Farfalle sul Mekong Farfalle sul Mekong

Farfalle sul Mekong

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

“Il caldo umido è bello quando non si ha niente da fare, quando si sta sdraiati con il corpo abbandonato e la testa persa nel nulla, perché non c’è niente da rimpiangere o altro da desiderare sulla riva del fiume di Bangkok.” Farfalle sul Mekong ha il ritmo di un romanzo e la potenza descrittiva dello stile giornalistico. Avvincente come un giallo, arricchisce con l’ironia una riflessione attenta e sensibile ai problemi e alle contraddizioni dell’Oriente. Dove, nei villaggi di montagna thailandesi, le tribù che coltivano oppio banchettano tuttora con il tradizionale menu a base di polpette di carne vietnamita e con il cobra spellato vivo di cui bevono il sangue ancora caldo. Dove il lussuoso turismo di Bangkok contrasta in modo stridente con la povertà. Dove le ragazze della guerriglia uccise mentre combattevano nel loro costume nero tradizionale hanno messo le ali e si sono trasformate nelle multicolori farfalle del fiume Mekong.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Farfalle sul Mekong 2016-12-23 19:27:22 silvia71
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    23 Dicembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il viaggiatore ed il turista

Corrado Ruggeri è un giornalista ed ha all'attivo diversi racconti di viaggio, tra cui Farfalle sul Mekong, frutto di un percorso tra Thailandia e Vietnam negli anni Novanta.

Tra queste pagine non vi è la pretesa di esaustività né descrizioni generaliste dei paesi attraversati, bensì la voglia e la necessità di fissare con la penna le impressioni ricevute ed i momenti più curiosi ed emblematici.
Ruggeri non veste i panni del classico turista, ma quelli del viaggiatore, avvezzo a qualche disagio, lontano dai circuiti stellati e dotato di tanto spirito di adattamento.
Il resoconto dei momenti salienti vissuti nei due paesi è piacevole e genuino, senza prosopopee e banalità.
La scrittura è avvolgente, figlia di un professionista senza dubbio, lontana dalla freddezza di taluni diari prodotti da non addetti ai lavori.
Opera paragonabile ad un antipasto letterario che stuzzica l'appetito ma non sazia la conoscenza, quindi è basilare approcciarlo consapevoli di non poter trovare tra queste pagine tutta l'essenza del Vietnam e della Thailandia, ma solamente qualche immagine, qualche viso, qualche costume e qualche accenno storico.

Sicuramente un genere letterario che è nato in sordina e si sta evolvendo, un utilizzo della penna intelligente e divulgativo, in cui è possibile trovare una finestra affacciata su territori del pianeta che non sempre potremo visitare; un genere che diventa mezzo di trasporto per catapultarsi in ogni parte del mondo ed arricchire il proprio bagaglio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Farfalle sul Mekong 2013-05-07 01:07:32 SPACK
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
SPACK Opinione inserita da SPACK    07 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Farfalle sul Mekong

Scritto quasi venti anni fa questo libro vi farà respirare splendidi scenari d'oriente.

Il testo sostanzialmente si divide tra Tailandia e Vietnam con una piccola dose di umorismo che fa capolino di tanto in tanto tra le pagine, mentre marito e moglie inerpicano in quella che risulta essere una piccola avventura nel Sud Est Asiatico.
Durante la scoperta del primo Stato vengono fatte riflessioni sulla direzione di uniformità in cui versa il mondo, l’esempio comune è quello delle catene di alberghi. Per cui non si riescono a fare distinzioni tra strutture distanti migliaia di chilometri l’una dall’altra, dove all’interno delle quali troveremo gli stessi arredamenti, le stesse scelte di colore e addirittura gli stessi formalismi. Passando poi per il dress code che anch’esso avvicina tutti e, sempre meno, sono le persone che riescono a rimanere aggrappate alle proprie tradizioni.
Anticipando così di ben dieci anni il filosofo Onfray che tratterà indipendentemente il tema, scrivendone un saggio e chiarendo in termini filosofici ogni punto trattato in questa parte del libro (1997 prima edizione di “Farfalle sul Mekong”, 2007 prima edizione di “Filosofia del viaggio”).

Dalla penna del protagonista vengono descritti tutti i momenti di dialogo e i retroscena di una realtà che si sta ancora riassestando. È un volto in parte in ombra quello del Vietnam nel periodo post guerra che preoccupa sensibilmente i due viaggiatori, essi infatti troveranno piccole difficoltà fin dalla richiesta del visto e non riusciranno a nascondere tra le righe le proprie paure.
Il tutto non pregiudica però la stesura del testo che è sempre ricca di dettagli, sotto una pesante impronta giornalistica incapace di farsi sfuggire qualcosa, l'autore sarà in grado di farci percepire ogni sfaccettatura del paesaggio che lo circonda.
Non mancano innovative (quindici anni fa lo erano sicuramente) scoperte gastronomiche come cobra, cane o coccodrillo. E culturali come la cerimonia di matrimonio all’interno di un villaggio Vietnamita.

Bellissima inoltre la scoperta del significato di “Farfalle sul Mekong” ma questa storia lascio che la scopriate leggendo.

Il protagonista, con incessante impegno farà di tutto per comprendere a pieno abitudini, tradizioni e storia dei locali ma per tutto il viaggio non lo vedremo mai abbandonare le scarpe del turista per inoltrarsi in quei percorsi meno battuti che il viaggiatore troverebbe per portamento. Un vero peccato per un testo scritto con tanta ricercatezza ma la battaglia che impelle da sempre e che vede come protagonisti viaggiatori e turisti non accenna ad affievolirsi neppure alle porte del 2013 e Ruggeri non ne è che un altra vittima.
Recensione di R.C. aka Spack Lele

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri di viaggio in genere
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri