Saggistica Arte e Spettacolo Medea. Variazioni sul mito
 

Medea. Variazioni sul mito Medea. Variazioni sul mito

Medea. Variazioni sul mito

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di "Medea. Variazioni sul mito", opera edita da Marsilio. La storia di Medea, principessa della Colchide, è una delle più cupe nell'universo del mito antico. Innamorata del greco Giasone, per lui tradisce il padre, uccide il fratello, abbandona la patria. Ma l'evento che la caratterizza in modo assoluto è quello che Euripide ha scelto di portare in scena nel suo dramma: l'uccisione dei figli, l'atto estremo con cui essa si vendica dell'abbandono di Giasone. Per questo gesto Medea si impone all'immaginario occidentale. In Euripide il personaggio conserva la sua ambiguità e rivendica, attraverso lo schermo del mito, la sua non appartenenza all'universo dei valori umani; Seneca riversa ogni colpa sul personaggio cupo e malefico della maga straniera; le rielaborazioni moderne cercano invece di ancorare a una realtà comprensibile, ed entro certi limiti anche giustificabile, un gesto che di per sé e incomprensibile e ingiustificabile. Si fa strada così la figura di Medea vittima delle circostanze avverse e del destino (Grillparzer), e poi quella di Medea straniera ed esule, esclusa e respinta dalla comunità che la ospita (Alvaro): un percorso che tende ad alleggerire il peso della colpa chiamando in causa ragioni esterne, inevitabili e determinanti. Alla fine l'infanticidio appare dettato da un'estrema necessità di proteggere e di amare, da un esasperato senso di pietà materna. E tuttavia l'atto rimane, epilogo irreversibile e nodo irrisolto nella tragica storia di Medea.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Medea. Variazioni sul mito 2014-07-21 04:20:40 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    21 Luglio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La lunga notte di Medea di Corrado Alvaro

Ispirato dal momento storico (1949), Corrado Alvaro nella “Lunga notte di Medea” propone una rilettura inedita della figura tragica della principessa della Colchide, rispetto alla quale, sono parole dell’autore, “Giasone non è l’eroe… ma un personaggio affatto moderno, spinto dalla sua stessa ambizione a liquidare il suo passato eroico per assumere un rango politico”.

A Corinto Medea presagisce l’abbandono di Giasone, al quale spera di opporre il proprio ruolo, se non di amante, almeno di madre (“Non difenderà me? Difenderà i suoi figli. E l’ultima difesa della donna sono le creature che hanno bisogno della sua protezione. Ci si rassicura pensando che egli ama i figli, e perciò avrà considerazione di noi”). Nelle battute della tragedia affiora progressivamente la consapevolezza di una condizione di estraneità (Medea chiede a Nosside: “Tu credi che per gli esuli non ci sia più terra?”) che diviene sempre più chiara e grave nel colloquio con Egeo: “E sai chi sono i peggiori persecutori degli esuli? Quelli che si fecero un vanto di proteggerli. E sai perché? Perché temono il nuovo occupante.” Naturalmente la memoria corre ai drammi collettivi della storia e delle persecuzioni di massa.
Quando Creonte toglie a Medea ogni illusione su Giasone (“Sposerà Creusa, mia figlia”), gli eventi precipitano tra tentativi estremi di razionalizzazione (“Era illecita. Era sporca. Così fu concepito il nostro figlio più grande… Era un sacrilegio”), superstizione (“Abbiate paura dei doni della fattucchiera!”) e giustizialismo (la folla grida: “La vipera e i piccoli serpenti!”).

Il testo teatrale del 1949 fu composto su sollecitazione dell’attrice Tatiana Pavlova. A tal proposito Alvaro ebbe a dichiarare: “Io sono di quegli scrittori cui piacerebbe di lavorare su commissione. Sono convinto che uno scrittore, naturalmente su fatti congeniali, sapendo a chi sia destinata la sua opera, possa lavorare con minore incertezza…” Lo scrittore stesso fornisce la chiave interpretativa dell’opera: “Medea mi è apparsa un’antenata di tante donne che hanno subito una persecuzione razziale, e di tante che, respinte da nazione a nazione, popolano i campi di concentramento e i campi profughi”.
In questa accezione, Medea uccide i figli non perché accecata dalla gelosia, umiliata nella passione e desiderosa di vendicarsi di Giasone, ma per non esporre i piccoli alla tragedia dell’esilio e della fame… consumando un sacrificio personale e familiare nell’olocausto dinastico.
Corrado Alvaro conferisce al mito di Medea un contenuto storicamente evolutivo in un’intonazione tragicamente attuale, oggi riferibile – forse e con un salto interpretativo lungo più di mezzo secolo - anche alla drammatica e disperata diaspora in atto nel Mediterraneo...

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... le opere che ho inserito nel mio "percorso Medea":
Medea di Euripide
Medea di Christa Wolf
Nessuno sa di noi di Simona Sparaca
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri