Saggistica Scienze umane Stupidi si nasce o si diventa
 

Stupidi si nasce o si diventa Stupidi si nasce o si diventa

Stupidi si nasce o si diventa

Saggistica

Editore

Casa editrice

Opera che tratta, tra l'ironico e l'amaro, dei quattro problemi di fondo della stupidologia: la definizione, le cause, le classificazioni della stupidità e la difesa contro di essa. Delle leggi, che regolano questa oscura forza, culminanti con la dirompente legge della progressione e razionalizzazione della stupidità. Delle inesauribili tipologie stupiditarie, coi rispettivi indici di individuazione. E la particolare attenzione, doverosamente riservata alla stupidità politica, intellettuale, televisiva, per la capacità di creare cultura e storia e monopolizzare il Potere. Nonché delle disperate strategie di contenimento della stupidità. E la conclusiva impressione che la maggior parte delle nostre azioni siano più o meno stupide. E che la stupidità abbia sempre governato, governi e governerà il mondo. Ma merito della stupidologia: la riscoperta che siamo noi tutti "fratelli", perciò da amare come noi stessi. Persino i politici e gli intellettuali.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Stupidi si nasce o si diventa 2016-12-22 10:50:08 Mian88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    22 Dicembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Riflessioni sui comportamenti umani.

Partendo dal presupposto che la “stupidità è cosa comicamente seria o tragicamente comica”, intento primario di questo saggio è quello di dare avvio ad un’analisi della storia dell’uomo in chiave di ottusità, una riflessione cioè atta a mettere in evidenza paradossi e non di quelli che sono i comportamenti umani nonché a snidare e meglio identificare quella componente così assurda che spesso si annida nelle menti dei più.
Ed è così che, attraverso un linguaggio forbito e proprio di un autore noto al pubblico – soprattutto – dei giuristi perché mentore e guro per eccellenza del diritto penale italiano, Ferrando Mantovani, ci coinvolge in riflessioni tutt’altro che scontate e superflue su quella che è la psiche antropica. Vi riesce altresì facendo ricorso ad uno stile prettamente impostato a quello filosofico-penalistico, ma che è al contempo ironico, diretto, lungimirante, accorto.
Non solo. Detta stupidità viene analizzata caso per caso, passando al vaglio cioè, molteplici contesti, che vanno dal panorama autenticamente storico e/o politico a fenomeni oggigiorno sempre più diffusi e di dubbia apprezzabilità quali lo smisurato consumo di alcool o sostanze stupefacenti, o ancora alla forza dell’induzione e alle verità dei max media in particolare circa il pensiero comune, a dogmi quali l’onestà dei politici, al riposo del legislatore, ai silenzi dei magistrati, all’umiltà degli intellettuali, all’ordine delle acritiche convinzioni umane stratificate, agli effetti della tecnologia sulla nostra quotidianità con tanto di conseguenze comportamentali ed effetti sulle priorità.
Ulteriormente lo studioso si prefigge di fornire all’attento lettore gli strumenti necessari per meditare sulle considerazioni presentate così da costruirsi, perché no, qualche “anticorpo”. Incontestabile è infatti è la verità che tutti esultano e sopportano se giudicati malfattori quando nessuno tollera di essere considerato stupido, a maggior ragione se e quando lo è.
Il tutto viene posto in essere senza presunzione, senza superbia. Quello che avete davanti è un elaborato scritto in un mese ma meditato in una vita, è il frutto dell’esperienza, della constatazione di fatti e circostanze che si sono susseguite in anni di insegnamento, in incontri con muse ispiratrici, uomini e donne vissuti o viventi che si sono susseguiti ed intervallati nelle circostanze più disparate. E’ semplicemente un modo per rileggere umane cose da una diversa prospettiva. Ecco perché ogni pagina è intrisa di sarcasmo, satira, umorismo.
Un compendio, in conclusione, che seppur si approcci alla tematica con un atteggiamento scientifico, prefigurandosi di classificarne le forme e le metodologie nonché le cause e le leggi che lo governano, si dimostra essere una autentica chicca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri