I blues I blues

I blues

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di I "blues", opera di Tennessee Williams edita da Einaudi. I personaggi e, ancora più spesso, le protagoniste di Tennesee Williams, sono individui costretti a "compensare alle crudeli deficienze della realtà con l'esercizio di un po' di immaginazione". La necessità di un'illusione, cioè la follia, nasce negli insoddisfatti, nei delusi, in coloro che la vita ha privato di un unico bene e, travolgendo l'equilibrio morale, stabilisce una nuova tensione di desiderio, istintivo, animale, febbrile. La poetica di Williams si propone di riprodurre e, quando si può, rivelare la verità misteriosa, resuscitandola con cechoviana minuzia allusiva di particolari e contrappunti di musiche. La sua atmosfera teatrale carica di rumori, suoni, echi lontani, è già in sé un tentativo di fare concerto, di far rimbalzare ogni parola contro un muro sonoro.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I blues 2013-10-25 03:41:18 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    25 Ottobre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il rhythm & blues di Tennessee

In questo volume sono raccolti quattro drammi, quattro immaginari blues cantati e musicati da personaggi che cercano nei risvolti estremi dell’immaginazione un surrogato della realtà. Da wikipedia: “blues è una forma musicale vocale e strumentale la cui forma originale è caratterizzata da una struttura ripetitiva di dodici battute e dall'uso, nella melodia, delle cosiddette blue note. Le radici del blues sono da ricercare tra i canti delle comunità di schiavi afroamericani nelle piantagioni degli stati meridionali degli USA.” Direi che la definizione calza: i drammi sono componimenti brevi, ove le battute insistono, esprimono sofferenza e hanno il ritmo di un dolore profondo.

Ne “La camera buia” si nasconde un orrore che ha per protagonista la figlia della signora Pocciotti, “una montagna di carne femminile, italianamente abbronzata”. Il segreto chiuso nell’oscurità della camera trapela grazie alle domande rivolte dalla signorina Morgan, una “meticolosa, schizzinosa zitella che si dedica all’assistenza sociale”.

Analogamente in “Ritratto di Madonna”, il portiere e il ragazzo dell’ascensore fanno affiorare la follia della signorina Lucrezia Collins, “una zitella di mezz’età, smilza e dalle spalle ad arco, con un viso tirato che l’agitazione imporpora.” Epilogo all’insegna dell’intervento di un dottore e di una rude infermiera, sollecitati dall’amministratore, il mite signor Adams.

“La lunga permanenza interrotta ovvero Una cena poco soddisfacente” è quella di zia Rose, ultraottantenne nubile e fragile, anche nell’aspetto, che viene “palleggiata” da nipoti e parenti nelle rispettive case. Anche Baby Doll e il rozzo Archie Lee le danno “il foglio di via”. Finale tragico ove un uragano – la natura chiamata a impersonare la crudeltà umana – sballotta la dolcissima vecchietta mentre “nel cervello, nipoti e pronipoti e cugini le passano innanzi come fogli di album sfogliati rapidamente.”

“Proibito” è forse il più inquietante – anche se è difficile stabilire una gerarchia degli orrori - dei quattro drammi: la bambina Willie (“non ha più di tredici anni”) “avanza su una rotaia tenendosi in equilibrio instabile con le braccia aperte”: è agghindata da entreneuse, ma stringe in una mano “una bambola straordinariamente malridotta con una scarmigliata parrucca bionda”. Il suo colloquio con Tom – un ragazzo che gioca con l’aquilone sulla massicciata della ferrovia sul tratto Memphis/New Orleans/Saint Louis – mette in luce un presente degradato nel quale la ragazzina incontra ferrovieri e gioca a fare la grande, sfidando la morte, dopo aver preso il posto d’intrattenitrice della sorella (“Ho ereditato anche tutti gli innamorati di mia sorella”): Alva è morta giovanissima, di tisi come la protagonista della “Signora delle camelie” ma senza violini che suonavano e senza “fasci di fiori bianchi”...

In queste opere molti ravvisano elementi autobiografici di Tennessee Williams: la schizofrenia della sorella, i disturbi mentali, gli attacchi di panico e le paure per gli aspetti terribili della realtà.
Sono testi da leggere se non si è già depressi. Se lo si è, l’angoscia potrebbe trovare nutrimento. E conferme.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... le altre opere di T. Williams
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri