Suerte Suerte

Suerte

Saggistica

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Suerte, opera di Giulio Laurenti edita da Einaudi. Che cosa si prova a vivere con la morte come assidua compagna? Per piú di un anno Ilan Fernández, uno dei maggiori narcotrafficanti a livello internazionale, oggi imprenditore di successo, ha raccontato a Giulio Laurenti la sua vita rocambolesca e pericolosa: anzi, le sue due vite. Quelle confessioni sono diventate un romanzo, dalla voce inconfondibile e unica, col timbro della verità definitiva. E la cocaina ci appare sotto una luce che non avevamo mai considerato, frutto come è di uno smercio intriso di morte. L'infanzia violenta a Cali, dove "si inizia con i lividi e si finisce con i buchi delle sventagliate di mitra", la rabbiosa voglia di rivalsa, i primi passi nel mondo del crimine come unico modo per restare a galla, la droga, il traffico d'armi. In poco tempo Ilan scala tutti i gradini della gerarchia criminale colombiana e a diciannove anni è il maggior responsabile della cocaina che imbianca l'Europa, oltre che il Sudamerica e gli Stati Uniti. Una vita tra lussi, eccessi, donne e Ferrari. Fino a quando, per l'ostinata caccia di un poliziotto, non viene catturato a Barcellona. Ma proprio in galera scaturisce l'idea del marchio DePutaMadre69, la rinascita. La violenza, l'ansia di riscatto, il mito della ricchezza facile, l'eccesso, l'ossessione per la performance, la corsa senza tregua verso un senso delle cose mai afferrabile.

Giulio Laurenti ha pubblicato, tra gli altri, i racconti 3 etti & 1/2 (Pequod 2001) e la raccolta di poesie dire & disdire (Davide Ghaleb 2010). Ha creato la web-tv www.nonleggere.it, una delle piú grandi tv letterarie in Europa. Ha scritto e diretto due cortometraggi. Vive nella Tuscia. Il suo sito è www.giuliolaurenti.com.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuti 
 
3.0  (1)
Approfondimento 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Suerte 2012-12-06 12:14:54 giuse 1754
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
giuse 1754 Opinione inserita da giuse 1754    06 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Suerte Traidora

Non c’ è posto per l’etica nell’esistenza di Ilan Fernàndez, conosciuto come Pedro nell’ambiente del narcotraffico.
La linea che separa il confine tra la vita e la morte è affidata all’istinto dell’animale selvatico, pronto a difendersi o a prevenire attaccando chiunque minacci la sua incolumità o il suo benessere.
Un istinto guidato da un’intelligenza fuori dal comune, che lo porterà a diventare il più importante narcos del continente europeo e il brillante creativo del marchio di moda giovanile DeputaMadre69.
Non si fida di nessuno, Ilan-Pedro Fernàndez. E’ costretto ad atomizzare le lucrose attività tra i suoi soldati per non correre il rischio di essere tradito: affidare troppi segreti a una singola persona sarebbe troppo pericoloso.
Come un felino si muove all’improvviso, fa credere di essere sparito in una città lontana e ricompare all’improvviso disorientando i sottoposti, finge di essere il numero due di un fantomatico capo supremo e comanda con l’autorità del leader indiscusso.
Eppure è un uomo, Ilan Fernàndez. Un uomo che ha sofferto un’infanzia negata e che ha scelto di non sottomettersi al miserabile destino dell’orfano nei ghetti di Cali.
E’ pur sempre un uomo, quindi un animale sociale. E ha bisogno di condividere, di avere qualcuno che goda con lui le gioie del sesso a pagamento e l’euforia di qualche pista di coca.
E’ questa necessità il suo tallone d’Achille, questo il machete che separerà la dura noce di cocco che è la sua vita: prima il narcotraffico, poi la galera e infine il suo “riciclarsi” nel traffico internazionale della moda.
Quel machete ha il volto di Pedrito, un poliziotto infiltrato che Pedro sceglie come secondo, attirato dalla sua diversità e apparente sincerità. Proprio lo sbirro italiano sarà colui che lo incastrerà; d’altronde non è un caso che già in un’altra storia proprio chi mangia nel tuo stesso piatto abbia in tasca i trenta denari del tradimento.
Il problema, come direbbe nonno Jack, ma non l’ha detto, è che tutti abbiamo bisogno di un testimone che racconti la nostra vita. E’ per questo che ci si sposa e per lo stesso motivo si affida a un bravo scrittore come Giulio Laurenti il canovaccio di una vita.
“Suerte” è un libro che coinvolge e diverte, dove si racconta e non si giudica. Ilan parla in prima persona, con un linguaggio semplice mutuato dalla quotidianità; con pochi interventi “dell’amico scrittore” ci fa entrare nel suo mondo inquieto e crudele stando comodamente seduti sul nostro divano pagato a rate con il nostro stipendio da commessi.
E a un certo punto ci sentiamo “un individuo limitato, che manca delle necessaria propensione a una visione complessiva di ciò che lo circonda”. Poi il libro finisce, e tutto sommato siamo contenti che Cali sia un posto lontano.





Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I diciotto anni migliori della mia vita
Tutankhamen
L'origine degli altri
Il tribunale della storia
Memorie dalla Torre Blu
Nulla è nero
Non per me sola. Storia delle italiane attraverso i romanzi
A riveder le stelle
Marco Polo. Storia del mercante che capì la Cina
The Queen. Diario a colori della regina Elisabetta
Margaret Thatcher. Biografia della donna e della politica
L'arte della fuga
Dante
Autunno a Venezia. Hemingway e l'ultima musa
Passione sakura
Effie. Storia di uno scandalo