L'odore dell'India L'odore dell'India

L'odore dell'India

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nel 1961, in compagnia di Alberto Moravia ed Elsa Morante, Pier Paolo Pasolini si reca per la prima volta in India. Le emozioni e le sensazioni provate sono così intense da spingerlo a scrivere queste pagine, un diario di viaggio diventato un vero e proprio libro di culto. Pasolini si aggira attento e curioso nella realtà caotica e affascinante del sub continente indiano, osservando i gesti e le movenze della gente, seguendo i colori dei paesaggi e soprattutto l'odore della vita, "di poveri cibi e di cadavere che, in India, è come un continuo soffio potente che dà una specie di febbre".

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'odore dell'India 2017-11-13 12:09:48 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    13 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ieri. Oggi. Domani?

Un viaggio agli albori degli anni Sessanta in compagnia di Moravia ed Elsa Morante, in un Paese dove la prima volta non e' mai qualunque.
E' un impatto violento e sfrontato, uno shock che segna e non puo' che indurre la penna di uno scrittore a tracciare; ad essa infatti Pasolini confida e affida le sue impressioni.
Non cercate itinerari di luoghi, restereste delusi. Si tratta di un percorso delineato da corpi, da stracci, da mendicanti e fame e malattie. Da sorrisi radiosi che si aprono sì su tante labbra, ma come gesti di dolcezza piu’ che di allegria.
La prima notte indiana a Bombay, approdi in diverse altre citta’, un viaggio che sostanzialmente si rivelera’ essere, ovunque, il diario di un uomo che così si identifica: “ …io vado in giro, perdutamente solo, come un segugio dietro la peste dell’odore dell’India”.
Una borghesia nascente si contrappone arrogante ad una massa di moribondi ed analfabeti, uomini e donne, vecchi e bambini coperti da un brandello di tela lurida, uniti dalla solidarieta’ di chi nella miseria nasce vive e muore da sempre , accettandola con mite rassegnazione .

L'odore dell'India e' dolce e acido. Ebbri, ci si ritrova trafitti e commossi, sradicati dalle certezze e privati delle risposte.
Pierpaolo Pasolini torno’ dall’India grondante di pieta' ed il suo turbamento e' esplicito, tangibile, confonde la sua confusione.
All'orizzonte il sacro fiume, nel lento scorrere del Gange immergono cadaveri prima di bruciarli, carcasse di animali galleggiano. Intanto, con naturalezza, la gente si lascia avvolgere dalle grigie acque per le solite abluzioni.

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'odore dell'India 2015-06-13 14:53:04 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    13 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'odore dell'India

Tre amici partono per l'India nel 1961 per un soggiorno di qualche settimana: si chiamano Alberto, Pier Paolo ed Elsa.
Si tratta di Moravia, Pasolini e Morante.
Pasolini affidò alle pagine del volumetto “L'odore dell'India”, il racconto del viaggio, raccogliendo tutte le immagini, i volti, i suoni, i colori e gli odori di un paese che lo colpì nel profondo.
Non si tratta di un diario su cui annotare in maniera sterile nomi di città, di templi, di fiumi, ma di un momento narrativo per incrociare il reportage alla riflessione personale.
Traspare tanta genuinità di sensazioni ed emozioni provate dall'autore, tanto stupore e meraviglia per le singole storie di vita delle persone in cui s'imbatte.
Un approccio sincero ad una cultura e ad un mondo che si collocano lontano dall'occidente, facendo scorrere la vita su binari differenti.
Pasolini abbandona subito le vesti di viaggiatore, calamitato dai visi che incontra per le strade, cercando di comunicare con un bimbo che lo segue per avere qualche spicciolo di elemosina o con un padre stremato dalla fatica e malato. Cerca la vicinanza della gente, cammina per le strade di Calcutta, Benares, Bombay, di giorno e di notte per osservare ed ascoltare.
C'è un uomo commosso tra queste pagine, consapevole degli stenti del popolo di cui è ospite, ma riconoscente per l'ospitalità e per l'occasione di crescita personale.

Un testo interessante che fortunatamente l'editoria pubblica ancora ; un testo utile per affacciarsi ad una finestra aperta sull'India di ben cinquant'anni fa, oggi che viene annoverata tra le potenze economiche in pieno sviluppo ma che è ancora piagata da enormi sacche di povertà e degrado come allora.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'odore dell'India 2012-01-16 11:51:25 Sancara
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sancara Opinione inserita da Sancara    16 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'esperienza straordinaria

Il libro di Pasolini, frutto di un esperienza di viaggio in India nel 1961, deve essere letto assieme a quello del suo compagno di viaggio, Alberto Moravia (Un'idea dell'India). I due testi sono complementari perchè racchiudono un diverso approccio alle contraddizioni e alla ricchezza culturale indiana. Già dai titoli che i due viaggiatori (assieme a loro c'era anche la moglie di Moravia, Elsa Morante) hanno dato ai propri racconti è possibile delineare la grande diversità del loro pensare all'India. Moravia si interroga sul futuro di quel grande paese (al tempo del viaggio non erano passati 15 anni dall'indipendenza), ricco di magnifiche testimonianze del passato, dal presente incerto, complesso e talvolta penoso, ma da un futuro sicuro. Pasolini invece, proprio per sua natura, si immerge nelle strade dove la gente vive, ne assapora i ritmi del pulsare di un'umanità vivace, ne percepisce l'intimo odore, senza porsi molti interrogativi se non di natura estetica ed emotiva.
Da questi due diversi approcci, la necessità di di leggere entrambi i testi, in un raffronto che guida il lettore verso un'immagine di un paese, in cui pensieri ed emozioni si fondono in una magnifica amalgama.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Un'idea dell'India
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che trema
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Isola di neve
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri