Narrativa italiana Racconti di viaggio Due mondi e io vengo dall'altro
 

Due mondi e io vengo dall'altro Due mondi e io vengo dall'altro

Due mondi e io vengo dall'altro

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di "Due mondi e io vengo dall'altro (Il Sudtirolo, detto anche Alto Adige)", romanzo di Alessandro Banda, edito da Laterza. "Quando una persona si aggira per Bolzano, sia un bighellone perdigiorno o un iperattivo pieno di appuntamenti fissi, presto o tardi, voglia o non voglia, finisce regolarmente per imbattersi in uno degli svariati palazzi della Provincia. Non so quanti siano. Ma sono tanti. Sono imponenti. Sono onnipresenti. La Provincia, a Bolzano, non è irrilevante, non è indifferente, ossia, fuor di litote e fuori dai denti: è pressoché onnipotente. E come quelli che hanno già molto, o moltissimo, anche la Provincia vorrebbe sempre di più, cioè ancora più competenze, oltre a quelle che le spettano in base allo Statuto di Autonomia e relative Norme d'Attuazione. Vai in Provincia, chiedi alla Provincia, fai domanda in Provincia, sono tutte espressioni correntemente in uso presso i bolzanini, i meranesi, i brissiniesi, i brunicensi, i venostani, i pusteresi, i gardenesi e badioti e tutti gli altri indigeni, oltre che presso i forestieri avventizi o stabili o stabilizzandi": ma cosa vuol dire vivere da provinciale a Bolzano o dintorni? Lo racconta Alessandro Banda, trattando diffusamente della biografia dell'unico altoatesino (o sudtirolese) che egli conosca davvero bene, e cioè se stesso. Un'insolita guida agli aspetti, noti e meno noti, che caratterizzano Bolzano, Merano, Bressanone e le altre località dell'Alto Adige, scritta con l'occhio di un perenne outsider che registra i paradossi delle invasioni turistiche, delle passeggiate panoramiche, dei luoghi comuni delle guide.

Alessandro Banda è nato a Bolzano nel 1963. Si è laureato in lettere all’Università di Padova, dove ha conseguito anche il dottorato di ricerca in Filologia italiana. Docente nelle scuole superiori dal 1993, insegna al Liceo pedagogico di Merano. Ha pubblicato: Dolcezze del rancore (2001) per Einaudi; La verità sul caso Caffa (2003), La città dove le donne dicono di no (2005), Scusi, prof, ho sbagliato romanzo (2006), Come imparare a essere niente (2010) e L'ultima estate di Catullo (2012) per Guanda.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Due mondi e io vengo dall'altro 2012-12-13 22:37:04 cuspide84
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    14 Dicembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ALTO ADIGE – SUEDTIROL

Nell’inserire questa scheda ho clamorosamente errato classificandolo come romanzo, non lo è affatto. A fine lettura non potrei affermare che sia una sorta di autobiografia o di saggio, ma semmai un insieme di questi due generi.

Alessandro Banda è nato a Merano per un errore amministrativo: suo padre, insegnante come lui, doveva essere trasferito da Treviso a Castelfranco Veneto, o viceversa, ma una svista di un impiegato (italiano) lo portò in quel di Merano, dove incontrò la donna che sarebbe poi diventata mamma dell’autore. Il tutto sembra molto romantico, una fatalità felice, ma l’autore non pare della stessa idea.
In questo suo libro ci racconta della problematica questione italiani – tedeschi, della nomenclatura di questo angolo di terra al confine con l’Austria (siamo in Alto Adige o in Suedtirol?), delle storpiature avvenute in epoca fascista, quando molti comuni sudtirolesi sono stati italianizzati con la semplice aggiunta di una o finale (Meran – Merano, Vilpian – Vilpiano), o con aggiunta di lettere (Scena – Schenna), o con modifiche per assonanza (Brixen – Bressanone), o con nomi che non sembrano avere alcun legame tra loro (Sterzing – Vipiteno).

L’autore scrive di getto, in modo talvolta sarcastico, ironico, sprezzante, graffiante, talvolta con toni più nostalgici, più miti, come per richiamare o riconoscere, seppur a malincuore, la bellezza dei posti in cui ha la fortuna di vivere; ma è forse vero che l’erba del vicino è sempre più verde? Dalle sue parole sembra proprio di si; e così scopriamo che a Bolzano c’è una via conosciuta come zona chinatown e pensi ma dai??? Sono arrivati anche lì??? Oppure leggiamo di alberghi superstellati in cui in certi periodi dell’anno fanno la loro comparsa vips, di quelli con la V maiuscola, quelli di cui i telegiornali e i giornali straparlano e ti viene da dire ma??? Anche lì?? Possibile??? Ebbene pare proprio di si, pare che tutto il mondo sia paese, giusto per usare un altro proverbio che, a quanto pare, nascondono sempre un fondo di verità oltre che di saggezza popolare.

Ma, caro il mio Alessandro Banda, se credevi di farmi cambiare idea sul Suedtirol, sulla sua bellezza, la sua magia, i suoi usi e costumi poco italiani e molto tedeschi, se credevi di farmi desistere dal tornare anno dopo anno in questo splendido lembo di terra che si trova lassù, beh ti sbagliavi di grosso! Riconosco la maleducazione dei turisti che invadono le località sudtirolesi, i loro schiamazzi fastidiosi, i rifiuti che disseminano per strade e, ahimè, per boschi, ma io rientro nella categoria di turista atipico: quella che non tollera le cartacce degli altri nei boschi e che le raccatta per non lasciarle lì, quella che resta a bocca aperta davanti all'ennesimo maniero inespugnabile che diventa la meta prossima più ambita, quella che resta affascinata dai colori della natura, dagli animali, dalla cultura, dalla storia che ogni angolo di ogni piccolo o grande paese racchiude in sé, quella che ha scoperto un mondo e che nonostante venga dall'Italia (l’altro mondo), non smetterà mai di ammirarlo, amarlo e viverlo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi voglia entrare nella mente di un altoatesino e a chi voglia scoprire qualcosa in più di questa Provincia
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stelle minori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il cuoco dell'Alcyon
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Tutto sarà perfetto
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bugie e altri racconti morali
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ninfa dormiente
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La scuola
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al Tayar
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Delitti senza castigo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Persone normali
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel silenzio delle nostre parole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
L'estate dell'innocenza
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri