Nessuno Nessuno

Nessuno

Saggistica

Editore

Casa editrice


Luciano De Crescenzo ha voluto tradurre e rinfrescare a modo suo l'Odissea, il grande poema dedicato alle avventure di Ulisse. Prendere in mano questo suo libro è come sedersi in una sala dove la voce del cantastorie si leva per parlare ancora una volta della morbosa Calipso, di Telemaco, della bella Nausicaa, del cavallo di Troia, del ciclope Polifemo che Ulisse ingannò dicendo di chiamarsi Nessuno, di una visita nel regno sotterraneo dell'Ade, delle Sirene, del ritorno a Itaca, dei Proci, di Penelope e di tutto il resto. Ma la voce del cantastorie è quella arguta di De Crescenzo, che di tanto in tanto sospende il discorso per divagare e trasforma le avventure di Ulisse in un intrattenimento dei suoi. L'ultima parte del libro, intitolata 'Contro Ulisse', raccoglie uno di quei dossier che sono sempre circolati sui personaggi in vista.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nessuno 2015-05-04 11:48:53 RansieLaStrega
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
RansieLaStrega Opinione inserita da RansieLaStrega    04 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piacevole mitologia greca

Probabilmente chi ha studiato nei licei i vari poemi greci, vedendo la trama di questo libro, lo scanserà subito da un'eventuale scelta di acquisto...ma farebbe un enorme errore.

Questo libro racconta in maniera chiara,scorrevole,semplice e anche bizzarra, il mito di Ulisse e la sua traversata "Odissea" . Luciano De Crescenzo amante dei miti greci, scriverà poi anche il mito dell'Iliade e racconti specifici su personaggi della mitologia.
Qui si narra la stessa Odissea che si trova sui libri dei licei, ma scritta con una simpatia ed una semplicità che farebbe appassionare anche uno studente del liceo non amante degli studi classici, a renderla ancora più scorrevole è la simpatia e gli esempi che De Crescenzo scrive per il lettore.
Lo stesso Luciano non tralascia nessun particolare importante per chiarire le imprese dell'Eroe Acheo, nessun episodio (vedesi il dettaglio dell'isola dei Porci con la Maga Circe, l'incontro con Polifemo), se non fosse che l'Odiessea per qualcuno è piacevolmente romanzata dai versi in prosa, la sostituirei volentieri con "Nessuno" del Luciano De Crescenzo nazionale.

E' da consigliare, è una lettura molto leggera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

Nessuno 2011-05-29 10:10:11 AndreaDm
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
AndreaDm Opinione inserita da AndreaDm    29 Mag, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Molto scorrevole!

"Erano appena entrati quando furono avvicinati da una giovane fanciulla che con una brocca d'oro e un bacile d'argento offrì loro dell'acqua di fonte affinchè si detergessero il viso dalla polvere del viaggio. Subito dopo vennero inviati a immergersi in due vasche di pietra ben levigate dove altre quattro ancelle provvidero a lavarli, a massaggiarli e a cospargerli di unguenti, per poi rivestirli da capo a piedi con candide tuniche e ricchi mantelli di lana."


Dove sono finiti questi bei tempi? quando l'accoglienza di una persona era un dono a Zeus?
Nelle opere di Omero, che siano esse una traduzione minuziosa dal greco o un racconto di un filosofo, le donne statisticamente sono tutte delle strafighe pronte a lavarti e ad ungerti d'olio, per non parlare di quando capiti sfortunatamente in una dea ninfomane.
Ed oggi invece? Ah! come siamo messi male!!
Riflettendo: non aveva ragione Schopenhauer nel " L'arte di trattare le donne" ??
(chiusa parentesi)

266 pagine possono averle qualsiasi testo, ma sono ben pochi quelli dove una volta iniziata la prima ti ritrovi in un batter d'occhio alla metà e subito dopo alla fine.
La scorrevolezza è impressionante, si ha l'impressione di essere in compagnia di un parente che ti guida nel viaggio di Ulisse inserendo, qualora ci sia bisogno, informazioni utili riguardo all'Iliade ed ai numerosissimi rapporti di parentela tra i personaggi.
Il racconto di De Crescenzo è ricco di citazioni dalle traduzioni testuali dell'opera, alcune fatte da lui medesimo, questa caratterista è fondamentale nel rendere il lettore consapevole che pur essendo un racconto non ci si allontana mai in considerazioni prive di fondamento.
Raccontarvi dell'Odissea non rientra nell'obiettivo della recensione ma non posso non invitarvi a leggere il libro inserendo questa citazione:

" Laddove si narra come Ulisse, impossessatosi dell'arco fatale, uccida tutti i pretendenti e buona parte delle ancelle infedeli. Aiutato in questo da suo figlio Telemaco, dai guardiani Eumeo e Filenzio e soprattutto dalla Dea Atena.



Noi cristiani, cresciuti nell'ideologia del perdono, questo ventiduesimo canto non lo dovremmo nemmeno leggere. Già dalle prime righe, infatti, ci si rende conto che il < perdonismo > non doveva essere molto di moda a quell'epoca. Ulisse non si limita a uccidere tutti quelli che in qualche modo lo hanno oltraggiato, infierisce anche su chi ha partecipato ai bancetti e alle orge, e quindi anche sui servi, sugli aedi e sulle ancelle. Soprattutto su queste ultime in quanto compagne notturne degli odiati pretendenti. Prepariamoci, ordunque, a nuotare in un mare di sangue."


Interessante inoltre, è lo spunto riflessivo di De Crescenzo su come considerare personalmente Ulisse in base alle sue azioni nell'Odissea ed in altre opere minori. Racconti aggiunti come appendice alla fine del testo. Per non parlare del canto bonus!!

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri