Saggistica Arte e Spettacolo G. Vi racconto Gaber
 

G. Vi racconto Gaber G. Vi racconto Gaber

G. Vi racconto Gaber

Saggistica

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di "G. Vi racconto Gaber", opera di Sandro Luporini edita da Mondadori. Questo libro è un evento. Una storia che aspettavamo ci venisse raccontata. Un tuffo in un mondo che suscita nostalgia anche in chi non l'ha vissuto. A dieci anni dalla scomparsa di Giorgio Gaber, il suo storico coautore e amico Sandro Luporini rompe l'ormai leggendario riserbo, e dal suo inviolabile rifugio viareggino apre le porte su uno dei più straordinari sodalizi artistici degli ultimi decenni. Svelando un tesoro di cui è il più autorevole custode. Racconta le discussioni, le idee, i dubbi, le storie, qualche volta le coincidenze che hanno dato origine ai loro capolavori: cosa intendevano veramente in certe canzoni troppo spesso fraintese, da dove è nata la battuta "quasi quasi mi faccio uno shampoo", o che "...volevamo dire 'libertà è spazio di incidenza', ma anche senza essere musicisti si capisce bene che una roba così non si poteva proprio cantare". Ma anche i particolari di un uomo fuori dall'ordinario, ironico e curioso di tutto, che lavorava anche quando sembrava fare altro e andava al mare con le Clark. Il bel pretesto narrativo è l'incontro tra Luporini e un ragazzo giovane, attento e appassionato che non ha avuto la fortuna di conoscere il Signor G e la sua epoca. Il risultato è puro Gaber: intelligenza, ironia, e una profondità che appena rischia di diventare pesantezza ha uno scarto, un guizzo, e ritorna meravigliosamente leggera. G. è quanto di più vero e definitivo si potesse scrivere su Giorgio Gaber. Sandro Luporini riesce nel miracolo di restituirci quello stile, quel gusto, quel modo di vedere le cose che ci ha tanto affascinato, e di cui tanto sentivamo la mancanza.

Sandro Luporini, autore e pittore, nasce a Viareggio il 12 luglio 1930. Studente all'università di Pisa, nel 1953 abbandona gli studi di Ingegneria per dedicarsi alla pittura e si trasferisce a Roma. Nel 1956 è a Milano e partecipa a varie mostre assieme ai pittori della Galleria Bergamini, prendendo parte agli eventi del realismo esistenziale, per poi legarsi più tardi al gruppo della Metacosa. Sempre a Milano, agli inizi degli anni Sessanta, conosce Gaber e tra i due nasce subito un'amicizia, che sfocia presto in un sodalizio artistico interrotto solo nel 2003 con la morte di Giorgio. La loro collaborazione porta alla nascita del genere Teatro Canzone. Tra i loro più importanti spettacoli: "Il signor G", "Far finta di essere sani", "Libertà obbligatoria", "Polli di allevamento", "Anni affollati", "Il Grigio", "Il caso di Alessandro e Maria" e "Il dio bambino".

Biografia di Giorgio Gaber

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
G. Vi racconto Gaber 2013-04-17 15:48:32 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    17 Aprile, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'è solo la strada su cui puoi contare

"C'è solo la strada su cui puoi contare
la strada è l'unica salvezza.
C'è solo la voglia e il bisogno di uscire
di esporsi nella strada nella piazza.
Perchè il giudizio universale
non passa per le case
in casa non si sentono le trombe
in casa ti allontani dalla vita
dalla lotta,dal dolore,dalle bombe.

Si trascorre la vita a porsi domande alle quali assai di rado è possibile dare risposte esaustive, come ricorda Sandro Luporini a Lorenzo, lo studente milanese che lo intervista per la sua tesi di laurea su Gaber. Leggendo questo saggio diventiamo un po tutti Lorenzo,
seduti in cerchio , fingiamo di stare in spiaggia a Viareggio, magari d'inverno con un tiepido sole a scaldarci e senza la sciatteria dei bagnanti estivi, ascoltiamo un poeta del pennello raccontare di un poeta dell'Incidenza, i primi accordi, il primo incontro con quello che diventerà l'amico e il collega di lavoro della vita, i primi concerti e soprattutto il Teatro. Quando leggiamo "G" riscopriamo anche la storia del nostro paese, quella degli ultimi trent'anni, dal boom economico agli anni di piombo fino alla Seconda Repubblica, come se ne avessimo avuta una degna di chiamarsi Prima ! Lo stile è semplice , la narrazione fluida, il contenuto di questo libro è denso e corposo, come un vino d'annata da centellinare sul palato, per gustarne tutto il "bouquet", direbbe il "sommelier" Andrea Scanzi che di Poeti cantanti se ne intende.
La lettura ti prende , ti coinvolge, ogni tanto ti viene istintivo fermarti, lasciare cadere il segnalibro fra le pagine, googlare la canzone della quale Luporini ti spiega il significato , la ragione , l'idea che c'era dietro, per ascoltarla, interpretata da lui: capelli lunghi, sguardo intenso ,che tradisce una continua irrefrenabile voglia di capire , di conoscere, di condividere un pensiero per sempre "disallineato". Vi dicevo all'inizio del post delle "Domande", quelle con la d maiuscola,che ci poniamo sulla Libertà,sull'Amore, sul Futuro,sulla Pazzia,sull'Impegno sociale, ebbene le risposte il poeta non le può dare, quelle le dobbiamo sudare ognuno di noi per la parte che ci è concessa in questo Teatro chiamato vita , personaggi tutti in cerca di un autore, ma alla fine Loporini e Gaber una risposta la danno, in "C'è solo la strada" , essi rispondono che è "a lottare che non bisogna mai rinunciare", non nelle case , ma nella strada, nelle piazze si aspetta il Giudizio Universale,
in casa, nel proprio orticello ti allontani dalla vita. Dunque "anche per oggi non si vola", ma ci riproveremo domani e domani ancora, "c'è sempre qualche cosa che sfugge/ alla ragione del presente/persino lo sfacelo generale/magari è solo un giusto ammonimento/e non la fine irreversibile e totale./Al termine del mondo per fortuna/le strade sono sempre più di una.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri