Saggistica Arte e Spettacolo Morale e letteratura
 

Morale e letteratura Morale e letteratura

Morale e letteratura

Saggistica

Editore

Casa editrice


"Una necessità forte come la gravità condanna l'uomo al male, gli vieta ogni bene se non strettamente limitato, difficilmente ottenuto, tutto intriso e imbrattato di male" scrive Simone Weil nel1942; ed è la letteratura – quando non è finzione, ovvero quando non è immorale – a fargli provare "la gravità come la si prova guardando un precipizio, essendo al sicuro e non soggetti a vertigini".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
4.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Morale e letteratura 2014-06-18 06:03:28 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    18 Giugno, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SCRIVERE E' UNA GRANDE RESPONSABILITA'

Simone Weil, grande intellettuale e grande donna della cultura europea, nasce a Parigi nel 1909. Nella sua breve esistenza (muore di tubercolosi nel '43, a soli 34 anni) aderisce alla cultura di Sinistra, ma in modo molto particolare: pone in primo piano, per una rivoluzione, l'accesso dei lavoratori al sapere.
I brevi testi che compongono "Morale e letteratura" vengono scritti nei primi anni '40, quindi da una 'ragazza' trentenne (quanta saggezza ad un'età ancora così giovane!).

L'autrice pensa che ognuno creda di vivere 'nella realtà'; ma nella vita quotidiana spesso ne percepiamo solo la superficie e ce la accomodiamo attraverso nostri meccanismi edulcoranti e distorcenti, cioè viviamo nella menzogna. Non solo in quella con cui ci presentiamo agli altri, ma pure (forse, soprattutto) in quella con cui alimentiamo noi stessi.
La grande letteratura può essere un'ancora di salvezza: può "destarci alla verità". A ciò concorrono, però, esclusivamente le opere degli scrittori grandissimi (su questo, la Weil è perentoria), composte nel momento della loro maturità: "ci danno sotto forma di finzione qualcosa di equivalente allo spessore stesso della realtà, quello spessore che la vita ci presenta ogni giorno, ma che non sappiamo cogliere, perché stiamo bene nella menzogna". Quindi letteratura come dimensione etica: nelle opere dei grandissimi scrittori "il bene e il male ci appaiono nella loro verità".

Ricordiamoci che, mentre scriveva queste pagine, l'autrice era al cospetto della follia devastatrice della Seconda Guerra Mondiale. Probabilmente tale contesto rende più acute e lancinanti le sue riflessioni; infatti dice di credere "nella responsabilità degli scrittori, dell'epoca appena trascorsa, nella presente sventura". A fine conflitto, anche Elio Vittorini, su "Il Politecnico", si interrogava, benché con accenti un po' diversi, sulle 'colpe' della cultura precedente.
Certamente la Weil aveva ben presenti gli epigoni del Decadentismo, la nuova letteratura europea e le Avanguardie: "Il carattere essenziale della prima metà del Novecento è l'indebolimento e quasi il venir meno della nozione di valore" , e ricorda che "gli scrittori erano per eccellenza i guardiani del tesoro che è andato perso, e alcuni si sono vantati di questa perdita" (Pensava forse ai Futuristi?).
Aggiunge: "Il Dadaismo e il Surrealismo (...) hanno espresso l'ebbrezza della licenza totale, ebbrezza in cui si tuffa lo spirito quando, rigettando ogni considerazione di valore, si abbandona all'immediato". Il discorso si estende oltre: pensa che la grande maggioranza degli scrittori abbia abdicato al "sentimento di valore": "parole quali virtù, nobiltà, onore, onestà, generosità sono diventate quasi impossibili da pronunciare oppure hanno assunto un significato bastardo". Qui si può pensare a vari autori, ma preferisco non fare nomi perché 'non sono solo questo' .
Nota poi che "la letteratura del Novecento è essenzialmente psicologica", tendente a rappresentare stati d'animo "disponendoli sullo stesso piano (...) come se il bene e il male fossero loro estranei".

Ancora un pensiero che, per noi, suona un po' come un monito: "Se mai le sofferenze attuali porteranno a una 'rieducazione', questo non si attuerà grazie agli slogan, ma nel silenzio (...) attraverso le paure, le miserie, i terrori, nel più intimo di ogni spirito".
E i grandi libri, come prezioso lascito che le generazioni si tramandano, saranno ancora lì, se vogliamo, a porci domande, a confortarci, ad aiutarci a distinguere l'essenziale.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
testi di saggistica letteraria
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri