), Sonetti dell'amore oscuro. Poesie d'amore e di erotismo. Inediti dell'età matura, Il pubblico e Poeta a New York (2008).



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Donna Rosita nubile 2019-12-30 07:15:10 kafka62
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
kafka62 Opinione inserita da kafka62    30 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ROSITA MUTABILIS

A volte la vita realizza casualmente (casualmente?) delle coincidenze sorprendenti. A poche ore di distanza ho avuto infatti modo di assistere al film “Vincere” di Marco Bellocchio e alla commedia teatrale “Donna Rosita nubile” di Federico Garcia Lorca: due storie che, al di là dello spirito diverso (quasi espressionista, e di grande impegno politico e civile il primo, cechoviano, musicale e poetico il secondo), hanno in comune due figure di donna che, per rimanere fedeli al loro amore giovanile, sprecano entrambe la loro esistenza in attese estenuanti e illusioni destinate a rimanere irrealizzate. Se “Vincere” ha un deuteragonista maschile, il Duce, di titanica, seppur negativa, grandezza, “Donna Rosita nubile” è invece un’opera intimamente femminile: lo è perché i personaggi maschili (il cugino, lo zio, il maestro) sono figure meschine o imbelli o mediocri, mentre quelli femminili risaltano di molteplici sfaccettature drammatiche, ma lo è anche, e soprattutto, perché allarga il suo discorso poetico ben al di là della sua protagonista, per parlare della condizione della donna in un mondo fallocratico che la espone alle umiliazioni e sofferenze di una posizione sociale che è sempre subordinata all’essere moglie, madre o figlia di un uomo. Donna Rosita è una eroina emblematica di questa condizione, fin dalla simbolica similitudine con la “rosa mutabilis” che lo zio coltiva con maniacale passione, ed il cui colore passa da uno sgargiante rosso fuoco a un pallido bianco serale, fino a perdere i petali al sopraggiungere della notte. Il testo suggerisce che Rosita, apparentemente ignara dell’inganno del suo fidanzato e fiduciosamente in attesa del realizzarsi della promessa di matrimonio fattale in gioventù dal cugino, sia in realtà consapevole dell’inutilità delle sue speranze. Buttare via la propria giovinezza, sprecare la propria vita diventa allora l’unico atto di ribellione possibile per rimarcare la superiorità morale di un essere che non ha alcuna voce in capitolo, al di fuori di un matrimonio “onorevole”, per far valere i propri diritti, pur consapevole che la sua inesorabile trasformazione da “manola” a “zitella” la espone al ludibrio o alla pietà di chi la circonda. Insieme alle donne (memorabile il terzetto composto da Rosita, dalla zia e dalla governante), il protagonista è, come si può intuire, il tempo. Il trascorrere degli anni, che Garcia Lorca rende con ellittica eleganza, è il più ostinato avversario di Rosita, la quale ad un certo punto smette di uscire di casa per evitare di vedere, nel cambiamento delle persone intorno a lei, lo sgretolarsi crudele delle sue speranze. Eppure, nonostante l’innegabile tristezza dell’opera (accomunabile a quella di altri capolavori del teatro, come “Il giardino dei ciliegi”, “Zio Vanja” e “Tre sorelle” di Cechov, e “Zoo di vetro” di Tennessee Williams), “Donna Rosita nubile” è anche una commedia piena di brio, di musica, di danze e persino di notazioni umoristiche (ad esempio, la scena della visita delle zitelle, con quei ventagli che ossessivamente si aprono e si chiudono a mascherare disagi e imbarazzi), che diverte e commuove allo stesso tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Un'amicizia
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'uomo vestito di nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri