Saggistica Arte e Spettacolo Il soldato fanfarone
 

Il soldato fanfarone Il soldato fanfarone

Il soldato fanfarone

Saggistica

Autore

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Il soldato fanfarone, opera di Tito Maccio Plauto edita da BUR Rizzoli. Spaccone, credulo, vanesio, il soldato Pirgopolinice è convinto che tutte le donne debbano cadere ai suoi piedi. Ha con sé una bellissima fanciulla, ma quando gli dicono che la moglie di un vicino è innamoratissima di lui, la lascia libera per disporsi al nuovo amore. In realtà non si tratta che di una beffa, ordita ai suoi danni da un servo astuto e dal suo giovane padrone, per riavere la ragazza. Una delle più fortunate e divertenti commedie di Plauto, alla cui fama concorre l'imponenza del rotagonista, capostipite riconosciuto di tanti celebri personaggi letterari, da Matamoro a Capitan Fracassa. Nell'ampia e documentata introduzione, Cesare Questa guida il lettore nel segreto del laboratorio plautino; mette in luce la grande abilità scenica dell'autore, analizza la sua tecnica linguistica, rivela il ritmo e la mobilità della trama e dei personaggi e indaga la complessità delle fonti.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il soldato fanfarone 2012-11-10 18:47:18 Ale96
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ale96 Opinione inserita da Ale96    10 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pirgopolinice: apologia della comicità latina

Quando sentiamo il nome Plauto tornano alla mente ricordi di scuola fatti di frammenti, brani selezionati e inevitabili sbadigli. Ma quando estrapoliamo una delle commedie di questo genio latino dal contesto scolastico che cosa otteniamo? Di sicuro un apprezzamento maggiore e anche, come è avvenuto con me, molto divertimento.
Dunque proviamo: prendiamo una sua opera, che ne dite del suo successo, il Miles Gloriosus? Apriamolo in una giornata uggiosa o quando siamo di malumore. Il risultato? Risate, risate e risate.

Un giovane cittadino Ateniese, Pleusicle vive un intenso amore ( ricambiato) con una cortigiana, nata libera, di nome Filocomasia. Tuttavia il giovane Ateniese è costretto a partire per Naupatto a fini diplomatici, lasciando la sua amante sola o quasi...Infatti nella grande città dell'Attica giunge un soldato vanesio e millantatore di Efeso ( cittadina sulle coste dell'Asia minore), Pirgopolinice che inizia a sedurre la madre di Filocomasia per poi ingannarla portando via con sé sua figlia.
Il servo di Pleusicle, il versatile Palestrione, parte alla volta di Naupatto per informare il suo padrone circa la partenza di Filocomasia. Però durante la traversata in nave egli viene assalito e fatto prigioniero dai ladri il quale lo danno in dono ad un soldato di Efeso...indovinate un po' ? Il nostro Pirgopolinice!! Così Palestrione ritrova Filocomasia, tenuta quasi come una prigioniera dal miles gloriosus, e avverte di ciò Pleusicle, il quale si reca immediatamente a Efeso e viene ospitato da un anziano amico di suo padre, Periplectomeno, il quale ( che strana coincidenza!) è il vicino di casa di Pirgopolinice.
Dunque per permettere ai due amanti di incontrarsi, Palestrione elabora questo stratagemma: fa forare la stanza, che è collegata direttamente alla dimora di Periplectomeno, dove può entrare solo Filocomasia. Tuttavia poco tempo dopo, un servo di Pirgopolinice e “carceriere” di Filocomasia, Sceledro, mentre rincorre una scimmietta fuggita verso la casa di Periplectomeno, scova Pleusicle e la sua prigioniera a baciarsi e di fretta va a cercare Pirgopolinice per riferirgli il fatto ma viene bloccato da Palestrione, il quale ha elaborato un altro raggiro: fa credere a Sceledro che in città siano giunte la madre e la sorella gemella di Filocomasia, Giustina ( impersonata dalla stessa Filocomasia) e così il povero guardiano, confuso, viene fatto azzittire.
Ma bisogna far liberare Filocomasia e allora Palestrione mette a punto il più ingegnoso (ed esilarante) inganno che abbia mai fatto...

L'opera, una commedia palliata ( ovvero di argomento greco) in cinque atti, basa la sua comicità sul linguaggio e sullo pseudo-protagonista Pirgopolinice.
Leggendo la commedia, non ci troviamo di fronte un registro letterario e retorico, piuttosto arcaico e solenne, ma il parlato, il latino della quotidianità, con le sue formule fisse ( “per Ercole!”, “per Polluce!” ) e i suoi “colpi alla latina” ( “che gli dei ti schiantino”).
Il ritmo inoltre è molto veloce per il predominare di dialoghi e per l'assenza di riflessioni.
L'altro cavallo di battaglia è la spassosa figura del soldato fanfarone, Pirgopolinice.
Socrate diceva che il pubblico ride quando vede sulla scena un personaggio che, a causa della non conoscenza di sé, millanta una superiorità che viene smentita dall'evidenza dei fatti. Tale ignoranza si esplica in 3 ambiti- i beni della fortuna, le qualità del corpo e le qualità dell'anima- che Pirgopolinice riesce a incarnare alla perfezione. Ecco perché è così comico.
Inoltre il nostro miles gloriosus,” non vive di luce propria, ma esiste solo grazie alle adulazioni degli altri. Lui, in prima persona, parla molto poco. Nessun monologo, nessun intervento lungo. Soltanto brevi risposte alle sollecitazioni dei suoi interlocutori”. Quindi Pirgopolinice è la parodia del protagonista, il quale invero è rappresentato dal servo Palestrione poiché “architectus” di tutte le vicende narrate dalle cui labbra pendono tutti gli altri personaggi. Inoltre il poliedrico servitore è l'unico a cui Plauto concede un monologo che occupa un'intera scena ( la centralità del servitore è un tema carico al grande commediografo latino).

In conclusione, consiglio vivamente quest'opera poiché oltre ad essere spiritosa ed incalzante ci dà delle pennellate della società romana del III secolo a.C. la quale, specialmente nei difetti, non differisce molto dalla nostra.
Dunque, se siete giù di morale e volete qualcosa di alternativo dalle solite barzellette, un buon Miles Gloriosus vi farà di sicuro tornare il sorriso. Buona lettura!!!

PS: quest'opera non è un saggio ma un classico latino, quindi il voto sull'approfondimento è molto orientativo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri