Il ragazzo selvatico Il ragazzo selvatico

Il ragazzo selvatico

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Paolo ha trent'anni e si sente senza forze, sperduto, sfiduciato: gli sembra di non andare da nessuna parte. Così lascia la città dov'è nato e cresciuto e se ne va a stare in montagna, in una baita a duemila metri. Qui, nella solitudine quasi totale, riscopre una vita più essenziale e rapporti umani sinceri con gli unici due vicini di casa. La storia vera di una fuga e di un viaggio per ritrovare se stessi, per fare i conti con il passato, una lotta a mani nude contro il dolore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ragazzo selvatico 2017-12-15 04:03:00 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    15 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Come Robinson

Il ragazzo selvatico sembrerebbe essere lo stesso Paolo Cognetti. In ogni caso è un uomo che, varcata la soglia dei trent’anni, è ancora alla ricerca di se stesso. Per ritrovarsi, si isola in una baita di montagna e si vota alla solitudine (“Ero io la popolazione. Come Robinson sull’isola deserta potevo proclamare a voce alta: Sono io il monarca di tutto ciò che vedo…. Rappresentavo, allo stesso tempo, l’abitante più in vista e quello caduto in rovina…”).

Le frequentazioni umane sono limitate a qualche montanaro, ai due ragazzi del rifugio, agli avventizi che si avventurano da turisti in montagna (“Andrea li chiamava gli effimeri”), ai maledetti cacciatori…
Più frequenti sono gli incontri con gli animali: volatili (“Rigoni Stern classificava le nevicate tardive: neve della rondine a marzo, neve del cuculo ad aprile, e l’ultima per lui era la neve della quaglia”) dall’innocuo fringuello alpino alla maestosa aquila, marmotte, volpi, camosci e stambecchi (gli stambecchi… “non sono prudenti come i camosci, non vengono cacciati ormai da un secolo e hanno smesso di temere l’uomo”).
Nella solitudine della baita, c’è spazio e tempo anche per la lettura di Primo Levi e per le poesie di Antonia Pozzi.

I sentimenti spaziano dall’armonia alla disperazione nera. Con quest’esperienza Il ragazzo selvatico forse non ritrova se stesso, ma una cosa è certa: recupera il suo rapporto con la montagna e con la natura.

Giudizio finale: ecologico, ascetico e ascendente.

Bruno Elpis

P.S. mi son fatto fotografare con Cognetti alla Hoepli, ahahah:
http://www.brunoelpis.it/le-interviste/1604-paolo-cognetti-alla-hoepli-di-milano

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
Le otto montagne, naturalmente
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ragazzo selvatico 2017-09-11 08:21:33 Riccardo76
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    11 Settembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La montagna, compagna di solitudine

Sarà per un desiderio di montagna che ho o per il piacere di vivere momenti di solitudine a calmare il turbinio mentale che spesso mi appesantisce, probabilmente entrambe le cose hanno reso piacevole la lettura di questa storia, bello l’effetto di risonanza con il mio stato d’animo attuale.
Il racconto autobiografico di Cognetti è una fuga dalla città alla ricerca della solitudine come antidoto al frastuono e al caos quotidiano delle nostre vite, come cura alla dispersione emorragica di energie emotive. La quiete dell’isolamento e dell’eremitaggio per apprezzare al meglio ogni singolo incontro umano.
L’autore, in una baita a duemila metri di quota, va alla ricerca delle sue radici, persegue la felicità nel suo tornare alla condizione selvatica, uno stato fisico e mentale che lo riporta in dietro nel tempo, alle sue camminate e arrampicate con la guida che lo iniziò a questa passione.
“L’eremita” entra in connubio con la natura, fatica a interiorizzare i suoni della montagna in quota, dei suoi odori delle sue emozioni, incontra due vicini di casa con la quale riesce a stabilire un rapporto intenso, intimo, essenziale e primordiale.
Una bella scrittura quella di Cognetti, fresca, diretta e semplice, senza sofismi che appesantiscono la lettura e complicano inutilmente il piacere di vivere un libro e la sua storia. In un’intervista lo scrittore conferma il suo desiderio di rapporti umani profondi e importanti, spiega il senso che lui dà alla solitudine, un antidoto per rendere più intensi i rapporti e gli incontri che ogni giorno si fanno.
Un bel libro, una bella storia autobiografica che fa riflettere sulle nostre vite piene di gente e di eventi, ma spesso vuote di contenuti e valori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri