Saggistica Scienze umane Donne che corrono coi lupi
 

Donne che corrono coi lupi Donne che corrono coi lupi

Donne che corrono coi lupi

Saggistica

Editore

Casa editrice


In ogni donna si nasconde una forza potentissima, selvaggia, formata da istinti, creatività passionale e un sapere ancestrale. Purtroppo secoli di cultura e civiltà hanno soffocato la donna. Pinkola Estés mostra come sia possibile - e necessario - recuperare l'istintualità e la capacità visionaria perdute nel corso del tempo. Attraverso un lavoro di ricerca ventennale ha raccolto un'ingente mole di materiale attinto dal patrimonio delle fiabe, dei miti, dei racconti popolari e su tale base ha costruito un'interessante interpretazione psicoanalitica ed una serie di archetipi di tipologie femminili.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuti 
 
4.5  (2)
Approfondimento 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Donne che corrono coi lupi 2019-01-07 22:01:22 Loba
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Loba    08 Gennaio, 2019

Non capire, senti

Questo libro mi ha accompagnato per un intero anno, necessario e denso come una bibbia per il fedele nel momento di confusione, di analisi interiore, generatore di domande e risposte nuove. Ma soprattutto di domande nuove.

Estés oltre essere una grande psicoanalista sudamericana, di stampo junghiano, è una appassionata scrittrice. Donne che corrono coi lupi è un saggio che nasce da anni e anni di ricerca dell’autrice relativamente a miti, favole e storie provenienti da tutto il mondo. L’altra caratteristica è il focus è nella donna, di tutto il mondo.

Estés ha scoperto e analizzato le storie che l’antichità ci tramanda per insegnarci qualcosa di necessario per non perderci. Questo è quanto ha cercato l’autrice nei suoi viaggi. Ciò che scopriva dentro alle storie lo utilizzava con le pazienti in terapia, consapevole che la narrazione di alcune storie porta l’evocazione di vari argomenti, archetipici potremmo dire, utili per affrontare determinati argomenti.

Queste storie suggeriscono come insegnamento più profondo, intimo e veritiero quello che la donna veda di sfuggita la propria “natura selvaggia” e possa pian piano accettarla, sceglierla per poi eleggerla come propria viscerale guida. Solo allora la donna sarà completa, quando riuscirà a “correre coi lupi”, con la propria lupa, con se stessa.

Leggere questo libro non è semplice, per apprezzarlo bisogna mettersi in mezzo, permettersi di rispondere alle numerose domande che nei testi l’autrice pone, quasi come fosse un’autoanalisi. E far ciò non è mai semplice. Ma è, a mio avviso, il modo più potente per vivere un libro, una canzone, un dipinto.
“Tutti noi cominciamo con un mucchietto di ossa abbandonate da qualche parte in un deserto, uno scheletro smantellato che giace sotto la sabbia. Sta a noi recuperare le parti. È un processo impegnativo: meglio affrontarlo quando le ombre sono dritte, perché molto bisogna guardare.”

L’immagine che mi è rimasta è quella di un grande fuoco, al centro di una radura circondata dal bosco, di fronte al fuoco c’è l’autrice, quasi come una cantastorie, una sciamana, una nonna che molto sa, ed io accanto a lei, a volte impaziente, altre sfuggente. Questa nonna porta una notizia molto bella, forse la più bella del testo: “Nel mito e nelle storie, le ossa rappresentano l’animo indistruttibile. Sappiamo che può essere ferito, anche storpiato, ma è praticamente impossibile ucciderlo.” “Le cose di valore psichico, se morte, possono essere resuscitate.”

Estés si rivolge soprattutto alle donne che a furia di nascondere la propria coda, tagliare gli artigli, lasciar crescere i capelli per nascondere le orecchie, hanno dimenticato la propria natura istintuale, perdendo la fiducia nel fiume rigoglioso che possedevano, non riconoscendo più l’innaturalezza dell’aridità vissuta quotidianamente. Le descrive come appiattite, affogate nell’inerzia e nell’incertezza e soprattutto sterili.

Questo libro può insegnare a sentirsi, di nuovo o per la prima volta: “Quando facciamo valere l’intuito, siamo come una notte stellata: fissiamo il mondo con migliaia di occhi”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Donne che corrono coi lupi 2014-09-23 18:39:57 mia77
Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
mia77 Opinione inserita da mia77    23 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Donne che corrono coi lupi di Clarissa Pinkola Est

Lettura iniziatica, anche se un po' pesante, per la crescita delle consapevolezza femminile. È un libro che ci permette di intraprendere un viaggio dentro noi stesse alla ricerca della "donna selvaggia" che è in ognuna di noi. Adatto a quelle, come me, che hanno sempre creduto nel proprio intuito e alla propria natura istintiva e anche agli uomini che amano la nostra complessità e la nostra completezza. Essendo un saggio è da leggere attentamente, assaporando ogni parola e ogni consiglio; sicuramente non è una lettura leggera, da utilizzare come passatempo. Lo consiglio alle donne incatenate nello stereotipo della donna "tutta d'un pezzo", che deve sempre fare la cosa giusta per gli altri, affinché imparino a lasciarsi andare un po'. Devono leggerlo le donne che vogliono ritrovare la propria natura primordiale e quelle "addomesticate" a una vita di doveri, che accettano di vivere in una società che tende a metterle in secondo piano. Bello, lo consiglio!
"Ci siamo lasciate crescere i capelli e li abbiamo usati per nascondere i sentimenti" e ancora " la donna selvaggia è intuito, veggenza, colei che sa ascoltare... è colei da cui andiamo a casa. È quello che ci fa andare avanti quando pensiamo di essere finite".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
I tredici passi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divino amore
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il sussurro del mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri