Saggistica Storia e biografie Open. La mia storia
 

Open. La mia storia Open. La mia storia

Open. La mia storia

Saggistica

Editore

Casa editrice

Se colpisci 2500 palle al giorno, cioè un milione di palle l'anno, non potrai che diventare il numero uno. Questo è quello che il padre-padrone di Agassi ripeteva ad Andre bambino, costringendolo ad allenamenti disumani nel cortile di casa, contro una sorta di macchinario sputapalle di sua invenzione. Un padre dispotico e ossessivo che con i suoi metodi brutali diede l'avvio a una delle carriere sportive più sfolgoranti e controverse di tutti i tempi. Perché Andre Agassi con i suoi capelli ossigenati e l'orecchino, ha sconvolto l'austero mondo del tennis. Dei suoi 21 anni di carriera, dei suoi matrimoni da rotocalco e di molto altro, Andre Agassi racconta in questo libro. Mettendo in luce, con sorprendente franchezza e onestà, un lato umano del tutto inedito.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 17

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.3  (17)
Contenuti 
 
4.4  (17)
Approfondimento 
 
4.0  (17)
Piacevolezza 
 
4.6  (17)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Open. La mia storia 2021-09-11 20:53:24 LuigiF
Voto medio 
 
3.2
Stile 
 
2.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiF Opinione inserita da LuigiF    11 Settembre, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL TENNIS NON E' FATTO PER GENTE EQUILIBRATA

Ho spesso pensato che i grandi campioni di tennis possiedano una specifica nota di orginalità nel carattere che li rende bizzarri, stravaganti ed estremi.  Un po' come gli Dei dell'Olimpo, i vari Borg, Connors, McEnroe, Lendl, Becker, Nadal e tanti altri che li hanno preceduti o seguiti mostrano spesso un lato abnorme della personalità che li fa apparire quasi caricature. Chi esageratamente paziente, chi meticoloso a livelli paranoici, chi irruente, irascibile o persino rabbioso, chi volitivo, inflessibile ed indomabile, chi coraggioso e spregiudicato. Oggi che l'elemento professionale ed atletico è diventato piu' determinante, queste riflessioni suonano forse un pò meno vere, ma col beneficio delle generalizzazioni un po' ardite mi sentirei di affermare che il tennis non e' fatto per gente equilibrata.
Perchè tutto ciò accada nel tennis più che in altri sports non e' facile a spiegarsi. Un incontro di tennis è sfida tra singoli individui prima ancora che fatto atletico. Tuttavia, a differenza di altre discipline sportive, il tennis non prevede contatto. Gli sfidanti sono separati da una rete e questa separazione rende la sfida più psicologica e mentale che fisica. Chi voglia emergere deve possedere una determinazione speciale e vien da pensare che individui in cui un singolo aspetto caratteriale risulti predominante e caratterizzante, abbiano maggior predisposizione a resistere alla pressione psicologica dell'incontro.

Mi sono avvicinato a questa troppo celebrata autobiografia di Agassi con curiosità. Agassi rientra a pieno titolo nel novero dei grandi e stravaganti campioni del passato e da appassionato di tennis mi intrigava  scoprire qualcosa di più di quella contorta personalità.
Detto che il valore letterario del libro è pressochè nullo, occorre ammettere che la storia in sè e la sincerità quasi infantile del racconto finiscono per coinvolgere il lettore. Degno rappresentante di questo Olimpo, la caratteristica prevalente in Agassi è una esasperata emotività che lo  spinge sempre e comunque all'eccesso. La sua storia personale è un susseguirsi di sbalzi umorali con continui alti e bassi che lo proiettano continuamente sulle montagne russe tra momenti esaltanti e crisi profonde. Spacca racchette, piange, gioisce e si dispera, esibisce improbabili punk look , odia e ama, fugge e ritorna ... che si faccia di allucinogeni, si improvvisi asceta o si sdilinquisca coi figli, Agassi è sempre e comunque sopra le righe. Eppure questa natura umorale gli ha consentito di essere tra i più longevi tennisti della storia, più volte al vertice del ranking e con una impressionante sequenza di trionfi nei principali Major.
La parte migliore del libro è senz'altro quella dedicata all'infanzia. L'immagine del ragazzino che si allena sotto gli occhi del padre despota e paranoico, in uno sperduto campo da tennis nel bel mezzo del deserto attorno a Las Vegas e con un dannato robot sparapalle che lo bersaglia senza tregua è di quelle che non si dimenticano.
Il resto e' tutto uno sfibrante susseguirsi di trionfi eclatanti ed insuccessi devastanti sul lato sportivo e di incontri salvifici ed abbandoni dolorosi sul lato umano.

Tutto sincero? Io credo di si'

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ama il tennis
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2020-07-14 16:10:38 CortaZur
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
CortaZur Opinione inserita da CortaZur    14 Luglio, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una splendida biografia

Devo confessare che in genere evito le biografie, non so neanche il motivo di questo snobismo ma per Open ho fatto un'eccezione e meno male che l'ho fatta.
Open è un libro stupendo!
Mi è piaciuto lo stile, la voce della narrazione che poi è quella di Agassi e del suo ghost writer (J.R. Moehringer) che ringrazia pubblicamente alla fine del libro e del quale si consiglia la lettura del libro vincitore del Pulitzer, "Il bar delle grandi speranze".
In particolare la Agassi racconta la sua vita e il suo rapporto con il tennis che come ormai è noto è stato abbastanza conflittuale. Parla di suo padre, personaggio da romanzo, delle sue più grandi partite e ovviamente dei suoi rivali su cui spicca Pete Sampras.
Una lettura coinvolgente, scorrevole e davvero bella.
Non una semplice cronaca di fatti ma un vero e proprio romanzo dove lo sport è solo uno dei temi affrontati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Estrememante consigliata a chiunque, se poi si è ache appasionati di sport e tennis in particolare, è imprescindibile.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2019-02-14 18:41:10 Tomoko
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tomoko Opinione inserita da Tomoko    14 Febbraio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La TUA Storia

Andre Agassi
Open
La mia storia.
La TUA storia.
Non è una semplice biografia,
È una storia di vita, uno spunto di riflessione per la Tua.
È un libro che insegna, a lottare, partita dopo partita, Game dopo game, Punto dopo punto.
Sudare su ogni singolo scambio.
Entrare in simbiosi con Andrè:
“Odio il tennis, lo odio con tutto il cuore...
Ma ciò che effettivamente faccio mi appare l’essenza della mia vita”
Come vale per la sua di vita vale anche per la tua.
Piangere ad ogni sconfitta per poi sentirsi il re del mondo quando vinci un torneo, raggiungi un traguardo.
E lui, Andre Agassi, vive tutto ciò in maniera esponenziale:
“Qualche giorno dopo, per motivi che mi sfuggono, la bella sensazione delle Olimpiadi è già svanita. Sono in campo a Cincinnati e sono fuori di testa. Giocando di nuovo per me stesso, spacco la racchetta in un accesso d’ira”.
Una biografia annoia ma questo, signori miei, è il libro che tutti dovrebbero leggere, per me è diventato un mantra.
Andrè non è un principe del tennis dal bianco vestito, è la Rock star del tennis. Lui gioca senza mutande perché porta fortuna, non ti insegna ad essere signorile ma che qualche volta può anche essere utile imbrogliare e perché no? Anche urlare parolacce.
Ed è per questo motivo che Agassi o lo ami o lo odi. Ma tutto questo non pregiudica la lettura del libro.
Ripeto non è un libro biografico ma una fantastica storia scritta da J. R. Moehringer, scrittore statunitense che ha vinto un premio Pulitzer.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Winning Ugly vincere sporco
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2018-12-12 16:39:20 Rebel Luck
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    12 Dicembre, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Axl Rose del tennis

Autobiografia ben scritta e dal "sapore vero".
Partiamo da un presupposto AMO Andrè Agassi perché mi ricorda di quando ero bambino, la sua è una delle figure più popolari della seconda parte degli anni '80 e dell'inizio dei '90.
Quando ero bambino Agassi era la "rockstar del tennis", l'Axl Rose della racchetta.
L'immagine che ho ancora scolpito nella mia mente è quella di lui con i capelli lunghi ed i Jeans tagliati.
Un tennista atipico, lontano dall'immagine stereotipata del tennista "sportivo nobile di bianco vestito".
Noi in strada giocavamo ad una specie di tennis sull'asfalto, con una rete fatta con la corda per stendere, ero solo un gioco, e tutti volevano essere Agassi. Io volevo essere Agassi.

Il libro in se vale tutti i soldi che costa, è scritto egregiamente (il ghost writer è J.R.Moehringer), si legge in un soffio, nonostante la mole, e lascia l'impressione di essere davvero sincero. Questo perché il protagonista non nasconde diverse ombre e verità scomode o vergognose.

La storia comincia dalla fine, Agassi è alla vigilia di quello che sarà il suo penultimo incontro, è un uomo maturo e profondo, ricco di contraddizioni e pieno di problemi fisici:

"Sono giovane, relativamente parlando. Trentasei
anni. Ma al risveglio me ne sento novantasei."

Ed anche:

"Di fronte allo specchio del bagno, asciugandomi,
fisso il mio viso. Gli occhi rossi, la barba grigia:
un viso completamente diverso da quello con
cui ho cominciato. Ma diverso anche da quello che
ho visto lo scorso anno nello stesso specchio. Chiunque
io sia, non sono il ragazzo che ha intrapreso
questa odissea. Non sono nemmeno l’uomo che,
tre mesi fa, ha annunciato che l’odissea era giunta
al termine. Sono come una racchetta da tennis
alla quale ho cambiato quattro volte l’impugnatura
e sette volte le corde: è esatto dire che è la stessa
racchetta?

Immediatamente ci rivela la più strana delle verità, la più incredibile delle sue certezze:
"Gioco a tennis per vivere,
anche se odio il tennis, lo odio di una passione
oscura e segreta, l’ho sempre odiato."

Alla fine dell'incontro Agassi, nello spogliatoio, semi-paralizzato dal dolore, ripensa alla sua vita, ed al suo tennis, che in fondo sono la stessa cosa, e così comincia a raccontarla.
L'infanzia con un padre che ha sempre creduto di poterlo trasformare in un campione, e che per questo gli ha rubato l'infanzia con allenamenti massacranti e mostruosi.
L'adolescenza nell'accademia Bollettieri dove è diventato un vero tennista e dove per sopravvivere ha imparato a "mostrarsi" ribelle.
Poi il passaggio alla vita da professionista.
I suoi mille incontri.
Le sue vittorie.
Le sue cadute.
Le sue risalite.
Ma sopratutto le sue sconfitte, tutte le sue dolorose sconfitte.
Il tutto condito dalle più grandi contraddizioni che si possano nascondere in una persona che è l'esatto contrario di quello che tutti credevano, ma che proprio per questo, alla fine del libro amo ancora di più.

Quindi grazie Andrè, grazie perchè mi hai deluso, nella tua più profonda umanità, ti sei reso più vero, più concreto e più lontano da quel Dio che noi ti credevamo. Con i tuoi difetti ora ti vedo molto più vicino e molto più amico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2016-08-25 19:35:41 Giovannino
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    25 Agosto, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bar del tennis.

Premetto di non essere un super esperto di tennis (anche se alcune partite le vedo sempre volentieri) e di non aver visto molte partite di Andre Agassi (per motivi di età), ma quando ho saputo che questa autobiografia l'aveva scritta J.R. Moehringer mi sono subito convinto che dovevo leggerla. Infatti lo scrittore (e giornalista) americano mi aveva completamente conquistato al tempo con quello che reputo uno dei romanzi più belli che abbia mai letto: Il bar delle grandi speranze. Non potevo quindi farmi scappare un'autobiografia che univa un campione immenso come Andrè Agassi ad un campione della letteratura (e premio Pulitzer) come J.R Moehringer.

Il risultato è stato infatti un'opera molto bella ed avvincente che, stranamente, inizia dalla fine della carriera (un piccolo excursus) per poi iniziare dal secondo capitolo con la sua infanzia e proseguire in ordine cronologico. Nel libro Moehringer (ed Agassi) ci racconta come quel tennis, che per i tifosi era visto come un'opera d'arte, era invece per il protagonista una sofferenza. In diverse occasioni infatti troveremo la seguente frase: "Io odio il tennis".

Sembra strano come un campione di quel calibro possa odiare lo sport che non solo gli ha reso fama e soldi, ma che soprattutto è poi diventato la sua vita (visto che è finito addirittura per sposare Steffi Graff, la tennista più forte di tutti i tempi).

Nel corso del libro però il perché ci viene spiegato, e qui entra in gioco il padre di Agassi, un genitore ossessivo e petulante il cui unico obiettivo era far diventare il figlio il numero uno del circuito ATP. Qui entrano in gioco diverse similitudini con il libro principe di Moehringer, Il bar delle grandi speranze, ed il rapporto padre figlio sembrerà molto familiare a chi ha letto quest'ultimo. Inoltre non mancheranno i temi ricorrenti come il dover affrontare le paure e l'essere meno severi con se stessi (anche questi presenti nel libro dello scrittore americano).

Lo stile è quello classico dello scrittore giornalista, pulito, chiaro, lineare, semplice. I temi trattati, come detto, sono molto cari a Moehringer e quindi riesce ad esprimere il meglio di se pur parlando di un'altra persona. Se proprio dovessi fare un appunto direi che l'ultimo capitolo incentrato sulla Andre Agassi Academy (una scuola che il campione ha aperto dopo il ritiro) poteva forse essere evitata. Ci viene presentata infatti come "L'inizio" (in contrapposizione con "La fine" del primo capitolo) e dovrebbe farci capire come, finita la carriera tennistica, Agassi abbia iniziato a distribuire cioè che aveva accumulato, anche inteso come conoscenze, soprattutto. In realtà invece risulta come una maxi pubblicità, comprensiva di servizi e spazi fisici, della sua scuola.

In conclusione potremmo dire che in questo libro Moehringer risulta ottimo, un po' per le sue capacità e un po' per i temi trattati. Continuo senza dubbio a preferirgli Il bar delle grandi speranze, ma se siete amanti del tennis o se volete semplicemente sapere come sia stata la vita di un super campione dentro e fuori dal campo, leggetelo, non ve ne pentirete, Moehringer merita sempre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2015-07-24 14:23:40 Arturo
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Arturo Opinione inserita da Arturo    24 Luglio, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Trovare la propria strada,la partita più difficile

Ho voluto leggere questo libro in lingua originale quindi ho fatto un po' fatica non conoscendo benissimo l'inglese. Nonostante ciò l'ho trovato estremamente interessante e sono riuscito a finirlo in pochi giorni. Mi ha molto colpito la profondità dei contenuti e il coraggio di Agassi nel mettersi a nudo raccontando in maniera così diretta la sua storia. Un libro che fa riflettere e che ricorda quanto la vita possa essere difficile e complessa per tutti, anche per gli uomini di successo. Un incoraggiamento a vivere pienamente quello che la vita ci propone facendo tesoro di ogni esperienza senza mai smettere di cercare la propria personalissima strada. Consigliatissimo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2015-07-14 07:04:40 lapis
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    14 Luglio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La fragilità dei numeri uno

In autogrill, mentre aspettavo in fila un caffè, ho iniziato a leggere distrattamente le prime pagine di questo libro senza nessuna aspettativa, in fondo le biografie dei campioni dello sport sono fatte con i soliti ingredienti: fatica alimentata da un’instancabile passione, gesta epiche e gloriosi trionfi conditi con la soddisfazione di essere numeri uno.

Invece no. Il tennista che mi trovo davanti non è quello patinato che solleva la coppa di Wimbledon ma un uomo alla fine della carriera, con il corpo straziato da vent’anni di fatiche, che lotta contro il dolore fisico per giocare la sua ultima partita e dice «Gioco a tennis per vivere, anche se odio il tennis, lo odio di una passione oscura e segreta, l’ho sempre odiato”.

Per la sorpresa, il libro l’ho comprato subito e non me ne sono pentita.

E’ la storia di un ragazzo fragile, che potrebbe essere ciascuno di noi, un ragazzo alla ricerca di una propria motivazione aldilà delle aspettative e delle imposizioni paterne, un ragazzo che si affanna per trovare se stesso e riconoscersi nell’immagine di sé che pubblico e marketing hanno plasmato. Perché altrimenti anche le più belle vittorie risultano sempre velate dall’amarezza dell’insoddisfazione.

Un romanzo che consiglierei a tutti. Innanzitutto a chi ama il tennis perché da sfondo alla storia c’è la bellezza di questo sport solitario, in cui la mente e la psiche sono tanto importanti quanto l’atletismo ed il talento. Ma anche a chi non lo conosce perché si appassionerà alle continue cadute e risalite di questo ragazzo, narrate in modo estremamente vivido e coinvolgente (lo zampino del “ghostwriter” premio Pulitzer J.R. Moehringer). Magari poi, come è successo a me, comincerà ad appassionarsi anche al tennis.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2014-12-14 19:06:03 Vita93
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    14 Dicembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Apro gli occhi e non so dove sono e chi sono"

Da appassionato di tennis quale sono da ormai un decennio, non potevo lasciarmi sfuggire la biografia di uno dei tennisti più forti di tutti i tempi. Numero 1 del circuito Atp per 101 settimane e vincitore di 60 titoli, tra cui 7 tornei del Grande Slam, oltre all’oro olimpico nel 1996 ad Atlanta. Un’occasione per conoscere meglio la storia di una carriera stellare.
E per approfondire quanto accaduto in ambito tennistico dalla fine degli anni ’80 ai primi anni 2000, un’epoca importante che ha visto succedersi atleti del calibro di Lendl, Edberg, Becker, Agassi, Sampras, fino a Federer.
Mi aspettavo una biografia tradizionale, incentrata come di consueto sull'amore e sulla dedizione assoluta ed incondizionata verso il proprio sport. Non pensavo che "Open" potesse essere così profondo ed emozionante.

Non è, o almeno non soltanto, la storia di un campione. È la storia di una vita, di un uomo che per la prima volta dopo anni di tormenti interiori ha trovato il coraggio di dire: "Io odio il tennis. L’ho sempre odiato con tutto il cuore. Eppure ho continuato a palleggiare ogni mattina e ogni pomeriggio della mia carriera perché non avevo scelta, non sapevo fare altro".
Emerge una figura per certi versi opposta all’immagine di rockstar del tennis, di idolo dei teenager. Chi poteva immaginare che dietro l'icona da sfacciato ribelle che lo ha contraddistinto, soprattutto nei primi anni della carriera, si celassero tante fragilità?

Il libro inizia con il racconto dell'ultimo match della carriera. US Open 2006. Terzo turno. Il vecchio campione è ormai usurato, in preda a fastidiosi dolori fisici e costretto a ricorrere a costanti infiltrazioni di cortisone, ma fino all’ultimo punto è in grado di mandare in estasi il proprio pubblico.
Poi il romanzo prosegue in ordine cronologico, iniziando dai primi anni di vita di Andre. Emerge la complessa figura del padre, ex pugile iraniano naturalizzato statunitense, deciso a farlo allenare duramente tutti i giorni per permettergli di diventare “un numero 1”.
“Open” è la storia di una leggenda che se in superficie sembra aver ottenuto tutto quello che ogni uomo potrebbe desiderare tra soldi, premi, popolarità, vita sentimentale (la moglie, Steffi Graf, è probabilmente la migliore tennista di sempre), in alcune circostanze arriva a maledirsi per tutto quel talento posseduto.
Una continua lotta. Da una parte l'odio verso il tennis e verso se stesso. Dall’altra l'orgoglio, la volontà di non soccombere di fronte all’avversario e ai propri demoni. Per 20 lunghi anni.
Le tante vittorie, le brucianti sconfitte. Perché una sconfitta resta addosso molto più di una vittoria.
È uno sport solitario, il tennis, dannatamente psicologico. Lo “sport del diavolo”, come spesso viene definito.

In mezzo a tante fragilità, Agassi ha avuto la fortuna di essere circondato da persone come Gil Reyes, storico preparatore atletico ed amico, colonna portante nella carriera dell’atleta. Tanto che uno dei figli della coppia Agassi-Graf si chiama Jaden Gil, in suo onore.

E proprio Gil, di fronte ad un giovane Agassi, pronuncia un discorso che rappresenta uno dei momenti più intensi della biografia. Un discorso che Agassi ricorda ancora parola per parola, nonostante siano passati decenni.

"Non proverò a cambiarti, non ho mai provato a cambiare nessuno. Se fossi stato capace di cambiare qualcuno avrei cambiato me stesso.
Ma so che posso darti la struttura e il progetto per ottenere quello che vuoi. C' è differenza tra un cavallo da tiro e uno da corsa. Non li tratti allo stesso modo. Si parla tanto di uguaglianza ma non sono sicuro che uguale voglia dire allo stesso modo. Tu sei un cavallo da corsa e ti tratterò di conseguenza. Sarò severo ma giusto. Ti guiderò senza spingerti. Ci siamo ragazzo, ci siamo. Puoi contare su di me. Da qualche parte lassù c' è una stella con il tuo nome. Forse non sarò capace di trovarla, ma le mie spalle sono forti e puoi salirci sopra mentre la cerchi. Sali sulle mie spalle e allunga la mano, ragazzo. Allungala".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2014-07-15 07:22:03 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    15 Luglio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nella vita CREDICI...SEMPRE!

Sono davvero contenta che Andre Agassi , uno dei migliori tennisti di tutto il mondo, abbia deciso di scriverci la storia della sua vita : un percorso tortuoso, che lo ha visto già in culla con una racchetta in mano, bambino definito prodigio a quindici e a sedici un vero professionista .
Una vita vissuta per il tennis : milioni di palle...milioni di decisioni da assumere.
Avviato a tale sport dal padre che lo voleva a tutti i costi veder primeggiare, dopo il fallimento dei primi due figli...dopo i propri insuccessi personali.
Andre, anima bella, si adatta ,seppur con una moltitudine di tormenti personali, all'imposizione paterna, dal quale eredita sicuramente la testardaggine e la volontà di avere o tutto o niente.
La sua vita diventa un incontro tra il vincere e il perdere ( momento definito da lui un 'esperienza altamente istruttiva) , tra l'amore e l'odio...tra gli estremi polarmente opposti.
Nella sua folle vita, si ritrova continuamente alla ricerca di se stesso e tutte le trasgressioni a cui ricorre e non capite dal pubblico,che crede nella sua immagine come lo specchio di ciò che è, non sono altro che un suo modo di esprimere la propria individualità , un modo per affermare se stesso .
Andre che segue sempre il cuore, le emozioni e le proprie convinzioni, dilaniato da forze opposte, arriva a toccare il fondo.
Ma caparbio, determinato e serafico come la la madre, trova la giusta forza per risalire.
La sua vita da palude stagnante e fetida,con rigagnoli che vanno in ogni direzione, si trasforma in un fiume impetuoso , incanalato e quindi puro.
E ancora una volta l'amore...quello vero e importante, si rivela in tutta la sua grandezza.
Si, perchè è grazie ad un grande amore ( la sua nuova compagna Stefanie) che il nostro caro Andre trova la forza di dare una svolta alla propria vita. Ciò che prima era un'imposizione, magicamente si trasforma in una scelta .
Andre che odiava la scuola, ma amava i libri; Andre che aveva il cuore con un potenziale enorme di umanità, trova finalmente il modo per farlo parlare.
Concretizza questa sua ricchezza d'amore con un atto nobile di grandissima ricaduta sociale: cotruisce una scuola proprio dove il degrado dilaga; una scuola che diventa un punto di riferimento importante per tanti ragazzi , molti dei quali avrebbero avuto solo una buia prospettiva di vita. Una scuola che diventa un vero e proprio punto luce..luminosa...che offre speranza...che favorisce la SERENDIPITA'.
E io, in qualità di educatrice non posso che essere orgogliosa di una scelta simile...una scuola che crede che ogni alunno possa apprendere.
Concludo con un plauso per Andre, che ha saputo avere il coraggio di dare una svolta alla propria sbagliata vita, diventando un modello di paragone validissimo, poichè in grado di proporsi come un esempio concreto del proprio credere...
Ho letto lentamente questo meraviglioso libro, per assaporarlo al massimo, per carpirne tutti gli insegnamenti in esso contenuti...
Concludo che se da sempre penso che ogni persona meriti un romanzo...posso dire senza alcun dubbio ma Andre lo meriti ancor di più!
Una lettura da non perdere...una buona occasione lettura?...no, no...di vita!
Pia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A genitori. A coloro che nella vita, credono...in qualcosa...ma credono!
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
Open. La mia storia 2013-12-29 15:03:11 bucintoro
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
bucintoro Opinione inserita da bucintoro    29 Dicembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

tennis e altro

è uno di quei libri che possono essere letti da tutti ,senza essere per forza (in questo caso) amanti o praticanti del tennis. la vita di agassi è gia' di perse un romanzo, piena come è di episodi, di fatti, di "vita". incredibile la figura di suo padre, un uomo deluso dalla vita che riversa sui figli ,in particolare su andre , tutte le sue speranze di rivalsa. costringe il figlio ad allenamenti al limite del possibile per anni, portando andre a odiare questo sport. il tempo dara ragione al genitore che portera il figlio a diventare, e per molte settimane, il numero uno al mondo. non mi era per niente simpatico agassi giocatore ,ma dopo letto il libro mi sono ricreduto sull' andre uomo. da leggere. consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri