Saggistica Arte e Spettacolo L'anima buona del Sezuan
 

L'anima buona del Sezuan L'anima buona del Sezuan

L'anima buona del Sezuan

Saggistica

Editore

Casa editrice

Nella capitale della provincia cinese del Sezuan giungono tre dèi, in pellegrinaggio attraverso il paese alla ricerca di qualche anima buona; e ne trovano una nella prostituta Shen Te, che accorda loro ricovero per la notte. Il compenso per tale atto di bontà è una tonda sommetta, mille dollari d’argento, ossia, per Shen Te, la possibilità di vivere bene. Ma la munifica largizione è accompagnata dal comandamento di contuiunare a praticare la bontà. Fatale errore, insanabile incongruenza! La povera Shen Te si trova subito addosso uno sciame di parassiti e di postulanti, di falsi e veri bisognosi esigenti fino alla ferocia. A complicare la situazione interviene l’amore: Shen Te, non più costretta alla sua antica, vergognosa condizione, può finalmente innamorarsi di un’uomo: il male è che si tratta di un giovane povero, l’avido disoccupato Yang Sun… Emerge in tutta la vicenda l’universale necessità di soffrire e far soffrire: è l’aspetto più affaticante e dramamtico della condizione umana. Gli dèi possono non capacitarsene perché a loro resta sempre una via d’uscita: poco prima che cali il sipario, potranno tornarsene lassù, nella loro beata irrealtà.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'anima buona del Sezuan 2020-03-23 11:02:33 kafka62
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
kafka62 Opinione inserita da kafka62    23 Marzo, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I PARADOSSI DELL'ETICA

Intelligentemente didascalica (come del resto tutta l’opera di Bertolt Brecht), “L’anima buona del Sezuan” è una profonda riflessione sui rapporti tra il bene individuale e l’ambiente sociale in cui esso si esplica, tra la morale privata e l’interesse collettivo, e – in senso lato – sulla linea di demarcazione, così difficile da determinare, tra ciò che è buono e ciò che non lo è. La protagonista Shen-te, un personaggio che ricorda per candore la Cabiria felliniana (non a caso all’inizio dell’opera lei pure è una prostituta), viene prescelta per la sua bontà da tre dei discesi appositamente dal cielo con il compito di provare che non tutti al mondo sono cattivi ed egoisti, che almeno un’anima buona esiste sulla terra, e premiata con mille dollari. La sua vita può finalmente cambiare, e la donna aprire un piccolo esercizio commerciale, ma la sua disinteressata filantropia, che attira come mosche disoccupati, senzatetto e altra povera gente alla ricerca di un aiuto, finisce per mandare tutto in malora. La bontà di una sola persona non può cambiare il mondo, anzi produce degli effetti paradossalmente peggiori, alimentando parassitismo, improduttività e ingratitudine, quando non addirittura la rovina di persone in buona fede (come la coppia che presta a Shen-te i soldi dell’affitto, che lei usa invece per aiutare l’aviatore di cui è innamorata a “pagare” l’ambito posto di lavoro a Pechino). Di fronte a cotanto fallimento, e alla prospettiva che il figlio che porta in pancia possa un giorno essere costretto a procurarsi il cibo rovistando nella spazzatura come i bambini che vede intorno a sé, Shen-te è costretta a vestire i panni di Shui-ta, il cinico ed efficiente cugino senza scrupoli, dalla mentalità manageriale e capitalistica, e abiurare ai suoi buoni sentimenti. Messa di fronte ai tre dei, nella scena finale, Shen-te è costretta ad ammettere che le prescrizioni morali e i comandamenti sono troppo rigidi e ambigui per essere applicati tout court al mondo degli uomini, ma alla domanda su come è possibile rimediare a questo ossimoro etico (il bene che provoca il male, e quest’ultimo che risulta più utile del suo contrario), i tre dei se la danno a gambe, lasciando la donna sola con i propri interrogativi e con le proprie ineludibili responsabilità.
Brecht sa destreggiarsi molto bene tra i tanti paradossi dell’etica (che ben conoscono coloro che si occupano di filosofia e che si trovano di fronte a tante formulazioni diverse di etica, quella cristiana, quella kantiana, quella utilitaristica, ecc.) e, rispettando tanto le esigenze della favola quanto quelle dell’insegnamento pedagogico, cala le sue provocazioni in un contesto molto concreto, quello di una regione povera che assomiglia moltissimo alle tante periferie del mondo alle prese con la crisi economica attuale. Ciò permette di allargare l’angolo visuale ad altre importanti questioni, come quella sui sistemi economici maggiormente desiderabili (socialismo, capitalismo o solidarismo) o quella sull’influenza delle religioni sull’operato sociale degli uomini (qui si intuisce agevolmente l’allergia di Brecht per i fondamentalismi religiosi). Incongruamente sospeso, in apparenza, tra cineseria e opera a programma, “L’anima buona del Sezuan” è in realtà un testo del tutto coerente con il senso ultimo dell’arte brechtiana, sempre pronta ad affondare il bisturi della sua impietosa analisi teatrale nella realtà sociale contemporanea.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La stella del mattino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mozart. Il teatro dal mondo
Dizionario del bibliomane
Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca
Il mestiere dello scrittore
Figli di un dio minore
Nuotando nell'aria
Caino