Saggistica Scienze umane Eros il dolceamaro
 

Eros il dolceamaro Eros il dolceamaro

Eros il dolceamaro

Saggistica

Editore

Casa editrice

“Quando io ti desidero, una parte di me non c’è più: la voglia di te mi consuma. Quando io ti desidero, una parte di me non c’è più: la tua mancanza è la mia mancanza”. Anne Carson ritorna in libreria con un’originale meditazione sul tema del desiderio, croce e delizia della donna e dell’uomo. In trentaquattro capitoli snelli e seducenti, l’autrice instaura un dialogo con alcuni dei maggiori autori della letteratura classica, a partire da Saffo, proseguendo con i tragici greci e Catullo, per poi passare al romanzo ellenistico e infine a Platone, in un confronto costante con le migliori penne della modernità, da Dante a Virginia Woolf, da Nietzsche a Italo Calvino, passando per Kafka. “L’eros è sempre una storia in cui a interagire sono l’amante, l’amato e la differenza tra i due”, sostiene Carson. Il libro è perciò una metafora sull’amore come esperienza conoscitiva fondamentale nella vita e una riflessione profonda sul desiderio e le relazioni umane.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
 
Eros il dolceamaro 2022-02-28 23:32:13 DanySanny
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    01 Marzo, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il desiderio impossibile della scrittura

Eros, ci avverte Saffo, è dolceamaro. L’amante, dirà qualche secolo dopo Catullo, odia e ama e in questo dissidio si tortura. Don Giovanni, chiosa la musica di Mozart e commenta Kierkegaard, vive solo fin quando il suo desiderio resta inespresso. E infine, ci ricorda Calvino, che il desiderio più sincero è quello per un cavaliere inesistente, per un vuoto a perdere. Questo di Anne Carson è un saggio non sull’Eros amore, ma sull’Eros desiderio, l’Eros che è mancanza e differenza, l’Eros che è sguardo rivolto all’altro che non ci appartiene e che proprio quando ci appartiene cessiamo di desiderare. Eros, desiderio impercettibile, atroce felicità ed estenuante languore.
Trascinati da questo vortice di riferimenti letterari, spesso in triplice traduzione greca/latina-inglese-italiana, dolcemente adagiata nelle pieghe di seta di una cultura sinuosamente seducente, quasi ci illudiamo di scorgere il senso di questo volume in una colta rassegna di esperienze del desiderio. Eppure è qui che il saggio di Anne Carson compie uno scarto improvviso suggerendoci che in fondo Eros nasce quando nasce la lirica, quando i primi poeti greci lasciano tracce di sé nell’alfabeto e non nella pura voce. L’epica, ci suggerisce la Carson, conosce l’amore ma non l’Eros. Perché Eros non sta nel frasi, ma nelle parole, non sta nel travolgente fluire dell’epos, ma nel segreto e privato incanto di un singolo logos. È quando i greci scoprono le consonanti (suoni impossibili da pronunciare da soli) e le articolano con le parole, quando cioè viene alla non il primo, ma certo il più vario e armonioso alfabeto dell’antichità, che può svilupparsi la scrittura come oggi la intendiamo, che può nascere la poesia lirica che è per definizione meditazione sull’Io: solo la parola scritta può essere intermediaria di questo sguardo rivolto verso l’interno. La società della comunicazione orale non desidera come desidera la società della scrittura: non è più l’udito a governare i rapporti, ma la vista e Eros abita questa svolta, abita la differenza tra la realtà esteriore e il nostro spazio interiore, quello che solo la scrittura sa dire. E se dunque Eros abita la scrittura, il poeta ne è la voce: nel vuoto incolmabile del suo desiderio, nella distanza insanabile tra la sua ispirazione e la parola creata, l’uomo avverte le risonanze del suo Paradiso perduto: più Tantalo, che Adamo, l’uomo dell’Eros non può afferrare quello che desidera, perché questo desiderio lo consuma prima di poter essere anche solo sfiorato.

In questa suggestiva analogia tra Eros e scrittura, ispirazione poetica e alfabeto, nella dissoluzione che sempre minaccia la completezza dell’Amore, sta tutta l’ossimorica aporia del desiderio e il fascino magnetico di questo saggio di fronte alle cui tesi possiamo forse dissentire, ma non certo restare indifferenti. Perché si avverte in certi passaggi la forza inoppugnabili di quelle intuizioni subitanee che ho trovato altrove solo nella densa prosa di Simone Weil. Anne Carson non è Simone Weil, ma certo il suo Eros dolcemaro non sfigurerebbe in quel testo capitale che è "La rivelazione greca".

Un plauso ancora alla casa editrice Utopia che ha portato questo saggio in libreria dopo decenni di ingiusta assenza e che sta costruendo un catalogo di rara raffinatezza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

A proposito del senso della vita
Vietato scrivere
L'amore sempre
Homo Deus
Eros il dolceamaro
Quando i figli crescono e i genitori invecchiano
Questo immenso non sapere
Un mondo sbagliato
Il metodo scandinavo per vivere felici
Storia dell'eternità
Basta dirlo
Contro il sacrificio
Il corpo elettrico
Il grido di Giobbe
Verso un sapere dell'anima
Le leggi delle mappe mentali