In Sicilia In Sicilia

In Sicilia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Con tutte le sue contraddizioni, in cui convivono spiritualità e violenza, bellezza sublime e deturpata, ricchezza e miseria, la Sicilia, crocevia della Storia, è metafora e specchio dell'Italia intera. Matteo Collura rivisita luoghi, persone, coglie atmosfere lungo un itinerario - non soltanto geografico - fatto anche di strani nomi, curiosi suoni. Un viaggio insieme 'fisico' e immaginario, che attraversa la realtà per giungere al mito e viceversa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
In Sicilia 2014-06-05 04:59:30 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    05 Giugno, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’irredimibilità

In Sicilia è uno strano libro, che potrebbe sembrare un cahier de voyage – e in parte lo è – ma con una finalità ben diversa da quella di mostrare le immagini di una terra che indubbiamente presenta molte attrattive. Tuttavia il paesaggio è uno scenario di una rappresentazione teatrale i cui attori sono gli abitanti dell’isola, coloro per i quali è anche ragionevole supporre che esista una ben precisa correlazione con l’ambiente naturale in cui si trovano a vivere.
Collura, nato ad Agrigento, ma che vive ormai da molto tempo a Milano, compie così un viaggio nella sua terra natia, un viaggio che potremmo senz’altro definire sentimentale, ma che unisce alle emozioni del cuore la logica e fredda razionalità della mente, che finisce con il porre ben in evidenza le profonde contraddizioni degli abitanti dell’isola, contraddizioni che, a ben guardare, sono in forme e misure diverse proprie di tutti gli italiani.
E nemmeno lui è immune dalle contraddizioni, tant’é che il libro non è definibile come genere in modo esatto, anche perché non pochi sono i suoi aspetti letterari, con espliciti riferimenti a grandi autori siciliani, in primis Tomasi di Lampedusa e Luigi Pirandello.
È quindi più che logico chiedersi il perché della stesura di questo libro, il perché di questa ricerca quasi ossessiva per comprendere le caratteristiche di una popolazione che è sempre stata dominata, che ha sempre avuto tanti padroni, al punto da considerare gli abitanti gli inquilini dell’isola. A tratti ridente, e assai più spesso aspra, questa terra ha forgiato anche il carattere delle sue genti, in balia di questo o quel dominatore, di una dinastia e di un’altra, sempre interessata a sfruttare i suoi possedimenti. Il siciliano sembrerebbe non avere l’orgoglio di essere tale, come del resto l’italiano, e quindi con un sentimento di nazionalità assai limitato.
Ma Collura non è un disfattista, é solo un uomo che cerca la verità, come hanno fatto tanti altri autori siciliani (al riguardo basti pensare a Leonardo Sciascia che al cogliere ciò che si cela sotto l’apparenza ha improntato tutta la sua produzione letteraria).
Certo sentimentalmente è legato alla sua terra, ma appunto non vuole tacerne le incongruenze, tanto che il libro inizia a Portella della Ginestra, luogo che il 1° maggio 1947 fu teatro della strage compiuta da Salvatore Giuliano e dalla sua banda. Portella della Ginestra è un nome gentile, di quelli che fanno pensare a un panorama ameno, a un luogo quasi panteistico, e invece sarà sempre associato a un orrendo fatto di sangue. Il viaggio poi prosegue a Cassibile, llocalità in cui fu siglato l’armistizio durante la seconda guerra mondiale e di quel posto storico, dove sotto una tenda il generale Castellano, plenipotenziario italiano, appose la sua firma a quella resa senza condizioni, non resta traccia, non c’è nemmeno una stele, una targa a ricordare il fatto e questo costituisce lo spunto per parlare della Sicilia come terra di conquista.
Sono tanti i luoghi e tante le occasioni, e non mancano le presenze di autentiche eccellenze letterarie, che ogni tanto si affacciano sulle pagine (Luigi Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Sciascia, Brancati, tanto per citarne alcuni).
E pagina dopo pagina si disegna l’immagine di un popolo dalla natura irredimibile (come scriveva Tomasi di Lampedusa nel Gattopardo), al pari del paesaggio su cui in perfetta sintonia si muove, personaggi di una commedia della vita dalle infinite rappresentazioni, uomini e donne, in perenne contraddizione con ciò che è e che non dovrebbe essere e con ciò che non è che invece dovrebbe essere.
Da leggere, per meglio conoscere non solo la Sicilia e i suoi “inquilini”, ma anche noi, al pari “inquilini” dell’Italia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri