I Savoia I Savoia

I Savoia

Saggistica

Editore

Casa editrice


In origine conti di Moriana, signori delle vie di Francia che passano per il Moncenisio e il San Bernardo; poi duchi di Savoia, dinastia per metà francese e per metà italiana che domina tra il Rodano e il Po; dal Settecento re di Sardegna, ormai inseriti negli equilibri della penisola; dal 1861, sino all'esilio, re d'Italia. Che cosa ha permesso a una famiglia feudale alpina di resistere alle ambizioni di vicini tanto più potenti e di sopravvivere per ben nove secoli? Qual è il segreto di una dinastia che ha saputo conquistare il trono ed è diventata la più longeva d'Europa? Partendo da queste domande viene tracciato un inedito affresco in cui le vicende dei Savoia e dell'Italia si intersecano con la grande storia del continente.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuti 
 
4.3  (3)
Approfondimento 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I Savoia 2018-05-11 14:39:46 ornella donna
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    11 Mag, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Novecento anni di nobiltà

Gianni Oliva scrive I Savoia: un libro poderoso e preciso su una grande dinastia. Da Umberto Biancamano a Umberto II: novecento anni di storia di una stirpe che corrisponde perfettamente a novecento anni di storia di Italia e della sua identità nazionale.
Lo studioso percorre un grande periodo che va dal 1000 al 1946 con perizia e meticolosità che contraddistinguono tutti i suoi testi, questo più di altri.
Si esaminano le origini:
“conti di Moriana, signori delle vie di Francia che passano per il Moncenisio e il San Bernardo; poi duchi di Savoia, dinastia per metà francese e per metà italiana che domina tra il Rodano e il Po; dal Settecento re di Sardegna, ormai inseriti negli equilibri della penisola; dal 1861, sino all’esilio, re d’Italia. “
I personaggi che affollano il saggio sono numerosi: da condottieri a statisti, diplomatici sottili e principi privi di moralità, grandi amatori, uomini mediocri: sono nove secoli di generazioni studiate nella loro peculiarità, un intreccio costante tra pubblico e privato. Nello sfondo i balli, le ambizioni, le lotte a volte impari, altre spregiudicate, le paure, le dame, una nobiltà tra il gaudio e il mistero.
Gianni Oliva conduce per mano il lettore in una storia composita di aneddoti, curiosità e particolarità. Un racconto composto da documenti, lettere, testi ufficiali, non tanto un’analisi della società in cui la monarchia è nata e si è sviluppata.
Un ottimo approccio per chi voglia conoscere lo spessore e l’identità di una dinastia, che ha lasciato di certo una impronta profonda nella storia del nostro Paese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto tutti i libri storici di Gianni Oliva.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

I Savoia 2013-10-04 20:36:54 Ale96
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ale96 Opinione inserita da Ale96    04 Ottobre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il dinamismo di una dinastia “doganale”

17 Marzo 1861
Con regio decreto, “Vittorio Emanuele II, per grazia di Dio re di Sardegna,di Cipro, di Gerusalemme, duca di Savoia, di Genova ecc. ecc., principe di Piemonte ecc. ecc., assume il titolo di Re di Italia”. E' nato lo Stato italiano anche se ci vorrà una Porta Pia per avere Roma capitale, una terza guerra di indipendenza e una prima guerra mondiale per avere l'unificazione completa. A capo del neonato stato italiano si pongono i Savoia, dinastia di ben 800 anni, di cui solo 100 passati con il titolo regio. Ma chi sono i Savoia? Come ha fatto una dinastia di evidente origine francese ( fino al trattato di Parigi del 1860 possedette infatti la regione che dà il nome alla famiglia e la contea di Nizza) e a lungo rimasta sconosciuta allo scacchiere internazionale, a essere salita al trono italiano? E perché non dinastie più “made in Italy”, come i Medici, i Gonzaga, gli Este? Ce lo spiega con arguzia e chiarezza Gianni Oliva con il suo “I Savoia. Novecento anni di una dinastia”.

Tutto ha origine nell 'XI secolo circa con dei contratti notarili concernenti delle donazioni di un certo “Humbertus comes”. Si tratta di Umberto Biancamano, primo conte di Moriana e capostipite dei futuri re d'Italia. Di lui sappiamo pochissimo, ma da atti di proprietà e da cronache medievali possiamo notare il rapido espandersi territorialmente e politicamente di questo conte sulle Alpi occidentali, specialmente sul Moncenisio e sulla Val di Susa. Sono territori aspri, rocciosi, avari di frutti e di risorse per un'economia che, nonostante la rivoluzione del 1000, è ancora fondata su un'agricoltura piuttosto arretrata. E come può quindi un signorotto insignificante avere rapporti con l'imperatore tedesco o con il re di Francia? Semplice: perché tra quelle fredde gole sono presenti valichi e passi montani, come il San Bernardo, che erano le uniche via di accesso per la Francia, sia dall'Italia che dall'Impero. Gli stretti divengono fonte di potere, perché su di essi possono essere posti dazi elevati e perché per essi devono passare,oltre che mercanti e soldati, anche ambasciatori, dignitari, aristocratici e regnanti. Quindi per le due principali teste coronate europee avere l'appoggio del Biancamano era indispensabile. E il conte Umberto di fronte a ciò, come si comporta? Ora si allea con uno ora con un altro, servendosi di spregiudicati interventi diplomatici che gli permettono di accrescere i propri territori fino al lago di Ginevra. E quale è lo strumento migliore per sancire un'alleanza? Il matrimonio: Umberto farà sposare suo figlio e successore Oddone con la contessa di Torino, Adelaide -donna carismatica ed energica del calibro della coetanea Matilde di Canossa- la quale farà entrare il Piemonte nell'orbita dei conti di Moriana. Ecco spiegato il segreto attraverso il quale i Savoia riusciranno a sopravvivere alla stagione dei Comuni, al Tramonto del Medioevo, alle guerre di Italia del '500, alla decadenza del Seicento fino ad ergersi a paladina della causa dell'unità italiana, sposata solo per mantenere e possibilmente accrescere il potere della dinastia: “stretti fra vicini potenti ( via via la Francia, l'Impero, la Spagna, l'Austria), i conti prima, i duchi poi, i re di Sardegna dopo ancora, hanno giocato la carta del dinamismo diplomatico e militare per salvaguardare la propria autonomia e per sfruttare le congiunture internazionali favorevoli in vista dell'espansione”. Il tutto è stato reso possibile grazie al carisma di Amedeo VI, il Conte Verde (1334-1383), alla scaltrezza di Amedeo VIII,(1383-1449), alla genialità di Emanuele Filiberto (1528-1580) e alla capacità di previsione del “padre della patria” Vittorio Emanuele II, ma anche a grandi donne come la spregiudicata Cristina di Francia (1606-1663) e l'amatissima regina Margherita (1851-1926). Tuttavia non bisogna tralasciare che i Savoia ebbero alti e bassi e svariate volte furono sul punto di perdere tutto, producendo “pecore nere”, quali Carlo Alberto “il re che vuole e disvuole”, Umberto I, “re-mitraglia” e Vittorio Emanuele III, “un re troppo piccolo costretto a regnare in un'età troppo grande”.

Gianni Oliva tratta così di un vasto periodo che spazia dal 1000 al 1946, districandosi tra le iperboli dei cortigiani adulatori e il disprezzo dei studiosi anti-monarchici, e riesce miracolosamente a rimanere imparziale e oggettivo mediante uno stile chiaro ma non banale, coinciso ma non sommario, approfondito ma non prolisso e mediante l'uso di un buon apparato iconografico, di limpide cartine storiche e di utilissime tavole genealogiche.

Un'opera che ci illumina profondamente sulle virtù e vizi, sulle genialità e ottusità, sui trionfi e le cadute di una dinastia che ha fatto la storia di questo paese e che vi è riuscita grazie alla flessibilità, già ritenuta da Machiavelli nel suo Principe basilare per il mantenimento del potere. Non posso fare,dunque, che consigliarvi questo saggio approfondito e ben strutturato. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
I Savoia 2011-07-26 07:02:55 Francescoroma73
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Francescoroma73 Opinione inserita da Francescoroma73    26 Luglio, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Savoia

Quanti direbbero che i Savoia durarono quasi mille anni come dinastia? Sicuramente pochi tra coloro che non abbiano approfondito la loro storia. Gianni Oliva con il suo “I Savoia. Novecento anni di una dinastia” ce ne offre un’ampia possibilità partendo dalle loro origini, forse un po’ romanzate con il capostipite Umberto Biancamano. Prima conti, poi duchi e infine Re con il Regno di Sardegna e poi quello d’Italia. “Dei Savoia si può scrivere tutto e il contrario di tutto” esordisce giustamente l’opera. Certamente l’introduzione non narra gli episodi più edificanti dei Savoia trattando il periodo che va dall’abdicazione di Vittorio Emanuele III alla fuga di Umberto II, pagine indecorose di una storia che ha saputo per forza regalare anche spunti di dignità nei secoli. Il controllo del Moncenisio e del San Bernardo regalarono le prime fette di potere nel territorio da parte dei Savoia. Per secoli riuscirono, tra espansioni e contrazioni, a governare territori che mutavano a seconda della potenza dominante,ora la Francia, ora la Spagna, ora l’Austria. Non si contano le alleanze stipulate e tradite, un vizio che poi tramandarono alla stessa Italia unita che contribuirono fortemente a formare malgrado questo non fosse l’interesse primario che rimase sempre la conservazione della monarchia compreso il drammatico ventennio fascista, digerito sacrificando il popolo italiano alla propria esistenza

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Berta Isla
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le fedeltà invisibili
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Divorare il cielo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La scomparsa di Stephanie Mailer
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tredici modi di guardare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Salvare le ossa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
All'ombra di Julius
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'animale femmina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'antica nave
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superficie
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri