Saggistica Arte e Spettacolo Napoli milionaria
 

Napoli milionaria Napoli milionaria

Napoli milionaria

Saggistica

Editore

Casa editrice

Così Eduardo De Filippo raccontò la genesi di questa sua famosissima commedia: "Poche settimane dopo la liberazione mi affacciai al balcone della mia casa di Parco Grifeo, e detti uno sguardo al panorama di questa città martoriata: allora mi venne in mente in embrione la commedia e la scrissi tutto d'un fiato, come un lungo articolo sulla guerra e sulle sue deleterie conseguenze".



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuti 
 
5.0  (2)
Approfondimento 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Napoli milionaria 2020-04-21 09:43:54 Bruno Izzo
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    21 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lungo viaggio attraverso la notte

Qualcuno ancora afferma che commedie, drammi, tragedie e opere teatrali non siano proprio testi attinenti alla letteratura in senso stretto, non siano cioè da considerarsi alla stregua di romanzi o racconti.
Come dire che Cechov, Moliere, Shakespeare, Goldoni, Pirandello non esistono come letterati sensu strictu, ma solo come drammaturghi; sarà, ma mi risulta un Nobel della Letteratura al buon Luigi citato, che non mi pare fosse un romanziere.
Tra l’altro, forse non è pertanto uno scrittore con tutti i crismi che il termine così inteso comporta, ma io ne conosco uno che scrive commedie, ed è talmente letto e conosciuto, che in tutto il mondo è noto con il solo nome di battesimo: Eduardo.
Eduardo De Filippo è ormai unanimemente considerato da pubblico, critica e studiosi tra i massimi esponenti della cultura italiana del Novecento, i numerosi drammi e le commedie teatrali da lui stesso messi in scena e interpretati sono stati in seguito tradotti e rappresentati da altri anche all'estero.
Con umorismo sarcastico e amaro, descrivendo le vicende di persone con tutta verisimiglianza partenopei e parlanti in napoletano, dialetto comprensibilissimo a tutti, certamente assai più del noto vigatese di Camilleri, descrisse in realtà l’intera società italiana per quella che, in effetti, era. Tratteggiò la caduta dei valori, rese evidenti velatamente e sarcasticamente l’ipocrisia della classe borghese, denunciò la meschineria, l’insulsaggine, la miseria morale insita nell'uomo.
Solo i semplici, gli umili, la normale buona gente, le comuni persone per bene, tentano in qualche modo di porre rimedio ricorrendo ai valori “napoletani”, e perciò universali, della solidarietà, del calore umano, della condivisione.
Come ebbe a dire lui stesso: “…l’attore di teatro ripete sul palcoscenico quello che la gente comune recita davvero ogni giorno nella vita reale”.
Particolare curioso, Eduardo de Filippo fu anche candidato per il Premio Nobel per la letteratura; il premio non gli fu conferito, più che altro perché all'epoca la drammaturgia non veniva appunto ancora considerata letteratura come tale, Pirandello fu un’eccezione; decenni dopo invece tale discriminazione cessò di essere, ed infatti un premio Nobel per la Letteratura fu attribuito al drammaturgo italiano dialettale Dario Fo.
La fama di Eduardo, e tutto il suo mondo e il suo messaggio artistico, risiede essenzialmente nelle sue commedie.
“Napoli milionaria” non è una cronaca di guerra, e neanche è la storia delle sofferenze cui è costretta la popolazione civile durante l’ultimo conflitto mondiale.
La commedia è molto di più, è la cronaca del decadimento dei valori provocati dalla guerra e dall'uomo, e del difficile compito di mantenersi coerenti e fedeli alle proprie scelte morali.
Ambientato interamente in un tipico “basso” napoletano, l’angusto e malsano ambiente situato a livello stradale cui, per bisogno, sono costrette a vivere migliaia di famiglie partenopee, narra le alterne vicende e fortune della famiglia Iovine, formata da Donna Amalia e suo marito Gennaro, tranviere disoccupato per via dei bombardamenti che martoriano la città, e i loro tre figli, Amedeo, Maria Rosaria e la piccola Rituccia.
Il vero capofamiglia è Amalia, donna forte e pratica, che per la necessità richiesta dai tempi, provvede al mantenimento della famiglia praticando con acume, furbizia sagacia e senso pratico tutto partenopeo la borsa-nera.
Acquista in proprio cioè generi di prima necessità, per lo più alimentari, facendone incetta sul mercato e rivendendoli a prezzi maggiorati.
Gennaro invece è l’anima buona della famiglia, la coscienza del popolo per bene; egli non approva la disonestà, lo sfruttamento, l’avidità e l’ingordigia del facile arricchimento indotta dai tempi burrascosi che si stanno vivendo, senza legge, senza regole, e soprattutto senza morale.
Tuttavia, non essendo uno sciocco, comprende come sono gli eventi stessi, nella loro drammaticità, a indurre le persone, prese dalla disperazione, a intraprendere atti che normalmente non oserebbero fare. Tutto sta nel dosare gli impulsi della propria coscienza, la sua partecipazione alla borsa nera è, diciamo così, una partecipazione alla buona, una complicità discreta, volta a sbarcare il lunario in attesa di tempi migliori, e non altro.
La sua presenza è un deterrente perché la moglie e i due figli maggiori in qualche modo siano frenati, non si lascino coinvolgere dal malessere, dalla smania dell’arricchimento senza scrupoli, dall'imbarbarimento che serpeggia ormai dilagante nella società in pieno evento bellico.
Cosicché, quando Gennaro scompare dopo un bombardamento, la sua assenza permette il libero sfogo dei peggiori sentimenti; ormai privi di qualsiasi freno morale, come, in effetti, fungeva Gennaro, il resto della famiglia e lo stesso basso subiscono un deciso ed evidente cambiamento, non si sa quanto del tutto volto al meglio.
Al lusso esteriore, non corrisponde però un altrettanto innalzamento della statura morale dei protagonisti, anzi, esattamente all'inverso.
In questo frangente, d’improvviso ricompare Gennaro, reduce dalla prigionia.
L’animo buono e gentile di Gennaro non è stato cambiato da questa triste esperienza, anzi, ha rafforzato in lui i sentimenti della solidarietà, della semplicità di vivere negli affetti familiari, dei buoni sentimenti. E si accorge invece, con tristezza e crudo realismo, come lo stesso non si può dire per la sua famiglia, travolta dagli eventi e che ha ormai perso di vista i valori unici ed essenziali dell’esistenza: nessuno è disposto ad ascoltarlo, nessuno vuole sentire parlare della guerra, la guerra è finita, gli ripetono, ma Gennaro sa che non è vero, che la guerra non è finita, e che sopratutto ha lasciato dietro sé tante macerie, non solo materiali.
Poi gli eventi precipitano: la figlia piccola di casa, Rituccia, sta male.
Una febbre maligna sta portandosi via la povera creatura innocente. Sarà Gennaro ad accorgersi della gravità della cosa, trascurata da tutti, e il medico subito occorso confermerà l’estremo bisogno di una medicina, probabilmente la penicillina, altrimenti la piccola morirà in breve tempo.
Il farmaco è stato fatto sparire dai vertici della borsa nera, di modo che il suo prezzo tenda a salire, e a nulla valgono gli sforzi, le corse, lo strazio di Amalia e di tutti gli altri protagonisti per trovare il farmaco, a qualsiasi costo.
Tutto il terzo e ultimo atto è di una drammaticità eccezionale, centrato su Amalia e Gennaro, la prima fuori di sé, vinta e terrorizzata all'idea di perdere non solo la piccola ma l’intero suo mondo di affetti di cui solo ora riconosce l’incalcolabile valore, finalmente conscia dei suoi errori e delle cose davvero essenziali dell’esistenza, e Gennaro, che pur vinto dall'amarezza, affronta con pietoso realismo gli eventi che travolgono i suoi cari.
L’innocente Rituccia si salverà?
Tutti si rivolgono angosciati con questa domanda a Gennaro, che risponde: “Addà passà a’ nuttata”.
Deve trascorrere la notte.
Gennaro si rifà all’antica saggezza popolare, che recita che solo quando è completamente buio, allora è possibile vedere la luce delle stelle.
Un lungo viaggio attraverso la notte è il solo che redime verso la luce.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Eduardo De Filippo, e a chi conosce, ama e comprende Napoli.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Napoli milionaria 2010-12-31 12:24:14 darkala92
Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
2.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    31 Dicembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Napoli "Miserissima"!

Questa commedia tratta la storia di come si arricchisce la famiglia Jovine grazie alla corruzione e alle "malefatte" durante il secondo dopoguerra.
E' una storia che fa riflettere, che rispecchia davvero la società dell'epoca, divisa in due parti: chi è benestante e non ha alcun problema, e chi è talmente povero da dover bussare casa per casa alla ricerca di un pò di semolino per sfamare le bocche dei propri figlioli.
Un uomo, un capofamiglia che ha lasciato la sua famiglia in una condizione disagiata ma sommariamente virtuosa, e ritorna, dopo aver subito i pericoli e gli orrori della guerra, da una famiglia ormai troppo cambiata. Una famiglia che non si è arricchita con il lavoro intenso e faticoso, ma "rubando"... una famiglia che ormai ha perso i valori etici e morali poichè si è lasciata trasportare dalla mania del denaro che entrava a fiotti nella casa.
..La distruzione di una famiglia e la presunta rinascita della vecchia etica morale, che fino allo scoppio della seconda guerra mondiale, l'aveva indirizzata per la retta via.

Mi è piaciuta molto questa commedia, ma do soltanto 2 voti su 5 per via del linguaggio. Non ho avuto problemi a comprenderne le battute, ma facevo un pò di fatica a concentrarmi, poichè un libro in dialetto non è poi il massimo (romano, napoletano, milanese o friulano che sia..)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca
Il mestiere dello scrittore
Figli di un dio minore
Nuotando nell'aria
Caino
Risvolti di copertina
100 brani di musica classica da ascoltare una volta nella vita