Saggistica Scienze umane Per l'alto mare aperto
 

Per l'alto mare aperto Per l'alto mare aperto

Per l'alto mare aperto

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Per l'alto mare aperto, saggio di Eugenio Scalfari edito da Einaudi. Quattro secoli di modernità, nel racconto appassionato di un lettore instancabile, con i piedi ben saldi sulla terra e gli occhi rivolti al mondo fuori della scrittura. Il breviario civile, metafisico e morale di uno dei grandi protagonisti del tempo in cui viviamo. «Questo libro è la rivisitazione della modernità, da Montaigne e Cervantes fino a Leopardi e a Nietzsche, Descartes, Kant e Hegel, e ancora Tolstoj, Proust, Kafka e Joyce. Un'epoca durata quattro secoli, mai simile a se stessa, sempre in cerca di sperimentare il nuovo, di allargare il respiro delle generazioni, di modificare l'identità senza smarrire la memoria». Cosí Eugenio Scalfari riassume il suo viaggio attraverso la modernità, che tocca le varie fasi dei tempi moderni, dall'Illuminismo al Romanticismo, dalle avanguardie al nichilismo, dalla razionalità allo scatenarsi delle emozioni e degli istinti. «La modernità - scrive Scalfari - è stata sconfitta da una sorta di invasione barbarica, ma la storia non finisce, un'altra epoca nascerà come è sempre avvenuto finché l'Homo sapiens riuscirà a guardare il cielo stellato e a cercare dentro di sé la legge morale. A me questo viaggio dentro l'epoca è sembrato un sabba, non di diavoli e di streghe, ma di anime e di stelle danzanti».

Eugenio Scalfari (1924), dopo aver collaborato al «Mondo» di Pannunzio, è stato, nel 1955, tra i fondatori dell'«Espresso» che ha diretto dal 1963 al 1968. Nel 1976 ha fondato il quotidiano «la Repubblica», che ha diretto fino al 1996 e di cui oggi è editorialista. Tra i suoi libri ricordiamo La sera andavamo in via Veneto. Storia di un gruppo dal «Mondo» alla «Repubblica» (Mondadori 1986, Einaudi 2009), Incontro con io (Rizzoli 1994), Alla ricerca della morale perduta (Rizzoli 1995), Il labirinto (Rizzoli 1998), La ruga sulla fronte (Rizzoli 2001, Einaudi 2010) e, con Giuseppe Turani, Razza padrona (Feltrinelli 1974, Baldini Castoldi Dalai 1998), L'uomo che non credeva in Dio (Einaudi 2008) e Per l'alto mare aperto (Einaudi 2010). Con il Gruppo editoriale L'Espresso ha pubblicato, raccolti in cinque volumi, gli articoli scritti tra il 1955 e il 2004.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuti 
 
5.0  (2)
Approfondimento 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Per l'alto mare aperto 2013-08-19 05:57:53 paolo migliaro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
paolo migliaro Opinione inserita da paolo migliaro    19 Agosto, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mare aperto della ricerca di senso

Come Odisseo per l'alto mare aperto nella ricognizione dell'ampiezza dello spirito umano, Scalfari, accompagnato da Diderot, come lo fu Virgilio per Dante, va alla scoperta di Montaigne, per poi seguire tutta una serie di considerazioni sul pensiero di personaggi come Proust, Baudelaire e gli scrittori maledetti, poi Leopardi, Goethe, Kafka, Kant, Hegel,Tolstoi, Dostowjesky, Nietzsche, Rilke, Calvino e Montale, tanto per citare i più importanti. Egli considera quello che per lui è ormai il tempo lento, ma progressivo, della fine della metafisica che iniziò con Platone 2500 anni fa nel nostro Occidente. Il grande giornalista ed intellettuale, esperto di economia, cultura classica e letteratura, filosofia e storia, non ha torto. Vediamo ogni giorno intorno a noi e dalle cronache echi e atti che ribadiscono la fine dell'assoluto e delle certezze. Il relativismo ed il nichilismo stanno permeando, a parte qualche enclave religiosa, molta parte delle nostre società, anche di quella che apparentemente sembra devota, ma che non è poi affatto profondamente credente. Le idee politiche, ma anche la fede religiosa ed il culto con i suoi rituali sono molto spesso solo fini a se stessi per una identità coltivata e per un piacere personale mancando di quella sollevazione di spirito che dovrebbe consentire sempre una fraternità e l'abbattimento di ogni antipatia, la conciliazione ed il confronto sereno per addivenire a qualche cosa che condiviso insieme provochi il percorso verso quel valore assoluto che è Dio o che sia semplicemente il progresso umano e civile per il quale anche gli animi diversi si uniscono nell'impresa. Scalfari è uomo che non crede in Dio, ma non si picca, non si esagita a dimostrarne l'inesistenza, egli ha un atteggiamento invece piuttosto accentuato e incline in questo libro all'agnosticismo che pone Dio in un posto dove Lui anche se ci fosse sarebbe di tale natura spirituale da non interagire nel destino personale e nel mondo ed interpreta nello scorrere della cultura di questi ultimi quattro secoli una nascente e progressiva rivincita dell'intelligenza umana che non può - e poichè la struttura del pensiero cresce, è robusta e sussiste in se stessa - e non deve essere illuminata dalla Rivelazione, e l'intelligenza, lo spirito dell'uomo moderno trova lì il suo conforto, le sue estasi poetiche, la sua scanzonata disillusione su un destino che non ha un senso escatologico, ma solo quello del momento vissuto e la coscienza di dover lasciare agli altri un futuro migliore. Scalfari vede in questo movimento intellettuale della modernità una razionale e quanto mai serena dimostrazione che l'uomo può niccianamente coesistere con un pensiero autonomo e forte, diventando egli stesso misura delle cose, poichè come diceva Eraclito, tutto scorre e nessuna cosa è uguale sempre a se stessa, e come insegnava Montaigne, ogni pensiero affermato può essere smontato, rimontato e dimostrato nel suo contrario...e questo accadeva ancor prima che nella dialettica hegeliana. Nietzsche chiude la modernità nel novecento e prosegue ancor ora efficacemente a dispensare con le sue opere la rappresentazione e l'interpretazione di un mondo dove l'uomo è solo, e non a caso viene narrato da Scalfari come il pensatore che aveva sempre accanto a se il suo libro fondamentale, gli Essais di Montaigne, del pensatore così caro anche a Pascal. Troviamo in "Per l'alto mare aperto" anche dei passaggi su Dostowjesky e su Pascal, ma evidentemente questi personaggi pur essendo grandi autori del pensiero e della letteratura, verso i quali c'è per Scafari la dovuta reverenza, non risultano per lui così interessanti da rispecchiarvi la sua medesima distensione sul relativismo dove il grande giornalista ed intellettuale si ristora senza alcun timore. Il mio giudizio sul libro, dalla mia posizione di credente, è molto favorevole perchè induce, obbliga a immedesimare il lettore, pena l'incomprensione totale, sulla trama logica delle sequenze e dei legami storicistici e letterali tra i pensatori e con andirivieni molto interessanti. Ogni alterità da noi stessi che viene spesso rintracciata nello scorrimento del libro ci aiuta a vedere chi realmente siamo, misura la nostra capacità di comprensione d'essere e d'esistere in questo mondo. Noi tutti potremmo contrastare questi pensieri con un'altro nostro, di pari o superiore efficacia, se ne fossimo capaci, o magari facendocelo imprestare da altri pensatori che stanno nella parte avversa a Nietzsche. Ma per i credenti resta un fatto, che il mondo occidentale ed occidentalizzato sta rovesciando a rotta di collo su questo versante e l'argine auspicabile al nichilismo non è la condanna esecrabile e la proclamazione dei valori eterni, ma la testimonianza dei valori, e nelle situazioni più difficili, con le persone più ostili che hanno più bisogno di toccare con mano che il mondo davvero non finisce qui. Questo è il punto critico per coloro che si professano credenti. Questo sarebbe il preciso dovere della testimonianza per coloro che professano di credere in Dio.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Per l'alto mare aperto 2013-02-03 19:04:20 antares8710
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    03 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La scoperta della modernità

Gli amanti della letteratura e della filosofia si sentiranno a casa leggendo questo saggio. O forse sentiranno una nostalgia per gli anni del liceo, ricordando le gioie e i dolori provati sui banchi di scuola.
Questo libro racconta un viaggio. Un viaggio che il fondatore della Repubblica Eugenio Scalfari fa alla scoperta della modernità attraverso i quattro secoli che vanno dal pensatore francese Montaigne del Seicento fino ai giorni nostri. In questi quattro secoli è nata la modernità; si è evoluta e sviluppata attraverso il razionalismo di Cartesio, la ragion pura di Kant, la restaurazione di Hegel, i versi di Leopardi, il nichilismo di Nietzsche, il Romanticismo e il decadentismo novecentesco.
Il libro si apre con un incontro immaginario tra lo stesso Scalfari e Diderot, simbolo dell'Illuminismo francese, che decide di fare da Virgilio al nostro Scalfari, accompagnandolo lungo i sentieri della modernità. Insieme faranno un viaggio letterario e filosofico in cui attraverseranno idee, concetti e sogni dei grandi dell'umanità. Grande risalto verrà dato ai romanzieri come Kafka, Tolstoj, Proust e Dostoevskij, fino ad arrivare ai nostri giorni con Italo Calvino, amico e compagno di scuola dello stesso Scalfari.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Vietato scrivere
L'amore sempre
Homo Deus
Eros il dolceamaro
Quando i figli crescono e i genitori invecchiano
Questo immenso non sapere
Un mondo sbagliato
Il metodo scandinavo per vivere felici
Storia dell'eternità
Basta dirlo
Contro il sacrificio
Il corpo elettrico
Il grido di Giobbe
Verso un sapere dell'anima
Le leggi delle mappe mentali
La rabbia ti fa bella. Il potere della rabbia femminile